Quinta Colonna torna stasera 13 gennaio con le spese della casta

By on gennaio 13, 2014
Paolo Del Debbio conduce Quinta Colonna

text-align: center”>Paolo Del Debbio conduce Quinta Colonna

QUINTA COLONNA ANTICIPAZIONI 13 GENNAIO – Torna stasera in prima serata dopo le vacanze natalizie la nuova stagione del programma di approfondimento politico di Rete Quattro Quinta colonna condotto dal giornalista Paolo Del Debbio. E la trasmissione televisiva torna stasera a cavalcare il sentimento ben noto e onnipresente dell’ “antipolitica” mettendo in evidenza le magagne, specificatamente economiche, della classe politica al potere, la casta, per chiamarla con una parola chiara e schietta, ormai alla berlina dell’opinione pubblica sempre più attanagliata dalla crisi e le tasse. Paolo Del Debbio e i suoi inviati, così come gli ospiti in studio, discuteranno proprio del costo della politica, rimasto tale nonostante le tante promesse di tagli fatte dai governanti.

QUINTA COLONNA 13 GENNAIO: LE SPESE DELLA CASTA E IL “BUCO” DI ROMA – A l centro del primo appuntamento stagionale con Quinta Colonna dunque ci saranno le spese invariate della politica e lo scandalo dell’immondizia di Roma dopo l’arresto insieme ad altre 6 persone, del “monopolista” nella gestione del pattume sia nella capitale che nel Lazio Manlio Cerroni, proprietario dell’area della discarica di Malagrotta. Una vicenda che sa di scandalo politico proprio perché il “magnate” del pattume ha cavalcato, indistintamente, sia governi di Destra che Sinistra.

del-debbio-conduce-quinta-colonna

QUINTA COLONNA OSPITI DI STASERA 13 GENNAIO – Gli ospiti in studio e in collegamento con Quinta colonna e il giornalista Paolo Del Debbio saranno stasera: Jole Santelli (FI), Anna Ascani (PD), Daniele Martinelli (Ex responsabile Comunicazione M5S), la giornalista Adriana Santacroce e Roberto D’Agostino. Oltre al pubblico in studio, la discussione sarà arricchita di spunti dalle persone presenti nelle piazze di Vicenza e Roma e, come novità di questa stagione, da giovani militanti di partito che commenteranno l’operato dei propri rappresentanti politici. Via web, infine, i telespettatori potranno inviare i propri messaggi al sito www.quintacolonna.mediaset.it per discutere in tempo reale insieme ai presenti in trasmissione degli argomenti trattati.

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

2 Comments

  1. giuseppepalumbo

    gennaio 13, 2014 at 23:39

    Mi scusi per l’ignoranza, ma, mi chiedo, se un qualsiasi lavoratore ha un contratto nazionale del lavoro, ove si stabilisce l’orario di lavoro, le ferie, lo stipendio ecc.ecc., ma i nostri politici qual è il loro contratto nazionale del lavoro ove si stabiliscono stipendi, orari di lavoro ecc.ecc., oppure si gestiscono tutto da soli? Ma, se il popolo Italiano è sovrano, come possono gestirsi da soli senza il consenso del popolo, oppure ci troviamo in una Monarchia totalitaria e quindi hanno ragione loro. Ma se così fosse, non ci resta che andare via dal nostro paese, voglio vedere se tutti gli extracomunitari che rimarranno in Italia gli daranno tutti quei soldi che ci spillano, col cavolo che gli daranno.

  2. ANTONELLO

    gennaio 14, 2014 at 01:04

    OGGI PURTROPPO SIAMO SCHIAVI DI TUTTO PER LA CRISI E I NOSTRI DATORI DI LAVORO I NOSTRI DITTATORI Perché NN CI FANNO RESPIRARE E CI RICATTANO LEGALMENTE DOPO CHE AVANZIAMO OLTRE 20MILA EURO è UNA VERGOGNA NEL 2014 NEL CAMPO DEI RIFIUTI OLTRE AL LAVORO CHE CONTINUAMO A SVOLGERE REGOLARMENTE SENZA AVERE NESSUNA SODDISFAZIONE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *