Festival di Sanremo: arriva una petizione online per chiedere il ritorno di Pippo Baudo nell’edizione del 2015

By on febbraio 28, 2014
Pippo-Baudo-a-sanremo

text-align: center”>Pippo Baudo a Sanremo

E C’È ANCHE CHI VUOLE PIPPO BAUDO SUL PALCO DELL’ARISTON. Anche se la 64° edizione del Festival di Sanremo non ha proprio convinto, la kermesse canora più importante del nostro Paese continua a far parlare di sé, perché in fondo Sanremo è sempre Sanremo. E di cosa si può parlare adesso? Archiviati gli ascolti, gli ospiti e le canzoni,  non resta che parlare dei conduttori. E, adesso, anche il popolo di Internet vuole dire la sua e si affida alla tradizione per chiedere a gran voce il ritorno di Pippo Baudo alla conduzione dell’edizione 2015 del Festival di Sanremo.

RAIUNO RESTITUISCA IL FESTIVAL ALL’UNICO IN GRADO DI ORGANIZZARLO E CONDURLO COME SI DEVE. Questo è quello che chiede in una petizione online il critico musicale, scrittore, giornalista e conduttore radiotelevisivo Maurizio Lorys Scandurra. A chi storce il naso perché considera Baudo troppo vecchio per salire sui palcoscenico sanremese, Scandurra dice: “La professionalità non è un fatto di età, e Baudo è distante fortunatamente per lui anni luce dai conduttori di oggi, spesso mediocri e incompleti”. Altro che Carlo Conti, quindi, o Massimo Giletti o ancora i fratelli Fiorello, tutte ipotesi ventilate in questi giorni, secondo Scandurra Pippo: “E’ l’unico in grado di restituire decoro al Festival. Propongo a telespettatori e artisti una petizione sul web in suo favore perchè la Rai gli assegni da subito l’edizione 2015“.

carlo-conti

on

L’APPELLO DI SCANDURRA È RIVOLTO ANCHE AI BIG DELLA CANZONE. Per essere ancora più convincente il promotore della petizione online si rivolge anche agli artisti e chiede loro di tornare a Sanremo perché tutti devono moltissimo a Pippo Baudo. Li chiama tutti a raccolta per sostenere la sua iniziativa e, addirittura, chiede loro di non andare a Sanremo se non c’è Baudo a condurlo. Scandurra si rivolge, quindi a grandi nomi della musica perché, secondo lui, devono molto al Pippo nazionale: Giorgia, Anna Oxa, Patty Pravo, Mariella Nava, Fiordaliso, Donatella Rettore, Andrea Mingardi, Toto Cutugno, Enrico Ruggeri, Gianni Morandi, Gianna Nannini, Matia Bazar, Mango, Syria, Andrea Bocelli, Danilo Amerio, Loredana Bertè, Antonella Ruggiero, Ron, Eros Ramazzotti, Fabio Concato, Andrea Bocelli, Anna Tatangelo, Gigi D’Alessio, Michele Zarrillo, Gianluca Grignani, Irene Grandi, Mietta, Gerardina Trovato, Amedeo Minghi. E prosegue: “anche loro chiedano a gran voce alla Rai il ritorno di Baudo all’Ariston. Insomma, i veri beniamini del pop italiano che con lui hanno costruito carriere importanti, e mancano in gara a Sanremo da troppo tempo“.  

About Patrizia Gariffo

Ama scrivere e lo fa da sempre. Dopo la laurea in Lettere Classiche è diventata giornalista pubblicista e questo le ha permesso di avere diverse esperienze sia sulla stampa tradizionale che su quella online e le ha fatto apprezzare sempre di più questo lavoro. E' una persona molto riservata, non le piace mettersi in mostra, anche quando potrebbe farlo. Preferisce la sostanza all’apparenza e non sopporta gli opportunisti e chi si sente più di quello che in realtà vale.

One Comment

  1. Pingback: Pippo Baudo: “A Mediaset erano tutti contro di me” | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *