I piatti de La prova del cuoco, puntata del 20 febbraio 2014: tofeja, tortino di carciofi, ravioli dolci di ricotta

By on febbraio 20, 2014
andrea-e-roberta

text-align: center”>La prova del cuoco

LA PROVA DEL CUOCO, LE RICETTE DEL 20 FEBBRAIO: LA TOFEJA – TORTINO DI CARCIOFI – RAVIOLI DOLCI DI RICOTTA

LA “TOFEJA”

Sfoglia la gallery sottostante per vedere la scheda con gli ingredienti e le foto che illustrano in ordine, passo dopo passo, tutte le fasi della preparazione di questa particolare pietanza servita a tavola da Andrea Ribaldone nella rubrica “Giovedì carne”.

PREPARAZIONE. Realizzare innanzitutto una dadolata di sedano, carota e cipolla, ai quali aggiungere dei pezzetti di grasso di maiale ricavato dalla cotenna. Rosolare il tutto in un tegame per alcuni minuti. Cospargere la cotenna con il mix di erbe fresche sminuzzate e con le spezie. Subito dopo legare conferendogli la forma di un salame. Porre le verdure rosolate, i fagioli (in precedenza messi in ammollo per un tempo di circa 12 ore), la cotenna legata, le costine e il cotechino, in un tegame di coccio (la “tofeja”). Coprire con acqua e scaldare in forno per 4 ore a 160 gradi (o, in alternativa, sul fornello utilizzando lo spargi fiamma). Servire la pietanza calda (Roberta Begossi consiglia di abbinare un Gioia del Colle Primitivo della Puglia).

Clicca qui per assaporare le meravigliose crocchette con riso e verdure che Tessa Gelisio ha presentato ai telespettatori di COTTO E MANGIATO. Economiche e buonissime! Ideali per la schiscetta

dolci-anna-01

TORTINO DI CARCIOFI

Consulta la gallery per vedere la scheda con gli ingredienti e le immagini che illustrano, passo dopo passo, l’intera preparazione di questo piatto delizioso realizzato da Luisanna Messeri nella rubrica “C’era una volta…”.

PREPARAZIONE.Pulire innanzitutto i carciofi: eliminare le foglie esterne e le punte, tagliare ogni carciofo in 8 spicchi, lavarli e porli in una padella scaldandoli con burro, un goccio d’acqua, sale e pepe, facendoli appassire bene, prima di lasciarli raffreddare. Aggiungere subito dopo 2 uova, mescolando bene. Unire poi anche la ricotta, il formaggio e amalgamare ancora. Condire con olio una tortiera, nella quale stendere uno strato di sfoglia, da spennellare con olio. Sovrapporre un altro strato di sfoglia, sempre da condire con olio, sul quale versare il ripieno preparato con i carciofi. Fare 3-4 buchi nel composto sulla torta, nei quali inserire uova intere (rotte ovviamente). Chiudere con un altro paio di sfoglie, entrambe da spennellare con olio. Scaldare in forno a 180 gradi per circa 40 minuti (fare la prova stecchino).

Scopri le ricette de LA PROVA DEL CUOCO del 18 febbraio: involtini di roastbeef; pizza ai quattro formaggi; dolcezza soffice di kiwi e renette. Clicca qui

RAVIOLI DOLCI DI RICOTTA

La scheda con gli ingredienti e le immagini relative alle diverse fasi della preparazione di questi ravioli buonissimi firmati Anna Moroni, sono disponibili nella gallery.

PREPARAZIONE. Realizzare innanzitutto il ripieno, setacciando la ricotta, alla quale aggiungere lo zucchero, la vaniglia, la cannella, liquore giallo, il cioccolato, il cacao e l’albume. Preparare l’impasto utilizzando tutti gli ingredienti relativi alla pasta, da lasciar riposare per una decina di minuti. Stendere la pasta, ricavare dei cerchi da farcire con il ripieno e chiudere a mezzaluna, prima di friggerli in abbondante olio d’arachidi e spolverarli con zucchero a velo mescolato con cacao e pochissima cannella.

Scopri le ricette de LA PROVA DEL CUOCO del 19 febbraio: acqua cotta con l’ovetto; torta salata con carote e taleggio… e non solo! Clicca qui

About Emanuele Fiocca

Nato a Soveria Mannelli (Catanzaro) il 7 Luglio 1987, è un calabrese doc. Attratto dalla televisione fin da bambino, ha maturato negli anni esperienze in diversi programmi della RAI come UnoMattina in Famiglia, Mezzogiorno in Famiglia, Alle Falde del Kilimangiaro, L'Arena e Domenica In. Caporedattore de LaNostraTv dall'11 agosto 2014 e Responsabile Editoriale di "Lavorare Nello Spettacolo", le sue più grandi passioni sono la natura, il giornalismo e ovviamente la Tv!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *