Berlusconi, videomessaggio a 20 anni dalla discesa in campo: “Forza Italia tornerà a vincere”

By on gennaio 27, 2014
Forza Italia, 20 dalla fondazione

text-align: center”>Forza Italia, 20 dalla fondazione

SILVIO BERLUSCONI, 20 ANNI DALLA NASCITA DI FORZA ITALIA: UN NUOVO DISCORSO IN TV. In occasione dell’anniversario della discesa in campo del tycoon di Arcore in qualità di leader del centrodestra italiano, il Tg4 ha ospitato un videomessaggio registrato dal Cavaliere per celebrare la ricorrenza e rilanciare l’azione del suo movimento. Tante le differenze che, nei vari passaggi del discorso del ventennale, affiorano alla mente di chi non ha dimenticato lo storico annuncio del 1994, costellato di frasi ad effetto e proclami da “uomo nuovo” della politica nazionale. L’amarezza del momento, dovuta alle travagliate vicende giudiziarie ed all’estromissione dalla vita istituzionale dopo due decenni di protagonismo assoluto, emerge dall’inizio alla fine del messaggio mandato in onda dal telegiornale diretto da Mario Giordano, anche se le assonanze col vecchio stile rimangono in piedi: “Negli ultimi anni ci sono stati 4 colpi di Stato, l’ultimo per via di una sentenza scandalosa ai miei danni, mentre il Pd ha approfittato per liberarsi di un rivale mai sconfitto alle urne, attacca il capo del partito rifondato pochi mesi fa dalle ceneri del Pdl.

berlusconi-in-piazza-a-roma

BERLUSCONI CELEBRA I 20 ANNI DI FORZA ITALIA E PARLA AL TG4. Per nulla difficile, laddove l’ex Presidente del Consiglio fa riferimento al “disegno eversivo” della magistratura, “braccio giudiziario della sinistra, cogliere le analogie col Berlusconi delle origini, quello del “non voglio vivere in un Paese illiberale, governato da forze immature e da uomini legati ad un passato politicamente ed economicamente fallimentare e di tante altre stilettate nei confronti degli avversari di sempre. Nel discorso del 26 gennaio 2014, il tono (come è ovvio che sia) è meno pimpante, solenne e spavaldo in confronto al ’94, a parte il finale, volutamente propagandistico nell’incitamento a sposare la causa di Forza Italia “per i nostri figli, per la nostra Italia” rivolto a tutti i simpatizzanti in ascolto. Oggi come ieri, a scanso di equivoci, l’auspicio del patron di Mediaset è di “vincere le sfide” alle elezioni e di “realizzare le riforme”.

FORZA ITALIA COMPIE 20 ANNI E BERLUSCONI RIEVOCA LA “DISCESA IN CAMPO” CON UN VIDEOMESSAGGIO AL TG4. Totalmente cambiato, per diversi motivi, è il contesto in cui queste parole vanno ad inserirsi, essendo le prospettive di ritorno alla guida del Paese del numero uno del centrodestra nazionale assai ridotte rispetto a quando, con la caduta della Prima Repubblica, per il politico di Arcore si erano aperte autentiche praterie per l’appuntamento con le urne del (non a caso rievocato) 27 marzo 1994, non senza il contributo di un competitor tutt’altro che invincibile. Sarà forse finita l’epoca del “partito-azienda” e del “berlusconismo” così come finora conosciuto, ma le recenti polemiche sul colloquio a due in tema di legge elettorale e regole istituzionali hanno ancora una volta dimostrato che, a venti anni dalla fondazione di Forza Italia, il ruolo di Berlusconi nello scacchiere politico nazionale non è affatto irrilevante.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *