Al Bano e Romina: al Crocus City Hall di Mosca, musica ed emozioni per la reunion più attesa dell’anno

By on gennaio 16, 2014
Foto del concerto Al Bano e Romina

text-align: center”>

AL BANO E ROMINA: INSIEME DOPO VENT’ANNI. L’evento che tutti aspettavamo finalmente è arrivato: Al Bano e Romina di nuovo insieme, a dividere il palco, dopo un’assenza dalle scene durata vent’anni. Il concerto, registrato a Mosca il 17 e il 18 ottobre, è approdato in Italia solo ieri sera, arricchendo la prima serata di Rai Uno. Un appuntamento speciale per celebrare i 70 anni dell’artista di Cellino San Marco, che ha voluto circondarsi dell’affetto della famiglia, Romina compresa, e di quello di tanti amici, tra cui Toto Cutugno, i Ricchi e Poveri, Gianni Morandi e Umberto Tozzi. Un viaggio fatto di emozioni, ricordi e tanta buona musica che ha incontrato il parere positivo del pubblico russo e, ieri sera, di quello italiano. Ripercorriamo insieme le tappe più emozionanti di Felicità, tra musica, parole e ricordi della carriera del tenore pugliese.

al-bano-e-romina

L’ANNUNCIO DI GIANCARLO LEONE SU TWITTER: MERCOLEDI’ SU RAI UNO “FELICITA’”. Sono le 21.16, sul palco del Crocus City Hall, Pupo. Il cantante-conduttore annuncia il programma della serata e al pubblico russo non sfugge il nome di Romina Power, che risponde con un’ovazione. Dopo un piccolo video introduttivo, ecco la prima canzone: Il Concerto per te. A seguire, una toccante interpretazione di È la mia vita, con dedica speciale al suo pubblico al grido di “Voi lo siete!”. Per ricordarci il vero scopo dell’evento, il palco ospita i cosacchi, che augurano buon compleanno al cantante. Il simpatico siparietto dà il via ufficiale alla serata. Iniziano i primi omaggi per il cantante: Pupo canta Vita da artista. Sono le 21.40, quando Pupo e Al Bano duettano sulle note di Su di Noi. Il brano del cantautore fiorentino è sempre foriero di grandi emozioni, perfettamente recepite dal pubblico, che approva con un lungo applauso. Toccante omaggio a Lucio Dalla sulle note di Caruso. Esibizione delicata e coraggiosa, ma Al Bano non sbaglia. Canta e si emoziona, ed emoziona il pubblico. Sul palco arrivano i Ricchi e Poveri, che salutano l’amico e collega con Sarà perché ti amo. Ottima energia per il trio Brambati-Sotgiu-Gatti. Ancora il festeggiato che canta Mattino e Va’ Pensiero. 22.03: Toto Cutugno canta L’Italiano, brano emblematico in terra straniera, decisamente apprezzato dal pubblico in sala. A seguire, il duetto di Al Bano sulle note di Angeli, in compagnia di una famosissima cantante russa. Ancora amici per Al Bano: i Matia Bazar, intonano Vacanze Romane, un autentico classico. Sono le 22.20 e noi, che aspettiamo Romina, vediamo entrare Riccardo Fogli: i due cantano Malinconia. Altro duetto illustre con Gianni Morandi con il brano In Ginocchio da Te, nel senso letterale del termine.

FINALMENTE, ROMINA! L’esibizione solista di O’Sole Mio funge da spartiacque tra la prima e la seconda parte del concerto. Il calore del pubblico russo riflette le nostre sensazioni: non a caso O’Sole Mio è il brano italiano più famoso al mondo. Altri duetti in vista, nessuno scorge Romina all’orizzonte. Dapprima sulle note di Tu soltanto Tu (Mi hai Fatto Innamorare) e poi su quelle di Gente di Mare, in compagnia di Umberto Tozzi, il quale subito dopo esegue magistralmente la sua Gloria. Il momento è arrivato, il pubblico grida il suo nome ed eccola arrivare, accompagnata dalle note di Ci Sarà. Il pubblico impazzisce, immortala il momento e chiede a gran voce il primo duetto. “Non farmi aspettare altri vent’anni per chiamarmi a cantare con te!”– afferma Romina- e cantano Libertà. Il tempo sembra essersi fermato a vent’anni fa, lo stesso feeling, la stessa chimica e le stesse canzoni che amiamo. Al Bano e Romina cantano Sharazan, coinvolgendo il pubblico. Sono le 23.12, quando Al Bano invita l’anziana madre Jolanda a salire sul palco. È il preludio della festa finale, incorniciata dalla nostra colonna sonora preferita: Felicità. Cantano, Al Bano e Romina, cantano per noi e con noi insieme alla loro famiglia riunita. E per finire, il canto corale di Volare conclude la serata celebrativa di Al Bano, che non dimentica di ringraziare il paese che lo ha ospitato con un caloroso “Viva la Russia!”.

Martina Dessì

About LaNostraTv Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *