X Factor 7, il vincitore è Michele Bravi: esibizioni, duetti ed ospiti della finale 2013

By on dicembre 13, 2013
X-Factor 2013 finale

text-align: center”>X-Factor 2013 finale

X-FACTOR 7, RESOCONTO FINALE – Ieri sera si è conclusa la scoppiettante edizione 2013 di X-Factor, la cui puntata finale (realizzata sul palco del Mediolanum Forum di Milano) è andata in onda in prima serata in contemporanea su Sky Uno e in chiaro su Cielo. Non si sono certo risparmiati i realizzatori della trasmissione, che hanno messo insieme un evento ricco di ospiti italiani ed internazionali, con scenografie colorate ed imponenti per accompagnare le esibizioni canore dei concorrenti in gara: ad aprire la puntata è stata una super-performance in omaggio al recentemente scomparso Nelson Mandela, con le aspiranti pop-star affiancate dai ospiti Elisa, Giorgia, Marco Mengoni e Mario Biondi.

X-FACTOR 7, DUETTI E OSPITI – I quattro hanno anche cantato al fianco dei finalisti nel corso della prima manche: Elisa con gli Ape Escape, ha proposto una nuova versione un po’ hip-hop del suo successo “Labirith”; Violetta ha calcato il palco con Marco Mengoni del brano sanremese “L’essenziale”; Aba ha duettato con Mario Biondi sulle note di “Close to you” di Burt bacharach; infine Michele ci ha regalato insieme a Giorgia una rinnovata versione di “Gocce di memoria”. Ad avere la peggio dopo la prima parte è stata la talentuosa Aba, arrivata quarta al televoto. Uno dei momenti più piacevoli della serata invece è risultato il duetto Mika-Morgan: siccome “le promesse vanno mantenute” i due artisti hanno proposto un midley alternato dei loro successi (Altrove-Take it easy-Altre forme di vita-We are golden); divertendosi e divertendo. La seconda manche ha riguardato le performance relative agli inediti dei tre gareggianti rimasti: Violetta, ukulele alla mano, ha cantato la spensierata “Dimmi che non passa”; i carichissimi Ape Escape hanno eseguito “Invisibili”, mentre Michele ha interpretato “La vita è la felicità”, scritta per lui da Tiziano Ferro (e si sente). Prima del verdetto che decreterà l’inaspettata uscita di scena di Violetta è arrivato il turno degli One Direction.

x-factor-7-finale-2013-aba-violetta-ape-escape-michele

X-FACTOR 7, ONE DIRECTION OSPITI E SFIDA TRA MICHEL E ED APE ESCAPE – La boyband più famosa del pianeta – tra le grida delle teen-ager accorse al Mediolanum con striscioni alla mano e fasce legate in testa – si è esibita nell’ultimo singolo “Story of my life”, uscendo di scena dopo un super-selfie con il conduttore Alessandro Cattelan e un educato saluto rivolto alla giuria. Inaspettatamente, la vittoria è stata contesa dal giovane Michele e dagli esilaranti Ape Escape: questi ultimi hanno rielaborato “Walk this way” di Aerosmith e Run DMC, mentre il “tesorino” di Morgan ha riproposto un brano di Vasco Rossi (“Anima fragile”). Infine è arrivato il momento del brano a cappella per convincere un’ultima volta il pubblico che ha televotato per l’intera serata da casa: a spuntarla, come previsto, è stato Michele Bravi, 18enne umbro dal timbro particolare che ha riportato Morgan alla vittoria di un concorrente da lui seguito (dopo Chiara, Marco Mengoni, oltre che Matteo Beccucci e Aram Quartet nelle prime edizioni Rai).

X-FACTOR 7, BILANCIO EDIZIONE 2013 – Sicuramente questa edizione è stata eterogenea e combattuta alla pari tra i contendenti: a trionfare è stato l’introspettivo ed intonato Michele Bravi – apparso da subito il più amato dalla folla presente alla finale – che però all’inizio non era tra i favoriti a conseguire il titolo: c’è dispiacere per Violetta, Aba ed Ape Escape, che comunque tra folk, Jazz e crossover all’italiana avrebbero potuto (o forse ci riusciranno ugualmente) aprirsi strade alternative nell’asfittico panorama musicale del nostro paese, al quale Michele (molto probabilmente) non aggiungerà niente di mai sentito prima. Una menzione favorevole va ai giudici, veri protagonisti di questa trasmissione: Morgan parla troppo, ma la musica la conosce bene e si sente; Mika è la vera rivelazione tv di questo 2013 (nonché giurato più acclamato dalla platea) e la sua enorme esperienza artistica fa scomparire alcuni piccoli strafalcioni linguistici, Elio è puntuale, competente e ironico nella sua lucidità; mentre Simona Ventura, seppur volto prettamente televisivo, ben sa farsi valere tra i colleghi uomini. Le puntate hanno ritmo, dinamicità e colore, e anche il conduttore Alessandro Cattelan è professionale, educato, e si barcamena alla grande tra italiano e inglese: sicuramente fa meglio il suo lavoro di alcuni dei soliti volti Rai e Mediaset. X-Factor sarà un trampolino di lancio per i concorrenti dell’edizione 2013 così come è successo a Chiara lo scorso anno? Staremo a vedere.

About Mara Guzzon

Nata nei pressi di Lodi, si è laureata in Scienze e Tecnologie della comunicazione presso lo IULM di Milano. Nella stessa città ha frequentato il Master in Giornalismo e critica musicale del CPM Centroprofessionemusica e ha iniziato ad intraprendere i primi passi nel mondo del giornalismo scrivendo e fotografando. Appassionata di musica, cinema e televisione, attualmente collabora con siti appartenenti al settore dell'intrattenimento e con una web radio.

One Comment

  1. matilde84

    dicembre 13, 2013 at 13:51

    Michele é bravo, sono contenta che abbia vinto per Morgan che io adoro, ma gli Ape Escape sono per me la vera rivelazione. Penso che la loro prima esibizione, durante la audizioni, quando hanno cantato Madness dei Msue sia stato un moemnto davvero unico. E quella scema della Ventura che faceva la spiritosa…come non ne capisce lei di musica, nessuno!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *