Festival di Sanremo 2014, quarta serata: i duetti e i brani del “Sanremo club”

By on febbraio 12, 2014
Sanremo 2014 duetti 21 febbraio

text-align: center”>Sanremo 2014 duetti 21 febbraio

FESTIVAL DI SANREMO 2014, I DUETTI E LE ESIBIZIONI DEL 21 FEBBRAIO – Lunedì è stata presentata in via ufficiale la 64esima edizione del Festival della canzone italiana, in partenza dal teatro Ariston il prossimo martedì, 18 febbraio. Tra le novità e i dettagli annunciati dal conduttore Fabio Fazio in conferenza stampa, c’è il “Sanremo club”, previsto per la quarta serata di kermesse, quella di venerdì 21 febbraio. Si tratta della sintesi tra “Festival di Sanremo” e “Tenco club”, due aspetti complementari della musica suonata sul palco dell’Ariston, finora rimasti separati. Gli artisti in gara, in qualche caso accompagnato da un collega per la serata dei duetti, potranno infatti scegliere un brano proveniente dalla scuola cantautorale italiana meno recente e più tradizionale. Tra le collaborazioni più interessanti o curiose segnaliamo Francesco Sarcina con l’attore Riccardo Scamarcio,  Frankie Hi-Nrg Mc con Fiorella Mannoia, Raphael Gualazzi feat. Bloody Beetroots con Tommy Lee e i Perturbazione con Violante Placido. Vediamo nel dettaglio tutte le esibizioni e i brani che saranno presentati venerdì 21 febbraio.

sanremo-2014-noemi

I 14 big in gara in ordine alfabetico:

Antonella Ruggiero: “Una Miniera” dei New Trools (1969)

Arisa con i Whomadewho: “Cucurucucu” di Franco Battiato (1981)

Cristiano De Andrè: “Verranno a chiederti del nostro amore” di Fabrizio de André (1973)

Frankie hi-nrg mc con Fiorella Mannoia: “Boogie” di Paolo Conte (1981)

Francesco Renga: “Un giorno credi” di Edoardo Bennato (1973)

Francesco Sarcina con Riccardo Scamarcio: “Diavolo in me” di Zucchero (1989)

Giuliano Palma: “I say i’ sto cca’” di Pino Daniele (1980)

Giusy Ferreri con Alessio Boni e Alessandro Haber: “Il mare d’inverno” di Enrico Ruggeri (1984)

Noemi: “La costruzione di un amore” di Ivano Fossati (1981)

Perturbazione con Violante Placido: “La donna cannone” di Francesco De Gregori (1983)

Raphael Gualazzi e Bloody Beetroots con Tommy Lee: “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno (1958)

Renzo Rubino con Simona Molinari: “Non arrossire” di Giorgio Gaber (1960)

Riccardo Sinigallia con Paola Turci, Marina Rei e Laura Arzilli: “Ho visto anche degli zingari felici” di Claudio Lolli (1967)

Ron: “Cara” di Lucio Dalla (1980)

About Mara Guzzon

Nata nei pressi di Lodi, si è laureata in Scienze e Tecnologie della comunicazione presso lo IULM di Milano. Nella stessa città ha frequentato il Master in Giornalismo e critica musicale del CPM Centroprofessionemusica e ha iniziato ad intraprendere i primi passi nel mondo del giornalismo scrivendo e fotografando. Appassionata di musica, cinema e televisione, attualmente collabora con siti appartenenti al settore dell'intrattenimento e con una web radio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *