Festival di Sanremo 2014: la conferenza stampa del 22 Febbraio in diretta su LaNostraTv.it

By on febbraio 22, 2014
foto di una bozza scenografica di sanremo 2014

text-align: center”>foto di una bozza scenografica di sanremo 2014

SANREMO 2014: CONFERENZA STAMPA DEL 22 FEBBRAIO IN DIRETTA. Alle ore 12 sarà trasmessa su Rai.tv, la conferenza stampa di presentazione della serata finale della 64? edizione del Festival della canzone italiana. Il direttore di Rai1 Giancarlo Leone, il capostruttura di Rai1 Claudio Fasulo, il sindaco di Sanremo Maurizio Zoccorato e  il presidente del Casinò, racconteranno ai giornalisti presenti nel Roof del Teatro Ariston, le ultime indiscrezioni sulla quinta serata di Sanremo 2014. Si commenteranno inoltre gli ascolti di ieri sera, in leggera crescita, ma comunque bassi per la kermesse, le polemiche che circondano il Festival  e tutto quello che è accaduto ieri sera sul palcoscenico del teatro Ariston. Noi de LaNostraTv.it seguiremo live la conferenza stampa. Stay tuned!

foto-giancarlo-leone-conferenza-stampa-22-febbraio

DIRETTA TESTUALE:

Ore 12.21: Zoccorato ringrazia per i cinque anni, da sindaco, di Sanremo.

Ore 12.23: Leone ricorda gli ascolti della serata di ieri, e sottolinea il 3% di share in più rispetto alla puntata precedente: “per noi è un ottimo segnale”. Picchi d’ascolto raggiunti da Ron e da Silvan con la Littizzetto. Picchi di share, 44% quando Fazio parlava con Sinigallia della sua eliminazione. Per quanto riguarda il portale Rai: 16 milioni di pagine visitate con un incremento del 4% rispetto al 2013. Leone ricorda inoltre cosa succederà questa sera: tornano i 13 Big in gara, oltre a Sinigallia che canterà anche se non più in gara. Ospiti della serata: Crozza (“non sappiamo cosa dirà, sarà libero di dire quello che vorrà”– sottolinea Leone), Stromae, Ligabue (dovrebbe cantare 3 canzoni), Claudia Cardinale e Terence Hill che farà uno sketch con Fazio e la Littizzetto.

Ore 12.28: Pagnoncelli ricorda le classifiche dei Giovani: Per il Televoto Hunt, Diodato, Zibba e The Niro; mentre per la Giuria di qualità Diodato, The Niro, Zibba e Rocco Hunt. Hunt primo al televoto ma ultimo per la giuria di qualità.

Ore 12.31: Hunt si dice molto emozionato: “volevo ringraziare tutta la sala stampa. Sono molto contento che la scelta sia stata fatta dal televoto. Spero di essere stato d’esempio ai ragazzi. Ieri ha vinto il popolo non Rocco Hunt”.

Ore 12.33: Zibba, che ha vinto il premio della critica: “credo che sia stato il Sanremo perfetto dal punto di vista dei premi”.

Ore 12.34: Enrico Brignano è stato conquistato da Rocco Hunt e lo ha invitato alla prima del suo spettacolo su Rai1.

Ore 12.35: Stromae, presente in conferenza: “Sanremo mi ha colpito tantissimo, perchè è un avvenimento che non ha simili in Belgio e Francia. Una manifestazione nel corso della quale si da importanza alla cultura musicale. Devo ringraziare Fabio per avermi invitato qui a cantare nell’ultima serata, anche se non sono in concorso”.

Ore 12.37: Stromae sottolinea gli sforzi del festival di ospitare ogni sera un ospite italiano e uno straniero e dichiara: “sono felice che vengano ospitati  non solo artisti anglofoni”.  Stromae avrebbe inoltre partecipato alla gara.

Ore 12.45: Zibba, Rocco Hunt e Stromae ricordano le loro influenze musicali. Stromae: “nella mia musica ci sono influenze di rumba, di salsa e della musica più tipica francese, una canzone per essere bella deve dare delle emozioni”.

Ore 12.47: Rocco dice di aver sentito Clementino, che aveva previsto la sua vittoria. Rocco Hunt: “mi impegnerò a fare una riproduzione del premio, per donarlo ad un sindaco di uno dei paesi della Terra dei fuochi, per dimostrare la mia vicinanza a loro”.

Ore 12.50: Stromae: “sono schizofrenico e amo sorprendermi. Stasera vedrete la mia versione formidabile, anche se non lo sono. Vedrete un uomo violento, ubriaco che cerca aiuto. Non farò il buono questa sera, quindi non sorprendetevi”.

Ore 12.54: Stromae: “sia la musica che la cultura italiana hanno una forza così pervasiva che arriva in tutto il mondo. Non bisogna mettere in discussione che la canzone italiana abbia un suo posto nel mondo. Nonostante la supremazia della lingua anglosassone, non dobbiamo perdere l’orgoglio nelle nostre lingue”.

Ore 13.00: Leone: “la giuria di qualità deve essere una giuria di esperti di musica, oppure appartenente al settore della cultura che ha una passione verso il mondo musicale”. Leone sottolinea che nella scelta della giuria di qualità si è optato per la seconda strada.

Ore 13.07: Leone non sa se Ligabue interagirà con i conduttori. Per quanto riguarda gli ascolti, Leone: “se si fa un’analisi degli ascolti rispetto all’edizione precedente, il calo c’è stato. Ma essendo partiti da una base più bassa rispetto al 2013, c’è stata una crescita nelle varie puntate. Il festival è cresciuto ogni giorno di più e questo è per noi molto importante”.

Ore 13.10: Leone: “alla fine di questo festival ripartirò da Fazio, che se ha un nuovo progetto sarà il benvenuto. Se Fabio non ha un progetto, guarderò in casa Rai, quindi escludo che possa essere Bonolis, perchè ritengo che in questo momento abbiamo in casa Rai dei grandissimi artisti che sono bravi e vanno valorizzati, tra questi il primo è Carlo Conti. Ci sono tanti altri bravi artisti in Rai come la Clerici e Insinna”. C’è una sola eccezzione che si chiama Fiorello: “se arriva Fiorello passa davanti a tutti”– sottolinea Leone. Nella categoria invece dei grandi conduttori, Leone è sicuro di averne molti, bravissimi, in Rai.

Ore 13.14: “Se Fiorello vuole fare Sanremo non ci saranno problemi di badget” – dichiara Leone.

Ore 13.16: Leone: “per quanto riguarda l’internazionalizzazione del festival, sarebbe bellissimo avere dei cantanti internazionali in gara a Sanremo, ma dovrebbero cantare delle canzoni italiane, anche se è un’impresa molto difficile”. Leone sottolinea che chiede a Fiorello ogni anno se vuole fare Sanremo e ammette: “prima di andare da Fazio ho chiesto a Fiorello se voleva fare Sanremo”.

Ore 13.17: Leone rivendica di aver scritto musica.

Ore 13.19: Leone: “non si può costruire un festival partendo solo da un progetto televiso, che deve essere funzionale alla gara. Dobbiamo partire dalla musica e costruire un progetto intorno ad essa. I giudizi sulla qualità delle canzoni spettano a voi”.

Ore 13.21: Fasulo: “le scelte della giuria di qualità, vogliono rappresentare le scelte laterali sulla musica”. Fasulo rivendica la scelta della giuria di qualità.

Ore 13.27: Leone sugli investimenti pubblicitari: “laddove un investitore non si sentisse soddisfatto, quello che può fare Rai Pubblicità è di dare degli spazi pubblicitari, che rientrano all’interno degli spazi invenduti”.

Ore 13.29: Leone: “il pubblico televisivo non va sottovalutato, in quanto è molto più colto di prima. Oggi ci sono 100 canali gratuiti tematici specializzati che incontrano sempre di più il favore del pubblico. La colpa non è del pubblico che non guarda Sanremo, ma dobbiamo essere noi a dover intercettare i gusti del pubblico”.

Ore 13.35: Leone: “anche questa sera faremo delle prediche con Don Matteo”. 

Ore 13.36: Leone: “quest’anno abbiamo avuto molti cantanti che vendono parecchie copie dei loro album”.

Ore 13.37: Fine conferenza stampa.

About Salvatore Petrillo

Avellino gli ha dato i natali, sotto il segno del Toro. La sua passione per la conduzione televisiva e tutto quanto fa spettacolo è nata con lui e fin da piccolo partecipa a feste, recite e saggi. All’età di 8 anni comincia lo studio del pianoforte frequentando poi il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino. Laureatosi prima in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Salerno e poi in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti, continua ad approfondire e conoscere meglio tutte le varie sfaccettature del mondo televisivo. Collabora con il quotidiano a tiratura regionale Corriere dell’Irpinia scrivendo di attualità, cronaca, spettacolo e con l’agenzia di organizzazione eventi ADVS di Roma. Dopo una parentesi di un anno e mezzo a Londra, dove ha cercato di rubare i trucchi del giornalismo anglosassone, torna in Italia per frequentare un corso di dizione e uso della voce e uno di conduzione televisiva presso l’Accademia 09 di Milano. In futuro sogna di farsi strada nel mondo della conduzione televisiva e dello spettacolo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *