La Vita in Diretta: ecco la versione del programma su quanto accaduto oggi a Pomeriggio Cinque

By on gennaio 15, 2014
La vita in diretta

text-align: center”>

LA VITA IN DIRETTA: ECCO LA VERSIONE DEL PROGRAMMA RAI SU QUANTO ACCADUTO A POMERIGGIO 5 – Solo un paio d’ore fa andava in onda nel salotto di Pomeriggio Cinque un fatto alquanto clamoroso e curioso. Barbara D’Urso stava trattando il caso di Maurizio Rigamonti, l’uomo in fuga col figlio di 8 anni, e suo ospite in collegamento era Annibale, il padre del Rigamonti. La conduttrice ha fatto delle domande all’uomo e poi ha deciso di mostrare il video di un messaggio del figlio. Tuttavia, ad un certo punto, il video è stato fermato perché stava accadendo qualcosa in merito al collegamento: Annibale era stato appena prelevato da qualcuno. L’inviata di Pomeriggio Cinque era visibilmente scossa e ha fatto capire che giornalisti di una rete concorrente avevano sottratto in malo modo Rigamonti per il loro programma. La D’Urso aveva lasciato trapelare un certo turbamento e aveva detto di aver agito nel massimo della correttezza. Tuttavia, come molti di noi hanno pensato, le cose non stanno esattamente così e la bislacca anche oggi ne ha combinata un’altra. A dare la sua versione è La Vita in Diretta che parla tramite la pagina Facebook. 

barbara-d-urso-pomeriggio5

LA VITA IN DIRETTA CONTRO POMERIGGIO CINQUE – La Vita in Diretta aveva, per prima, concordato un collegamento con Annibale, cercando probabilmente di rubare lo scoop alla concorrenza. La bislacca non c’è stata e ha voluto bruciare sul tempo Rai Uno, con l’esito imprevisto a cui abbiamo assistito. Ecco cosa si legge sulla pagina Facebook de La Vita in Diretta:

Il sig. Annibale Rigamonti, papà dell’uomo in fuga da giorni con il figlio, era già in collegamento audio/video con la #vitaindiretta dalle ore 16:45. Quindi ben prima dell’inizio della trasmissione concorrente. I commenti negativi si basano su informazioni errate. La Vita in Diretta sta seguendo la vicenda della famiglia Rigamonti da giorni, attenta a dare spazio a tutte le parti in campo e con l’obiettivo di mettere al primo posto l’interesse del bambino. Ragion per cui abbiamo deciso di non mandare in onda il video di Leonardo, scandaloso esempio di esposizione mediatica di minore nella lotta tra genitori.

Dunque, era previsto che Paola Perego intervistasse Rigamonti e il sottrarlo alla D’Urso (con la forza indubbiamente) è stato solo un voler portare fino in fondo i patti per principio, pare di capire, visto che Rigamonti era già su Rai Uno. Quindi, come dicevamo, ancora una volta sono Barbara D’Urso e tutta la sua testata VideoNews a commettere scorrettezze in nome dell’auditel. La Vita in Diretta critica anche la scelta di trasmettere il video ma, onestamente, in merito a questo non ce la sentiamo di schierarci dall’una o dall’altra parte. Troppo spesso i programmi tv usano i fatti di cronaca in modo morboso per fare ascolti e questo atteggiamento è da condannare al di là del dovere d’informazione…

About Dario Ghezzi

Dario Ghezzi nasce il 28 Giugno 1988. Fin da bambino matura la passione per la scrittura e il mondo dell’arte. Dopo il Liceo Classico si iscrive alla facoltà di Letteratura musica e spettacolo dell’Università la Sapienza di Roma laureandosi nel 2011. Nel 2012 si iscrive alla magistrale di Cinema Televisione e Produzione Multimediale dell’università Roma 3 e nello stesso anno ha frequentato una scuola di recitazione. E’ autore di tre romanzi usciti con ilmiolibro.it

One Comment

  1. Rossella

    gennaio 15, 2014 at 20:55:43

    Il taglio giornalistico ha sempre fatto la differenza; prendiamo le sorelle Parodi: Benedetta riesce a dare il suo meglio nell’intrattenimento, mentre Cristina sembra alquanto algida proprio perché in lei prevale la giornalista. In questi programmi ci vuole un approccio asettico alla notizia, dopo di che si può parlare di tutto senza censure: è sempre stato così! Da dove nasce la morbosità? Dall’empatia, mi pare ovvio!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *