Alessandro Casillo di “Io Canto”: l’idolo delle teenagers torna il 21 gennaio con #Ale, il suo nuovo album

By on gennaio 18, 2014
Alessandro Casillo

text-align: center”>

DA IO CANTO A SANREMO: PICCOLI E GRANDI TRAGUARDI DI UN GIOVANE ARTISTA. Tutto ha inizio nel 2010, quando il fratello di Alessandro Casillo decide di inviare segretamente un suo video alla trasmissione televisiva Io Canto. Il percorso artistico di Alessandro ha inizio proprio con la partecipazione al programma, come membro dei “Gimmy Five”, boy band composta da concorrenti del talent. Il successo è immediato: il web si popola di fan page dedicate, siti internet e followers su Twitter. Nel 2012, si aggiudica il contest della pagina Facebook Sanremo Social, sbaragliando la concorrenza di oltre 1200 concorrenti. Una vittoria che vale la Sezione Giovani di Sanremo 2012, che peraltro vince, con il brano È vero (che ci sei). Un successo inarrestabile, quello di Alessandro, costellato da tanti piccoli successi, raccolti in È Vero – da Io Canto a Sanremo – appunti, emozioni, immagini, momenti, distribuito da Sony Music. L’idolo delle teenagers è pronto a tornare con il suo nuovo lavoro, #Ale. “Non sono più un cucciolo, sono cresciuto” – afferma ai microfoni di Tgcom 24 – e stando alle immagini del video del primo estratto Niente da perdere, potremmo aspettarci di tutto.

casillo-1

IL 21 GENNAIO ESCE #ALE: IL CUCCIOLO DI IO CANTO DIVENTA UOMO IN NIENTE DA PERDERE. Chi si aspettava una svolta alla Miley Cirus, rimarrà deluso. Parola di Alessandro Casillo, che nel video di Niente da Perdere, si lascia andare senza troppo contegno a baci ed effusioni con una splendida ragazza. “Niente di volgare”, a detta sua. Nessuna volontà di prendere le distanze dal ragazzo con gli occhioni da cerbiatto, ma solamente la necessità di mostrarsi cresciuto, maturo. La produzione di Gabriele Parisi e Gianluigi Fazio ha dato vita a un prodotto completo, solido, in cui Alessandro canta non solo l’amore, ma anche la voglia di esserci, di lottare, di avere fame di vita. Un lavoro importante per un ragazzo di 17 anni, che sicuramente ha bruciato le tappe della sua carriera, ma sembra avere la testa sulle spalle. Ancora aperta la ferita di Sanremo 2013, nella quale fu escluso dalla Sezione Big, perché ancora minorenne. Ma Alessandro non si perde d’animo e afferma fiducioso:

“Una volta il passaggio ai Big del vincitore della categoria Giovani era automatico, anche se minorenne. Ma credo per qualche cavillo del nuovo regolamento da un po’ di tempo non sia più consentito a un minorenne il passaggio. Però non demordo, magari accadrà un futuro”.

E sul suo futuro aggiunge:

“Crescere ancora e un giorno diventare un cantautore. Scrivo delle canzoni, suono pianoforte e chitarra ma non sono ancora soddisfatto del risultato. Quando leggo i testi non mi piacciono e mi sembrano banali. Perciò voglio continuare finché posso questo mestiere, che è il più bello del mondo, fino a quando potrò per poi poter essere libero di esprimermi liberamente e totalmente.”

Appuntamento al 21 gennaio per il lancio di #Ale, con l’augurio che questo sia solo il primo passo di una lunga e luminosa carriera.

Martina Dessì

About LaNostraTv Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *