Rai, Fico risponde a Catricalà su contratto di servizio e privatizzazione: “Ascoltiamo i cittadini”

By on novembre 23, 2013
Fico chiede riforme per la Rai

text-align: center”>Fico chiede riforme per la Rai

RAI, DUELLO A DISTANZA TRA ROBERTO FICO E ANTONIO CATRICALA’. Tesi a confronto sul futuro della tv di Stato, in vista della non lontana scadenza del contratto di servizio e di altri appuntamenti di fondamentale importanza per l’azienda di Viale Mazzini. A farsi sentire, con un’intervista all’agenzia di stampa Adnkronos, è stato in queste ore Roberto Fico, presidente in carica della Commissione di Vigilanza ed esponente di punta del Movimento 5 Stelle. Al centro del dibattito, al momento, il nodo del cosiddetto “bollino” necessario per la ratifica del nuovo accordo tra Stato e Rai: “Prima di tutto, dovranno consentirci di svolgere le audizioni, calendarizzate in modo tale da poter ascoltare gli attori interessati, compresi sindacati e associazioni, ha precisato il portavoce del M5S in risposta ad alcune affermazioni del viceministro allo Sviluppo Economico, “perciò le valutazioni dell’organismo parlamentare arriveranno al termine di un percorso che servirà a discutere ogni aspetto relativo al contratto di servizio.

sede-centrale-della-rai

RAI, ROBERTO FICO RISPONDE A CATRICALA’ SUL NUOVO CORSO DELL’AZIENDA. Tanti sono in punti sui quali sarà difficile arrivare ad una soluzione condivisa, a partire dall’ipotesi di privatizzazione dell’ente radiotelevisivo, più volte messa sul tavolo da governi di qualsiasi colore e dibattuta su stampa e televisioni a vari livelli. La soluzione di vendere una o più reti pubbliche non è mai stata scartata in partenza da Catricalà, sin dai tempi del governo Monti, ma adesso si ragiona sui potenziali vantaggi o svantaggi dal punto di vista economico: “Non ha senso privatizzare, almeno fino al 2016”, ha osservato l’ex Garante della Concorrenza e del Mercato tornando a lanciare un sassolino sul tema caldo della riforma del servizio pubblico. Di diverso avviso, anche in questo caso, il massimo esponente della Vigilanza, deciso a chiedere “una legge antitrust e una disciplina sui conflitti d’interesse”, come premessa per discutere in un secondo momento di altri interventi sulla tv di Stato.

SULLA RAI BOTTA E RISPOSTA TRA ROBERTO FICO E ANTONIO CATRICALA’. “La Rai rimane un bene pubblico e quindi dovrebbe essere un vero presidio di cultura e informazione libera, ha aggiunto il rappresentante del Movimento 5 Stelle all’Adnkronos, completando una riflessione a tutto campo sul tema del rapporto tra Parlamento e vertici dell’azienda televisiva statale. Quanto all’eventualità di una proroga della scadenza del mandato degli attuali vertici, i giochi sembrano tutt’altro che fatti, dato che la scadenza naturale del Luglio 2015 divide governo e Commissione, col primo intenzionato (secondo quanto dichiarato proprio da Antonio Catricalà recentemente) a farla slittare di un anno e la seconda ferma sul rispetto della data prestabilita.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *