Miss Italia: ladri nella notte, furto da migliaia di euro

By on ottobre 30, 2013
giulia arena

IL BOTTINO DI MISS ITALIA – Miss Italia, piove sul bagnato. A coronare quella che è stata definita un’edizione disastrosa ci pensano perfino i ladri. Così non bastavano le critiche ai conduttori Ghini e Bocci, il plebiscito di dissensi sulla Chillemi, il “mai più” del giurato Salvo Sottile, i dubbi sulla vincitrice Giulia Arena e gli ascolti sotto le scarpe della serata. Ci mettiamo in mezzo un furto da migliaia di euro di attrezzature fotografiche, decine di portelloni rotti e tanto ma tanto rame portato via dai malviventi. I furti, avvenuti a Jesolo intorno al carrozzone della kermesse, probabilmente sono da imputare alla stessa banda di ladri che già dopo la serata si sarebbero aggirati tra le sedie del pubblico.

la-miss-2012-giusy-buscemi

L’ALLARME DEL FOTOGRAFO – I ladri, secondo una prima ricostruzione, avrebbero scardinato i portelloni dei camion così da rubare decine e decine di metri di filo di rame. Poi, nella notte, avrebbero rubato le attrezzature di un fotografo della serata, tale Simone Manzato che, dopo anni di gavetta (lavora per anni fotografando bagni) decide di investire nella sua attività comprando un attrezzatura molto costosa e si vede portare via 12 mila euro di apparecchi. È proprio lui a dare l’allarme e ad accorgersi del furto dopo la cena di gala. Manzato, infatti, di ritorno nel parcheggio trova una gomma bucata. Un tranello costruito ad hoc per un furto messo in atto da professionisti.

LE DINAMICHE DEL FURTO – Il fotografo si mette a cambiare la ruota bucata e appoggia la borsa sul sedile per farlo. Impiega circa un quarto d’ora per portare a termine l’operazione e, quando si rialza, la borsa è sparita. “Qualcuno, senza che me ne accorgessi, mi ha portato via tutto quanto. Ho investituto tutto quello che avevo in quella attrezzatura, mi hanno messo in ginocchio; avrei dei lavori già commissionati ma non ho i soldi per ricomprare delle macchine. Sono disperato“. Questo l’appello di Manzato ma, intanto, con questa ciliegina sulla torta (venuta male) si chiude la pagina di Miss Italia. Altro che corona e scettro per la bionda siciliana, il bottino più grosso l’hanno preso i ladri.

About Simone Rausi

Quando nacque a Catania nel 1986, Pippo Baudo urlò “Fantastico!”. Già, la settima edizione era in onda su Raiuno in quel momento. Ha divorato decenni di fiction e programmi tv prima di laurearsi in Scienze della comunicazione. Ha fatto lo speaker, il giornalista, il blogger e attualmente è copywriter presso un’agenzia di pubblicità (ma sua nonna dice in giro che fa il copriwater). Ha scritto un romanzo sui carciofi ma non ne mangia uno da anni. Lo trovate su tutti i social network del mondo… o davanti qualche schermo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *