La7: soppressa la trasmissione di Rita Dalla Chiesa. Lo sfogo della conduttrice su facebook: “Grazie a quanti ci hanno creduto”

By on dicembre 4, 2013
rita-dalla-chiesa

text-align: center”>Rita Dalla Chiesa

LA7 SOSPENDE LA NUOVA TRASMISSIONE DI RITA DALLA CHIESA: INCERTO IL FUTURO PROFESSIONALE DELLA CONDUTTRICE. E’ di dominio pubblico ormai da diverse ore la decisione dell’editore Urbano Cairo, il quale avrebbe reso nota la sua scelta di sospendere la nuova trasmissione di Rita Dalla Chiesa intitolata “La settima onda”, che avrebbe dovuto debuttare su La7 in fascia pomeridiana dopo l’Epifania. Non sono ancora chiare le motivazioni che hanno portato a questa decisione drastica quanto inaspettata, che inevitabilmente costringerà la conduttrice a restare lontana dagli schermi non si sa per quanto tempo. Una doccia fredda per Rita, forte del successo del suo compianto Forum, punta di diamante del palinsesto quotidiano di Canale 5, da lei condotto per svariati anni e attualmente timonato dalla meno esperta Barbara Palombelli, che tuttavia è riuscita a dare al programma la sua impronta personale nonostante il temibilissimo confronto con la padrona di casa che l’ha preceduta.

foto-rita-dalla-chiesa

LO SFOGO DI RITA DALLA CHIESA SU FACEBOOK: “GRAZIE A TUTTI COLORO CHE CI HANNO CREDUTO”. E se per Rita Dalla Chiesa il 2014 avrebbe dovuto rappresentare una sorta di giro di boa, ricco di novità in campo professionale, così purtroppo non sarà: a nulla sono serviti, dunque, i numerosi annunci per la ricerca dei protagonisti della nuova trasmissione, diffusi in rete nelle ultime settimane, rivolti a persone che avrebbero voluto raccontare la propria storia ai microfoni di La7. “La settima onda” è un progetto ormai accantonato. E la conduttrice, delusa dalla decisione di Urbano Cairo, si è sfogata con un lungo status pubblicato poco fa sul suo profilo facebook dal quale si evince chiaramente l’amarezza per la decisione di sospendere la sua trasmissione:

“Non commento la decisione dell’editore di cancellare la mia trasmissione su La7. Ringrazio comunque tutti coloro che ci hanno creduto e che fino a stamattina hanno lavorato per la preparazione di questo programma. Queste persone adesso, come tante, si ritrovano senza un lavoro. A loro va tutto il mio affetto e la mia riconoscenza per l’entusiasmo e la professionalità che hanno dimostrato in queste settimane. Grazie a tutti!”.

Si dice però che “quando si chiude una porta… si apre un portone”. Non ci resta quindi che fare a Rita un grande in bocca al lupo per qualunque cosa il suo futuro professionale le riserverà…

About Emanuele Fiocca

Nato a Soveria Mannelli (Catanzaro) il 7 Luglio 1987, è un calabrese doc. Attratto dalla televisione fin da bambino, ha maturato negli anni esperienze in diversi programmi della RAI come UnoMattina in Famiglia, Mezzogiorno in Famiglia, Alle Falde del Kilimangiaro, L'Arena e Domenica In. Caporedattore de LaNostraTv dall'11 Agosto 2014 e Responsabile Editoriale di "Lavorare Nello Spettacolo", le sue più grandi passioni sono la natura, il giornalismo e ovviamente la Tv!

One Comment

  1. Rossella

    dicembre 4, 2013 at 13:03

    Di tanto in tanto mi capita di fermarmi sul programma della Palombelli, in effetti questa giornalista ha saputo renderlo suo, sarebbe ipocrita affermare il contrario. Che dire? Rita Dalla Chiesa ha sempre dimostrato di avere un rapporto di amore-odio rispetto alla conduzione di Forum, più volte ha cercato di evolvere in altre direzioni. Non ha mai dimostrato di voler fare del giornalismo impegnato perché sarebbe stato impossibile non scivolare nella propaganda, il suo transito sul piccolo schermo ha dato vita ad un giornalismo delle larghe intese, ma senza nessun riferimento alla politica o a qualsivoglia ideale diverso dal rispetto della persona umana. Barbara Palombelli è altrettanto brava e forse il pubblico di canale cinque aveva bisogno di un cambio di conduzione così radicale perché si sta perdendo di vista che si può guardare la realtà da punti di vista diametralmente opposti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *