“Chi l’ha visto?”, anticipazioni puntata del 16 ottobre: arrestato l’assassino di Alessia Calvani

By on ottobre 15, 2013
alessia-calvani

text-align: center”>Chi l'ha visto?

ANTICIPAZIONI “CHI L’HA VISTO?”, PUNTATA DEL 16 OTTOBRE: L’ASSASSINO DI ALESSIA CALVANI HA FINALMENTE UN VOLTO. Nuovo appuntamento mercoledì 16 ottobre con Chi l’ha visto?, il programma di Raitre dedicato alle scomparse e ai misteri insoluti guidato con successo da Federica Sciarelli e trasmesso dallo studio 2 del Centro di Produzione Tv della Rai di via Teulada a Roma, che domani si occuperà della tragica morte di Alessia Calvani. Intorno alle 23.30 del 2 settembre dell’anno scorso, la quindicenne si apprestava ad attraversare la strada sotto la pioggia con un’amica in via Epitaffio (meglio conosciuta come via della stazione), nel centro di Latina Scalo. Entrambe dovevano raggiungere piazza San Giovanni, dove il padre dell’amica le attendeva per ricondurle a casa. Alessia ha seguito l’amica ma, giunta al centro della carreggiata, un’auto sopraggiunta ad altissima velocità l’ha travolta. Il pirata della strada che ha travolto Alessia si è dato alla fuga. La ragazzina è stata immediatamente soccorsa e portata in gravissime condizioni all’ospedale Santa Maria Goretti, dove ha smesso di lottare alle 14:30 del giorno dopo, senza aver mai ripreso conoscenza, a causa delle gravi ferite riportate. I genitori hanno autorizzato l’espianto degli organi.

chi-lha-visto-parla-il-fratello-di-alessia

L’OMICIDIO DI ALESSIA CALVANI: L’AUTO PIRATA E’ UNA MERCEDES CLASSE “A”. Nelle settimane successive all’incidente, la Polizia Stradale ha diffuso le immagini di due telecamere installate a poche centinaia di metri dal punto in cui Alessia è stata travolta. Secondo la ricostruzione degli investigatori, l’auto pirata ha attraversato l’incrocio a semaforo rosso. In alcuni fotogrammi si intravede una Mercedes Classe A grigia che, secondo la testimonianze dell’altra ragazzina, aveva come prima lettera della targa una D. Una Opel Corsa bianca quella sera avrebbe incrociato l’auto pirata. A bordo c’erano due giovani, uno dei quali è sceso in un bar poco distante dal luogo dell’incidente ed è risalito un attimo prima che l’auto riprendesse la marcia in direzione Sermoneta. Inoltre, come testimoniato dai fotogrammi, una Berlina scura, probabilmente una Audi A4, stava seguendo la Mercedes Classe A al momento dell’impatto.

ALESSIA CALVANI: SANGUE INNOCENTE SENZA GIUSTIZIA. A distanza di un anno, Emanuele Fiorucci, 43 anni, è stato arrestato dopo un lungo interrogatorio nel quale ha confessato che quella sera si trovava alla guida della Mercedes Classe A che ha travolto e ucciso Alessia Calvani. L’accusa formulata dalla Procura di Latina è di omicidio volontario. L’auto è stata rubata quella stessa sera e abbandonata nelle campagne fino al mattino successivo, quando è stata fatta sparire. Le indagini della squadra di Polizia Giudiziaria della Stradale proseguono per individuare eventuali complici che abbiano offerto copertura e aiuto a Fiorucci. Il fratello della ragazzina domani sera sarà in studio per lanciare un appello e chiedere che si faccia giustizia. Chi l’ha visto?è un programma di Giuseppe Rinaldi e Federica Sciarelli, a cura di Laura Rulli e Viviana Saita, prodotto da Barbara Mariani e diretto da Simonetta Morresi. L’appuntamento è per domani alle 21.05 su Raitre.

Clicca qui se ti sei perso/a la puntata precedente durante la quale si è parlato dell’inspiegabile morte di Mario Biondo, il cui corpo senza vita è stato rinvenuto dalla governante nella sua casa di Madrid

About Emanuele Fiocca

Nato a Soveria Mannelli (Catanzaro) il 7 Luglio 1987, è un calabrese doc. Attratto dalla televisione fin da bambino, ha maturato negli anni esperienze in diversi programmi della RAI come UnoMattina in Famiglia, Mezzogiorno in Famiglia, Alle Falde del Kilimangiaro, L'Arena e Domenica In. Caporedattore de LaNostraTv dall'11 Agosto 2014 e Responsabile Editoriale di "Lavorare Nello Spettacolo", le sue più grandi passioni sono la natura, il giornalismo e ovviamente la Tv!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *