I tutorial di Detto Fatto: dispensa fai da te da vecchia scala con le idee di Alessandra Somma

By on febbraio 6, 2014
trasformare-scala-in-dispensa

tutorial detto fatto” href=”http://www.lanostratv.it/wp-content/uploads/2014/02/trasformare-scala-in-dispensa.jpg”>dispensa fai da te

DETTO FATTO, DISPENSA ORGANIZZATA E NUOVA DI ZECCA – Alimentazione sana e dispensa in ordine: il tutto in una sola mossa! Come? Nulla di più semplice. La cosiddetta piramide alimentare, è risaputo, ha appunto forma piramidale, come il nome stesso suggerisce, dotata di una larga base fatta di frutta e ortaggi ed una punta non eccessivamente stretta fatta di dolci, che una volta al dì, in una dieta equilibrata, ci stanno anche bene. Partendo da questo principio, la tutor fai da te Alessandra Somma suggerisce un’interessante opzione di design per rinnovare l’angolo dispensa, organizzandola ottimizzando il principio di dieta equilibrata attraverso l’utilizzo di una comunissima scala a pioli telescopica. Modificandone la destinazione d’uso, qualsiasi scala è capace di tramutarsi in un’ottimo scaffale-dispensa, ecco tutti i passaggi per realizzarla. 

I tutorial di DETTO FATTO – scrub alle braccia e mattarello per tonificare: CLICCA QUI

detto-fatto-misura-assi-scala-dispensa

Nella Gallery la Piramide Alimentare e le immagini del risultato finale della scala-dispensa

SCALA-DISPENSA, OCCORRENTE – Innanzitutto, procuriamoci l’occorrente per trasformare una comunissima scala in un pratico scaffale dispensa dal design moderno e funzionale. Dopo aver scelto la scala a pioli doppia che vogliamo adattare, procuriamoci 7 assi di legno di dimensioni diverse, 17 listelli sempre di legno, alcune viti, della tempera ad acqua del colore che preferiamo e un metro per segnarci tutte le misure. Le misure delle singole assi sono a nostra discrezione, le lunghezze suggerite a Detto Fatto sono adattabili ad una scala telescopica standard (49, 70, 90, 103, 117, 130, e 146, spessore 2 cm). Per facilitare l’operazione di pittura, possiamo optare per del compensato rivestito di cartone pressato.

SCALA-DISPENSA, PROCEDIMENTO – Procurato il tutto, iniziamo col dipingere le nostre assi singolarmente con il colore che abbiamo scelto; se il risultato della prima mano non ci soddisfa, diamone una seconda dopo un’ora dopo. Per rendere la superficie lavabile, quando il colore sarà asciutto passiamoci su una mano di protettivo lucidante. Asciutto il tutto, misuriamo sulla scala le distanze tra i pioli, riportiamole sulle diverse assi e applichiamoci sopra con delle viti i nostri listelli seguendo le misure appena prese, che fungeranno da incastro e daranno stabilità alle assi. Fatto il tutto, sistemiamo le diverse assi sui vari pioli, ovviamente partendo dal più piccolo in cima per terminare con il più lungo in basso.

SCALA-DISPENSA, SISTEMAZIONE E CONSIGLI SALVA SPAZIO – Ora non ci resta che organizzare la nostra dispensa! La tutor Alessandra Somma suggerisce di seguire l’ordine della piramide alimentare, posando sul fondo frutta e verdura ed i dolci in cima (Nella Gallery trovi la piramide alimentare completa). Infine un piccolo suggerimento per risparmiare spazio; nel ripiano più piccolo posto in cima, applichiamo delle calamite sul fondo, servendoci di alcuni chiodini. Dentro il coperchio metallico di alcuni barattoli di vetro inseriamo delle altre calamite, chiudiamo il barattolo e “appendiamolo” facendolo aderire alle altre già posizionate in precenda. Prima di procedere, assicuriamoci di rispettare le polarità delle due calamite, onde evitare l’effetto contrario: ricordate, gli opposti si attraggono!

Per tutti gli altri tutorial di Detto Fatto continuate a seguirci su LaNostraTv.it!

LEGGI ANCHE:

I Tutorial di DETTO FATTO – Titti e Flavia e i mille segreti dell’aceto per la pulizia della casa: CLICCA QUI

About Vito Tricarico

Nato nel cuore del sud nel 1993, diplomato da non molto come Tecnico della Gestione Aziendale. Curioso osservatore con la voglia di costruirsi ogni cosa con le proprie mani, dedica il proprio tempo a dilettarsi nella scrittura, nel disegno e dare seconda vita ad oggetti comuni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *