Le Iene Show: l’alta velocità e il figlio di un prete pedofilo, tra i servizi di questa sera

By on ottobre 22, 2013
foto del logo de le iene

text-align: center”>foto del logo de le iene

ANTICIPAZIONI LE IENE SHOW. Questa sera, alle 21.10 su Italia1, andrà in onda una nuova puntata de Le Iene Show, dopo le mille polemiche sul video censurato dell’intervista doppia a Belen e Stefano, trasmesso la scorsa settimana. Il programma, condotto da Ilary Blasi, Teo Mammucari e la Gialappa’s Band, tornerà nuovamente ad approfondire temi di stretta attualità. Tra i servizi della puntata odierna quello sull’Alta Velocità. Da molto tempo si sente parlare di TAV, la linea di treni d’alta velocità, che fa parte di un progetto europeo per rendere i trasporti più facili, veloci ed economici. Il NO TAV è il movimento che in Italia si oppone alla costruzione del tratto italiano di ferrovia veloce, quello che da Torino, attraverso la Valsusa, dovrebbe congiungersi a quello francese fino a Lione. In seguito alle dichiarazioni di alcuni No Tav, Le Iene verificano la presenza in rete di un documento chiamato “Mobilitè 21”, lo studio sui trasporti francesi della commissione nominata da Hollande. Uno dei suoi punti dice che: “Nessuna grande opera, tra cui l’alta velocità tra Lione e Torino, si realizzerà in Francia prima del 2028-2030”. Questa sera sarà mostrata l’intervista a Ives Crozet, uno dei 10 membri della commissione Mobilitè 21, professore di Economia all’Università di Lione e membro del Laboratorio di Economia dei Trasporti. Crozet ribadisce che: “negli orizzonti futuri di realizzazione, non verrà realizzato quasi niente prima del 2025-2030”; e sottolinea che: “per il momento i lavori sono fermi”.

foto-cast-le-iene

ANTICIPAZIONI LE IENE SHOW. La iena Pablo Trincia, continuerà ad indagare sul caso di Erik, il ragazzo di 33 anni, che, nel servizio andato in onda settimana scorsa, ha raccontato di come la madre, all’età di 14 anni, fosse stata abusata da un prete. Per anni il giovane, che nacque da quella violenza, ha chiesto alla diocesi di Ferrara di ridurre allo stato laicale quel prete. Nel 2011 Erik ha poi ottenuto il riconoscimento di paternità tramite il test del Dna. Ai microfoni della trasmissione, il ragazzo ha, quindi, fatto un appello a Papa Francesco affinché venga fatta giustizia; le Iene, hanno, inoltre, lanciato l’hashtag #papaascoltaerik attraverso il proprio sito e da una settimana, in rete, si è diffusa la notizia dell’appello di Erik. Moltissime le reazioni a questa vicenda, tra cui quella di un gruppo di ragazzi che, domenica scorsa, durante l’Angelus a Roma, hanno esposto lo striscione “#papaascoltaerik”. Questa sera conosceremo gli sviluppi di questa complicata vicenda. Non mancheranno i momenti di spensieratezza con il rapper siciliano Mariano e gli ultras dei vip Pio e Amedeo. Appuntamento alle 21.10 su Italia1 per una nuova puntata de Le Iene Show.

About Salvatore Petrillo

Avellino gli ha dato i natali, sotto il segno del Toro. La sua passione per la conduzione televisiva e tutto quanto fa spettacolo è nata con lui e fin da piccolo partecipa a feste, recite e saggi. All’età di 8 anni comincia lo studio del pianoforte frequentando poi il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino. Laureatosi prima in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Salerno e poi in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti, continua ad approfondire e conoscere meglio tutte le varie sfaccettature del mondo televisivo. Collabora con il quotidiano a tiratura regionale Corriere dell’Irpinia scrivendo di attualità, cronaca, spettacolo e con l’agenzia di organizzazione eventi ADVS di Roma. Dopo una parentesi di un anno e mezzo a Londra, dove ha cercato di rubare i trucchi del giornalismo anglosassone, torna in Italia per frequentare un corso di dizione e uso della voce e uno di conduzione televisiva presso l’Accademia 09 di Milano. In futuro sogna di farsi strada nel mondo della conduzione televisiva e dello spettacolo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *