Servizio Pubblico, speciale “Inferno Atomico” nella Terra dei fuochi: il pentito Carmine Schiavone lascia lo studio

By on dicembre 30, 2013
servizio pubblico speciale terra dei fuochi

text-align: center”>servizio pubblico speciale terra dei fuochi

SERVIZIO PUBBLICO, CARMINE SCHIAVONE LASCIA LO STUDIO – Lo speciale di ‘Servizio Pubblico’, trasmesso ieri sera alle 21.10 su La7 e dedicato ad un esclusivo reportage dalla terra dei fuochi, ha riservato non pochi colpi di scena al pubblico, primo fra tutti la dipartita del pentito di camorra Carmine Schiavone, presente per testimoniare in prima persona lo scandalo oggetto della serata. L’ex boss dei Casalesi e cugino di Francesco Schiavone, ha abbandonato lo studio a fine programma, furioso con il curatore della trasmissione Sandro Ruotolo: “Con voi non farò più interviste, ora me ne vado”, ha annunciato poco prima di togliersi il microfono, alzarsi e andarsene. La puntata, intitolata “Inferno atomico” ha fotografato una realtà piuttosto disarmante, e Schiavone non ha mancato di prendersela più volte soprattutto con lo Stato italiano: “Lo Stato non ha fatto niente e non accetto di chiedere perdono per colpe che hanno altri. Io devo assumermi responsabilità che non ho anche se ho ammazzato la gente, e ho pianto più di voi” ha tuonato il pentito.

servizio-pubblico-santoro

SERVIZIO PUBBLICO; SPECIALE TERRA DEI FUOCHI –  Schiavone ha poi proseguito aggiungendo: “Le bonifiche non si faranno mai visto che la collusione tra Stato mafia e camorra esiste da sempre. Lo stato non ha fatto niente e i soldi che verranno dall’Europa spariranno, tutti voi siete destinati a morire. Questi partiti non li dovete votare, vi hanno nascosto tutto, vi hanno ammazzati”. L’ex camorrista dunque non si è limitato a commentare le immagini e le testimonianze raccolte dalla troupe di La7, e a seguire gli interventi di Roberto Mancini (poliziotto ammalatosi a causa della sua permanenza presso le zone avvelenate dai rifiuti tossici) e delle mamme casertane che hanno mandato un accorato appello al Santo Padre e al Presidente Napolitano. L’uomo si è anzi sentito preso in causa e ha risposto senza mezzi termini a chiunque: “Nella nostra terra nessuno è innocente” ha anche ribattuto. Infine Marzia, madre che ha perso il figlio a causa di questo enorme problema, ha parlato di inutilità nel rivolgere un ultimo appello a Napolitano, visto che “Lui sapeva tutto dai tempi del pentimento di Schiavone”. L’ultima puntata targata 2013 del talk show di Michele Santoro è presente e consultabile online anche sul sito di La7 e su serviziopubblico.it.

About Mara Guzzon

Nata nei pressi di Lodi, si è laureata in Scienze e Tecnologie della comunicazione presso lo IULM di Milano. Nella stessa città ha frequentato il Master in Giornalismo e critica musicale del CPM Centroprofessionemusica e ha iniziato ad intraprendere i primi passi nel mondo del giornalismo scrivendo e fotografando. Appassionata di musica, cinema e televisione, attualmente collabora con siti appartenenti al settore dell'intrattenimento e con una web radio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *