Servizio Pubblico, caso Bonev: l’Ordine dei Giornalisti bacchetta Santoro

By on ottobre 19, 2013
Santoro nel mirino del pdl

text-align: center”>Santoro nel mirino del pdl

CICLONE BONEV A SERVIZIO PUBBLICO, BUFERA SU MICHELE SANTORO. Arrivano le prime dichiarazioni ufficiali dell’Ordine dei Giornalisti in merito alla contestatissima puntata di giovedì scorso del talk show di punta de La7, dove è andata in scena un j’accuse particolarmente pesante nei confronti dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Reazioni a valanga alle rivelazioni dell’attrice e produttrice bulgara si sono succedute senza soluzione di continuità già durante la diretta, quando le principali agenzie di stampa cominciavano a battere le prime notizie-bomba provenienti dagli studi del programma di Santoro. Tra i più indignati per i temi affrontati da Servizio Pubblico, gli esponenti nazionali del Popolo della Libertà, pronti a fare la guerra in ogni sede sia contro Michelle Bonev che contro il conduttore della trasmissione, attualmente sotto il fuoco incrociato di parlamentari e giornalisti non solo dell’area politica di riferimento del Cavaliere di Arcore.

michele-santoro-sul-caso-bonev

MICHELLE BONEV SFIDA BERLUSCONI, FURIA PDL CONTRO SERVIZIO PUBBLICO. Una presa di posizione esplicita dell’organismo nazionale di riferimento della categoria dei giornalisti era stata sollecitata con insistenza dai massimi rappresentanti del centro-destra, schierati compatti nell’ennesima contesa pubblica, immediatamente sfociata in battaglia legale, con Santoro e con la direzione de La7. Erano stati Renato Brunetta, Daniela Santanchè, Francesco Paolo Sisto e Mara Carfagna i primi a commentare, con parole al vetriolo, lo “speciale Berlusconi” di Servizio Pubblico: “Roba da serial killer, “nuovi veleni”, “volgare qualunquismo” ed altre espressioni più o meno colorite avevano seguito a ruota la messa in onda della rovente intervista alla Bonev di avantieri sera. Dopo 2 giorni di polemiche e colpi bassi, il clima sembra destinato a rimanere teso, non solo per la milionaria richiesta di risarcimento (20 milioni di euro, che la compagna di Berlusconi vorrebbe devolvere in beneficienza alle case-famiglia) annunciata da Francesca Pascale in virtù delle “offese personali” subite durante la trasmissione.

SERVIZIO PUBBLICO, PUNTATA “BOLLENTE” SU BERLUSCONI: INTERVIENE ANCHE L’ORDINE DEI GIORNALISTI. Interpellato sul tema del delicato equilibrio tra diritto-dovere di cronaca e rispetto della privacy sulla sfera personale, il segretario dell’Odg Paolo Pirovano non ha lesinato critiche nei confronti di Michele Santoro, bacchettato per “il mancato rispetto delle regole, evidentemente valide solo per le persone a lui vicine”. Più precisamente, non è andata giù al portavoce dell’Ordine il metodo usato dal programma de La7, sul banco degli imputati per “aver spiato dal buco della serratura”, discriminando tra donne di serie A e di serie B, queste ultime non tutelate dalla diffusione indiscriminata di “dati sensibili”. Un’altra tegola, non certo leggera, sulla testa del giornalista campano, che da qui alla prossima settimana sarà chiamato a preparare una linea difensiva adeguata al duro scontro in corso.

 

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *