Lory Del Santo racconta il dramma che ha colpito la madre a Pomeriggio Cinque

By on dicembre 13, 2013
Lory Del Santo

text-align: center”>

LORY DEL SANTO PARLA DEL DRAMMA CHE HA COLPITO LA MADRE – Si sa. I pomeriggi della televisione italiana da qualche anno a questa parte sono dedicati al dramma e al dolore. E questo lo sa bene Barbara D’Urso, che ne ha fatto un marchio di fabbrica di Pomeriggio Cinque. Anche oggi, tra storie strappalacrime e drammatica, dopo la vicenda di una violenza sulle donne, è il caso della triste vicenda che ha colpito Lory Del Santo. Siamo aibituati a vedere la showgirl un po’ svampita e sempre pronta a sfoggiare dei nuovi toy boy ma oggi la donna ha raccontato nel salotto pomeridiano di Canale 5 il dramma che ha colpito la madre Clorinda. La donna, qualche giorno fa, si è sentita male ed ha avuto un ictus, svenendo di fronte ai suoi nipoti, i figli della Del Santo. A quanto pare le sue condizioni di salute sono stabili, non è più in pericolo di vita, ma ha subito delle lesioni al cervello che l’hanno resa quasi un vegetale. La Del Santo ha ripercorso la sua infanzia, le sofferenze della sua vita, come la tragica morte del padre in tenera età e ha parlato del rapporto non sempre idilliaco con la madre. Ha cercato di fare di tutto per rendere felice questa donna energica, che pare chiamare il nome della figlia con quelle poche forze che le sono rimaste, dal letto dell’ospedale. Barbara D’Urso ha mostrato anche un video per ricordare l’energia di Clorinda.

barbara-d-urso-domenica-live-ride

DRAMMA DI LORY DEL SANTO A POMERIGGIO 5 – E’ sicuramente una Lory Del Santo inedita quella che abbiamo visto nel salotto di Pomeriggio Cinque. Dimessa, sofferente e sicuramente provata ma al tempo stesso speranzosa che la madre possa riprendersi. Il fatto è accaduto alla presenza di Devin e Loren, i figli della showgirl, ancora molto provati dall’accaduto. Come se non bastasse la carica emotiva del tragico evento che ha colpito Clorinda, la D’Urso ha voluto anche parlate di un altro fatto drammatico vissuto dalla Del Santo nel suo passato e cioè la morte di Conor, il figlio che la donna ha avuto con Eric Clapton e morto cadendo dal 53esimo piano di un grattacielo di New York. E’ stato mandato un video in cui Clorinda e Lory ritrovano le canzoni del bambino, in un ulteriore momento strappalacrime. E molte lacrime le ha versate proprio la Del Santo, mai come oggi così fragile. Anche oggi, Barbara D’Urso è riuscita a distillare il suo programma di pillole del dolore, sfruttando il dolore di una madre e di una figlia e condendo tutto con le sue “faccette” di circostanza ora anche protagoniste di un libro. La D’Urso è incalzante quando chiede a Lory di parlare della morte di Conor e di quanto tempo è passato dal tragico evento, insistendo sui particolari dell’accaduto.

BARBARA D’URSO, REGINA DELLA TV DEL DOLORE  – “Prima che Conor volasse dal 53esimo piano scrisse una lettera a suo padre” ha detto Barbara D’Urso come se fosse necessario insistere ancora su un evento conosciuto ai molti, proprio per lo scalpore che fece all’epoca. La conduttrice si “commuove” e ovviamente per concludere il tutto non può che mandare in onda un filmato del piccolino. Quello che viene spontaneo chiedersi è: se veramente la D’Urso è regina degli ascolti pomeridiani a che serve tutta questa morbosità? Dati alla mano, il suo Pomeriggio Cinque, quest’anno è incredibilmente una corazzata imbattibile e forse sarebbe il caso di spaziare e trovare nuovi spunti, anziché puntare su queste storie trite e tristi.

About Dario Ghezzi

Dario Ghezzi nasce il 28 Giugno 1988. Fin da bambino matura la passione per la scrittura e il mondo dell’arte. Dopo il Liceo Classico si iscrive alla facoltà di Letteratura musica e spettacolo dell’Università la Sapienza di Roma laureandosi nel 2011. Nel 2012 si iscrive alla magistrale di Cinema Televisione e Produzione Multimediale dell’università Roma 3 e nello stesso anno ha frequentato una scuola di recitazione. E’ autore di tre romanzi usciti con ilmiolibro.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *