Milly Carlucci sulla mancata pubblicità durante l’infortunio di Anna Oxa: “Va mandata in orari definiti, non potevamo farla ripartire”

By on novembre 14, 2013
MillyCarlucci-caso-Anna-Oxa

text-align: center”>MillyCarlucci-caso-Anna-Oxa

BALLANDO CON LE STELLE 9 – Lo scorso sabato, nel corso della diretta di “Ballando con le stelle 9” abbiamo assistito ad un infortunio in diretta, quello di Anna Oxa. La cantante infatti, mentre si esibiva con Samuel Peron in un passo a due, si è accasciata a terra a causa di una frattura al menisco riscontrata mente si esibiva, ed è stata portata via in barella, non senza essere seguita prontamente da numerose telecamere, già appostate nei punti strategici dello studio, che hanno permesso di documentare attimo per attimo quanto accaduto. Se si considera che la puntata condotta da Milly Carlucci, è andata in onda in contemporanea con la finale dello show di Canale 5, “Italia’s Got Talent”, qualche dubbio sorge spontaneo: lo scalpore provocato dall’imprevisto misfatto ha infatti spostato in parte l’audience dal quinto al primo canale, senza comunque far vincere il programma di Rai 1.

BALLANDO CON LE STELLE 9, INFORTUNIO ANNA OXA – La polemica successiva però è stata un’altra: Anna Oxa ha fatto parlare di sé per tutta l’edizione in corso, e come se non bastasse la padrona di casa Carlucci ha rifiutato di mandare in onda la pubblicità preferendo documentare ogni momento con le telecamere, e giustificando il gesto nelle ore successive dal proprio blog, con alcune affermazioni.  

anna-oxa-ballando-infortunio

La pubblicità stessa va mandata ad orari più o meno definiti, stabiliti dalla Rai e dalla Sipra e in effetti era appena passato un blocco pubblicitario, in ogni caso non ho l’autorità di infrangere i regolamenti vigenti sugli affollamenti pubblicitari, che oggi sono molto precisi, oggetto di grande controllo e attenzione e possono far scattare pesantissime sanzioni per l’Azienda Rai“.

ANNA OXA E LA PUBBLICITA’ MANCATA – Visto che la storia della televisione è piena di imprevisti, svenimenti o cose simili, alle quali le numerose dirette ci hanno abituato nel corso degli anni, e che in tutti gli altri casi i diretti interessati hanno avuto la decenza di mandare la pubblicità immediatamente per rassicurarsi relativamente alla salute di chi mostrava segni di debolezza o cedimenti, viene da pensare a due possibili soluzioni: o le regole pubblicitarie sono diventate così ferree da non poter essere infrante (molto poco probabile), oppure l’infortunio della Oxa è stato seguito ad hoc per sottrarre pubblico alla spietata concorrenza di Canale 5. La risposta reale a questo enigma forse non arriverà: nel frattempo “Ballando con le stelle 9”, tornerà con i restanti concorrenti in diretta sabato prossimo su Rai 1, in prima serata.

About Mara Guzzon

Nata nei pressi di Lodi, si è laureata in Scienze e Tecnologie della comunicazione presso lo IULM di Milano. Nella stessa città ha frequentato il Master in Giornalismo e critica musicale del CPM Centroprofessionemusica e ha iniziato ad intraprendere i primi passi nel mondo del giornalismo scrivendo e fotografando. Appassionata di musica, cinema e televisione, attualmente collabora con siti appartenenti al settore dell'intrattenimento e con una web radio.

One Comment

  1. Rossella

    novembre 14, 2013 at 13:46:26

    L’incidente di Anna Oxa sta diventando un affare di stato, non è accaduto fuori dagli studi rai e comunque è un incidente bello e buono. Della serie: sono cose che capitano!
    I loro insegnanti sono degli atleti e sanno che queste cose sono all’ordine del giorno. Perché sottovalutare il senso critico del pubblico?
    La censura in questo caso si presta a molteplici chiavi di lettura: sarebbe sembrato un teatrino montato ad arte e tutti gli artisti avrebbero perso la loro dignità. Non amo i paragoni ma sul piano dello stile il ritorno di Belen e Stefano al serale è inconcepibile, lo puoi apprezzare solo se consideri che quel linguaggio è fatto ad uso e consumo della televisione commerciale. La Rai è un’altra cosa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *