Madonna fa infuriare i gestori di un cinema: Troppi sms, se non si scusa non potrà più metterci piede

By on ottobre 15, 2013
Madonna-apparecchio-3

text-align: center”>madonna cacciata da una catena di cinema

MADONNA BANDITA DA UN’INTERA CATENA DI CINEMA – Avere una celebrità all’interno del proprio locale, pub, cinema o teatro che sia, può avere in alcuni casi dei risvolti poco piacevoli sia per gestori dei locali che per la gente che lo frequenta, ma anche per la celebrità stessa che potrebbe rischiare di venire bandita per sempre da una catena intera. Questo è quanto accaduto alla pop star Madonna, maniaca compulsiva degli sms che si è fatta cacciar via da un’intera catena di cinema per via delle sue fastidiose dita continuamente pressate sullo schermo del suo cellulare. Il fattaccio si è consumato al Walter Reade Theater del Lincoln Center di New York durante la prima di 2 Years A Slave, film sulla vita del violinista Solomon Northup  con la regia di Steve McQueen, durante la quale la cantate, non curante del folto numero di spettatori accorsi alla prèmiere, ha consumato il tutto il tempo del film ad utilizzare il cellulare per inviare sms, disturbando non poco i vicini di poltrona. Questi ultimi, quando hanno chiesto alla pop star di mettere da parte il cellulare, si sono sentiti rispondere uno sgarbato “È per lavoro, schiavo!“, continuando imperterrita a mandare i suoi sms.

madonna-apparecchio-2

Nella gallery le immagini più recenti di Madonna e del suo orribile apparecchio

SE NON SI SCUSERÀ, NON METTERÀ PIÙ PIEDE NEI CINEMA DELLA CATENA – La catena di cinema che ha imposto a Madonna di non mettere più piede all’interno delle sue sale è la texana La The Alamo Drafthouse, il cui vicepresidente ha immediatamente informato i suoi followers, oltre che la cantante, con un tweet repentino che lascia poco spazio agli equivoci:

Finché non si scuserà col pubblico, Madonna è interdetta dal guardare i film

A quanto pare, l’embargo che grava sulla testa della cantante non è proprio definitivo, ma lascia uno spiraglio aperto nella speranza che la signora Ciccone si penta del malfatto e rilasci pubbliche scuse a tutti quanti sono stati distratti dal mega schermo, non a causa della sua presenza, ma del suo fastidioso modo compulsivo di abusare del cellulare. Ma si scuserà mai?

PRIMA I CLIENTI, POI LE CELEBRITÀ – Pensate che il monito del vicepresidente sia solo una battuta e che, alla prima occasione, le permetterà di nuovo di entrare in un cinema pur non essendosi scusata? Eh no, la catena in questione è infatti nota per il suo ferreo rispetto delle regole, ed in cima a tutto, come ogni buona azienda che elargisce servizi, c’è il rispetto assoluto del cliente, e non solo da parte degli addetti. La frase postata, nata come una battuta, è stata poi rinforzata da un successivo tweet in cui lo stesso vicepresidente continua:

Sono serio, ma non credo che questo la colpisca più di tanto

Se è vero il detto che morto un papa se ne fa un altro, per Madonna non dev’essere affatto difficile trovare un altro cinema disposta ad accoglierla sulle proprie comode poltroncine (magari anche con biglietto e pop-corn in omaggio). Madonna non è di certo la prima vip internazionale salita alla ribalta per la sua noncuranza dei rapporti di buon vicinato; qualche tempo fa, anche il talentuoso James Franco è salito alla ribalta della cronaca per il suo essere poco dedito al rispetto dei vicini… Che questo sia il prezzo da pagare per farsi amiche le celebrità?

About Vito Tricarico

Nato nel cuore del sud nel 1993, diplomato da non molto come Tecnico della Gestione Aziendale. Curioso osservatore con la voglia di costruirsi ogni cosa con le proprie mani, dedica il proprio tempo a dilettarsi nella scrittura, nel disegno e dare seconda vita ad oggetti comuni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *