La prova del cuoco, 9 dicembre 2013. Le ricette del lunedì con Antonella Clerici, Alessandra Spisni, Andrea Mainardi e Anna Moroni

By on dicembre 9, 2013
prosciutto-natalizio-pronto

text-align: center”>La prova del cuoco

LA PROVA DEL CUOCO, LE RICETTE DEL 9 DICEMBRE: TAGLIATELLE CON RAGU’ DI MAIALE IN BIANCO – HAM A LA CAJSAWARG (prosciutto natalizio svedese) – CALAMARI RIPIENI DI PATATE CROCCHE’ IN SALSA DI CARCIOFI

TAGLIATELLE CON RAGU’ DI MAIALE IN BIANCO

Consulta la gallery fotografica per vedere la scheda dettagliata con gli ingredienti e l’immagine della pietanza.

PREPARAZIONE. Realizzare innanzitutto la sfoglia seguendo la procedura classica (ossia impastando la farina e le uova). Lavorare l’impasto per formare un panetto omogeneo da lasciar riposare. Nel frattempo stufare gli odori (precedentemente tritati grossolanamente) nello strutto. Unire la carne mescolandola bene per evitare che si formino grumi. Condire con sale e pepe. Bagnare in seguito con un goccio di vino bianco e lasciar evaporare. Aggiungere infine il latte e fare sobbollire fino ad ottenere una salsa cremosa. Stendere la sfoglia, dalla quale ricavare le tagliatelle. Lessare la pasta in abbondante acqua salata, scolarla e saltarla in padella con il ragù di maiale. Impiattarla e servirla calda.

Scopri qui le ricette proposte nella puntata di sabato: crepes di ceci; arrosto di maiale ripieno di castagne; filetto in crosta di pasta strudel

antonella-clerici-assaggia-in-diretta

HAM A LA CAJSAWARG (prosciutto natalizio svedese)

Consulta la gallery fotografica per vedere la scheda dettagliata con gli ingredienti e l’immagine della pietanza.

PREPARAZIONE. Tenere il prosciutto in acqua fredda per una notte intera per dissalarlo. Togliere poi la pelle (se è presente) e porlo sulla carta stagnola. Pestare in un mortaio pepe, rosmarino, chiodi di garofano, maggiorana e alloro, spolverando con il misto di erbe il prosciutto (su tutti i lati), prima di avvolgerlo nella carta stagnola e  scaldare in forno per 20 minuti a 200 gradi. Servirlo caldo o freddo abbinandolo a delle patate al vapore, mostarda e cavolo rosso tagliato a julienne.

LINEA VERDE alla scoperta delle tradizioni agricole e gastronomiche e dei prodotti tipici locali del Lazio, da Roma a Viterbo, passando per Castel Gandolfo e la Ciociaria. Leggi qui

CALAMARI RIPIENI DI PATATE CROCCHE’ IN SALSA DI CARCIOFI

Consulta la gallery fotografica per vedere la scheda dettagliata con gli ingredienti e l’immagine della pietanza.

PREPARAZIONE. Impastare le patate lesse (dopo averle schiacciate) con i tuorli, il formaggio e la provola (entrambi grattugiati). Amalgamare bene, trasferire in un sac a poche, farcire i calamari da chiudere con un rametto di rosmarino. Passare nell’uovo e nel pangrattato e friggerli in abbondante olio bollente per alcuni minuti (fin quando appaiono dorati in superficie). Nel frattempo saltare i carciofi in padella con dell’aglio in camicia e successivamente frullarli. Servire i calamari su un letto di crema di carciofi.

SCOPRI ANCHE:

I FATTI VOSTRI, la ricetta di “Casa Laurito”: insalatina di salmone e kiwi (assolutamente da provare!)

COTTO E MANGIATO, la ricetta di oggi: frittata con funghi e carciofi

Un goloso pomeriggio con DETTO FATTO: la ricetta dei cioccolatini con cereali e riso soffiato

About Emanuele Fiocca

Nato a Soveria Mannelli (Catanzaro) il 7 Luglio 1987, è un calabrese doc. Attratto dalla televisione fin da bambino, ha maturato negli anni esperienze in diversi programmi della RAI come UnoMattina in Famiglia, Mezzogiorno in Famiglia, Alle Falde del Kilimangiaro, L'Arena e Domenica In. Caporedattore de LaNostraTv dall'11 agosto 2014 e Responsabile Editoriale di "Lavorare Nello Spettacolo", le sue più grandi passioni sono la natura, il giornalismo e ovviamente la Tv!

One Comment

  1. Rossella

    dicembre 9, 2013 at 22:04:51

    Adoro questo programma! L’unica “sbavatura” è la gara a tempo: non se ne può più! Sembra un dettaglio di poco conto eppure se ci facciamo caso siamo sempre di fretta, sembra quasi una moda… quando finirà questo tormentone ci riscopriremo disoccupati e casalinghe. Secondo me non ha proprio senso perché a limite ti mangi un panino!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *