Gabriel Garko confessa di essere perseguitato: “Sabotaggi e minacce, non vivo più”

By on gennaio 13, 2014

foto gabriel garko primo pianoGABRIEL GARKO PARLA DELLA SUA POPOLARITA’. Gabriel Garko, il famoso sex symbol protagonista di successo della fortunata serie tv di Canale 5 “Il peccato e la vergogna 2” ha raccontato in una recente intervista quelli che sono i risvolti negativi della sua grande popolarità, conquistata con anni ed anni di duro lavoro e tanti sacrifici. Ebbene si, perchè Gabriel Garko, ha infatti confessato di essere perseguitato da anni!

GABRIEL GARKO VITTIMA DI AGGRESSIONI. Non una ma addirittura una serie di aggressioni quelle infatti subite dall’attore Gabriel Garko, non solo a livello fisico ma persino stalkeraggio d’ogni genere e tipo, che gli hanno creato ovviamente non pochi problemi, come racconta:

“Uno dei primi episodi risale a molto tempo fa. Mi sabotarono l’auto. Io stavo guidando di sera, stavo andando vicino Napoli per lavoro. A un certo punto andò in tilt l’impianto elettrico: si spensero tutte le luci e, siccome proprio in quel momento ero su una curva, non potendo più vedere assolutamente niente, andai fuori strada: per fortuna riportai solo qualche contusione, niente di grave.” e conclude rivelando “Lì per lì pensai a un guasto dell’auto, ma poi si scoprì che l’impianto era stato messo fuori uso ad arte.”

GABRIEL GARKO VORREBBE VIVERE UNA VITA TRANQUILLA. A dispetto infatti del suo desiderio di vivere la vita in modo tranquillo nella sua villa isolata a Zagarolo, vicino a Roma, Gabriel Garko è costretto come racconta a fare i conti con fans, in alcuni casi particolarmente insistenti, che come dalle sue parole “sono sempre in agguato e ne ho passate di tutti i colori”. Aggressioni che infatti si ripetono da molto tempo, a partire dalle classiche – per così dire – lettere di minacce, ad agguati veri e propri, come confessa l’attore:

“Non erano scritte al computer o a macchina ma proprio con le lettere ritagliate dei giornali, come si faceva un tempo! All’inizio non mi arrivavano a casa, ma nell’ufficio di produzione, quindi stavo piuttosto tranquillo, poi una sera è avvenuto il peggio. Ero rientrato tardi, varco il cancello della mia abitazione e all’improvviso degli uomini armati di pale cominciano a battere sugli sportelli, sui vetri per tirarmi fuori. La prima botta era talmente forte che ho pensato a uno sparo di pistola” e racconta “Sono rimasto intronato per un attimo, poi ho cominciato a fare avanti e indietro per trovare una via di fuga, ero disorientato, non sapevo più neanche io cosa stavo facendo. Sarà stata mezzanotte, mi diressi subito dai carabinieri di zona. Tornammo insieme a casa, ma ovviamente gli aggressori erano fuggiti, lasciando sul campo una delle pale di cui si erano armati.”

GABRIEL GARKO PERSEGUITATO DA UNA DONNA. Episodi di aggressioni, al limite dell’immaginazione, che hanno visto Gabriel Garko perseguitato da una donna che voleva un figlio da lui, come dichiara:

“Una donna mi perseguitava perché voleva un figlio da me e un’altra, una russa, mi ha pedinato fino a poco tempo fa e lo sa perché? Si è fissata che vuole il mio sperma! Roba da malattia mentale!”

GABRIEL GARKO LONTANO DAL GOSSIP. Fatti che stanno facendo preoccupare e non poco Gabriel Garko, per la sua incolumità e per quella dei suoi genitori, che a riguardo dichiara “ogni tanto li devo chiamare per tranquillizzarli”. Una realtà ed uno stile di vita, che come fa sapere lo stesso attore Gabriel Garko, comporta molti sacrifici, che lo vedono tra le altre cose lontano da discoteche, locali alla moda o luoghi facili al gossip, onde tacitare tutti i clamori derivanti dalle sue apparizioni in tv o al cinema, anche perchè come conclude Gabriel Garko “Voglio essere riconosciuto e ricordato solo per quel che appaio pubblicamente e non privatamente.”

About Michela Galli

Dal 2009 semplicemente ... blogger per caso ma mossa da una grande passione per la rete di internet ed un vero e proprio amore per la scrittura, che la portano tutti i santi giorni a scrivere, scrivere, scrivere ...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *