Tris d’assi a Rai1 dal 4 Dicembre: Michele Cucuzza, Rula Jebreal e Geppi Cucciari

By on novembre 26, 2013
foto di michele cucuzza

text-align: center”>foto di michele cucuzza

MISSION, IL REALITY SOCIALE DI RAI1. Tutto si può dire di Giancarlo Leone, tranne che non provi a svecchiare il pubblico della sua rete. Mercoledì prossimo, Rai1 manderà in onda due nuove produzioni, parecchio insolite per il proprio target di riferimento. In prima serata debutterà il tanto atteso reality sociale Mission-Il mondo che il mondo non vuole vedere. Dopo le mille polemiche che hanno accompagnato la lunga gestazione di questo nuovo format, mercoledì prossimo andrà in onda la prima delle due puntate del programma, in cui i protagonisti saranno dei volti noti, che racconteranno la loro esperienza nei campi profughi. La trasmissione affidata alle cure dell’insolita coppia di conduttori composta da Michele Cucuzza e Rula Jebreal, trasmetterà nel corso della prima puntata le testimonianze di Albano Carrisi con le figlie Cristel e Romina jr, che sono stati in Giordania, e dell’attore Francesco Pannofino con Candida Morvillo con le loro immagini in Mali. Nella seconda puntata dell’11 Dicembre vedremo il resto del cast composto da Paola Barale, Emanuele Filiberto di Savoia, Lorena Bianchetti, Cesare Bocci e lo stesso Cucuzza con Barbara de Rossi.

foto-logo-mission-rai1

DOPOTUTTO NON E’ BRUTTO: GEPPI CUCCIARI DEBUTTA SU RAI1. Al termine della prima puntata di Mission, debutterà un nuovo format sperimentale per Rai1: Dopotutto non è brutto. La trasmissione culturale che porterà gli spettatori alla scoperta delle italiche bellezze artistiche, vedrà alla conduzione Geppi Cucciari, al suo esordio a Rai1, affiancata dal critico d’arte Francesco Bonami. I due condurranno i telespettatori in un viaggio, lungo quattro puntate, che li porterà a Torino, Venezia, Roma e Napoli. La Cucciari, torna in video, dopo la fine della sua collaborazione con La7, sulla prima rete della tv di Stato. Lei e il suo potente agente Beppe Caschetto, sono riusciti nell’ardua impresa di strappare quattro seconde serate al re incontrastato della seconda serata di Rai1: Bruno Vespa. Il debutto della Cucciari si andrà a scontare con un documentario che Canale5 manderà in onda per festeggiare i 30 anni dello storico Drive In: Drive In 30- L’origine del male. Ad avere la meglio saranno i viaggi culturali della comica sarda o il ricordo di un programma principe della tv commerciale? Sia in caso di ascolti alti che di bassi risultati, bisogna riconoscere a Leone di non adagiarsi sugli allori e di imboccare la strada impervia e pericolosa della sperimentazione di nuovi formati e volti, su una rete difficile come Rai1. Chapeau!

About Salvatore Petrillo

Avellino gli ha dato i natali, sotto il segno del Toro. La sua passione per la conduzione televisiva e tutto quanto fa spettacolo è nata con lui e fin da piccolo partecipa a feste, recite e saggi. All’età di 8 anni comincia lo studio del pianoforte frequentando poi il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino. Laureatosi prima in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Salerno e poi in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti, continua ad approfondire e conoscere meglio tutte le varie sfaccettature del mondo televisivo. Collabora con il quotidiano a tiratura regionale Corriere dell’Irpinia scrivendo di attualità, cronaca, spettacolo e con l’agenzia di organizzazione eventi ADVS di Roma. Dopo una parentesi di un anno e mezzo a Londra, dove ha cercato di rubare i trucchi del giornalismo anglosassone, torna in Italia per frequentare un corso di dizione e uso della voce e uno di conduzione televisiva presso l’Accademia 09 di Milano. In futuro sogna di farsi strada nel mondo della conduzione televisiva e dello spettacolo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *