Tale e quale show: chiude un’edizione da record. I segreti del successo del programma di imitiazioni

By on dicembre 7, 2013
foto di attilio fontana in luigi tenco su rai1

text-align: center”>foto di attilio fontana in luigi tenco su rai1

TALE E QUALE SHOW 3: I RISULTATI DELLA FINALISSIMA DI IERI SERA. Ieri sera è andata in onda la puntata finale della terza edizione di Tale e quale show 3, cha ha visto Attilio Fontana, già vincitore della terza serie, trionfare anche nel torneo finale. Lo show condotto da Carlo Conti, ha fatto segnare il record assoluto in termini d’ascolto totalizzando 7.181.000 telespettatori per uno share del 30,01%. Il risultato della finalissima è stato preceduto da altrettanti alti riscontri di pubblico, ottenuti nelle settimane precedenti. Complice una controprogrammazione quasi nulla di Canale5, il programma sulle imitazioni di Rai1, ha fatto segnare record assoluti in questa terza edizione, che finora è quella più vista in assoluto. A contribuire al grande successo della trasmissione sono da menzionare innanzitutto la squadra di trucco e parrucco che in un programma come questo, sono fondamentali per la buona riuscita delle imitazioni. Il lavoro svolto dalla squadra Rai è stato superlativo: come non ricordare Fiordaliso in versione Aretha Franklin, o Frizzi nelle vesti di Piero Pelù o anche la Lanfranchi che imita Alexia; a questi si potrebbero aggiungere molti altri personaggi, che nell’aspetto fisico sono risultati molto somiglianti agli originali.

foto-carlo-conti-leonardo-pieraccioni-gabriele-cirilli-i-tre-tenori-rai1

TALE E QUALE SHOW 3: I SEGRETI DEL SUCCESSO, LA GIURIA. La giuria composta da Loretta Goggi, Christian De Sica e Claudio Lippi ha avuto il merito di esser riuscita a portare avanti un compito non semplice, in una trasmissione in cui il tasso artistico e professionale era molto elevato, in maniera egregia. I tre sono sempre stati precisi nei loro giudizi, severi al punto giusto ma soprattutto ironici ed autoironici, caratteristica difficile da ritrovare in altre giurie televisive che si prendono troppo spesso troppo sul serio. In questo caso i giurati sono stati tali, limitandosi ad esprimere i loro pareri in maniera precisa e mai scontata, senza cadere nella polemica a tutti i costi. A loro si sono aggiunti, di tanto in tanto, degli speciali giudici quali Insinna, Malgioglio o Pieraccioni, che hanno contribuito a dare dinamicità al programma.

TALE E QUALE SHOW 3: I SEGRETI DEL SUCCESSO, CARLO CONTI. A Carlo Conti va il grande merito di essere stato un ottimo padrone di casa, che per la prima volta si è lasciato andare anche a sbavature e qualche piccolo eccesso, che lo hanno reso molto più vicino al pubblico e meno perfetto ed impostato. La performance dei tre tenori di ieri sera con Pieraccioni e Cirilli è la dimostrazione palese del suo essersi “sciolto” davanti alle telecamere. Conti è riuscito inoltre a comporre un ottimo cast,  oltre ad aver riportato in video Loretta Goggi, personaggio che ha reso più credibile lo show e la giuria.

TALE E QUALE SHOW 3: I SEGRETI DEL SUCCESSO, IL CAST. I dieci protagonisti della terza edizione si sono cimentati nell’imitazione di personaggi diversi, di settimana in settimana; tutti lo hanno fatto con professionalità e serietà, spendendosi al massimo per la buona riuscita dello show. Alcuni ci sono riusciti di più, altri di meno, ma a tutti va riconosciuto l’impegno di essersi messi in gioco, in un settore, quello delle imitazioni, parecchio distante dal loro mondo di provenienza. Tra questi meritano una menzione speciale Fabrizio Frizzi e Amadeus, dai quali nessuno si sarebbe mai aspettato una riuscita migliore. Frizzi fin dall’esordio e Amadeus con il passare delle puntate (storica la sua imitazione di Amanda Lear e ottima la performance di ieri sera nelle vesti di Pippo Franco) hanno saputo conquistare il pubblico e la giuria.

TALE E QUALE SHOW: A QUANDO LA PROSSIMA EDIZIONE? Il programma, portato in Italia, per la prima volta ad aprile 2012, ha avuto, in meno di due anni, già tre edizioni. Onde evitare di sovraesporlo e renderlo troppo scontato e stra utilizzato, consigliamo a Conti e a Leone, di farlo riposare per più di un anno, in attesa di vedere la prossima edizione di Tale e quale show, magari a gennaio 2015, creando un minino di attesa negli spettatori.

About Salvatore Petrillo

Avellino gli ha dato i natali, sotto il segno del Toro. La sua passione per la conduzione televisiva e tutto quanto fa spettacolo è nata con lui e fin da piccolo partecipa a feste, recite e saggi. All’età di 8 anni comincia lo studio del pianoforte frequentando poi il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino. Laureatosi prima in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Salerno e poi in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti, continua ad approfondire e conoscere meglio tutte le varie sfaccettature del mondo televisivo. Collabora con il quotidiano a tiratura regionale Corriere dell’Irpinia scrivendo di attualità, cronaca, spettacolo e con l’agenzia di organizzazione eventi ADVS di Roma. Dopo una parentesi di un anno e mezzo a Londra, dove ha cercato di rubare i trucchi del giornalismo anglosassone, torna in Italia per frequentare un corso di dizione e uso della voce e uno di conduzione televisiva presso l’Accademia 09 di Milano. In futuro sogna di farsi strada nel mondo della conduzione televisiva e dello spettacolo.

One Comment

  1. Rossella

    dicembre 7, 2013 at 15:42:30

    Non condivido il pronostico che chiude il pezzo anche quando una recensione dovrebbe avere in sé qualcosa di profetico: non è questo il caso! Mi sembra evidente. Così facendo sono passati vent’anni e nessuno se ne è accorto. Stando a quello che leggo nel gennaio del 2015 l’Italia dovrebbe essere quella di oggi, che poi sarebbe quella di ieri: da non credere! Una critica che non fa della lungimiranza la sua prerogativa rischia di rimanere impantanata in quel tempo televisivo che fa della contemporaneità il crocevia di un’economia che gira nonostante tutto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *