I tutorial di Detto Fatto: zaini e astucci puliti e cassettiera in ordine con i consigli di Titty e Flavia

By on febbraio 12, 2014
tutorial-titti-e-flavia-detto-fatto

text-align: center”>tutorial detto fatto pulizia zaino, astucci, trousse

I TUTORIAL DI DETTO FATTO: ZAINI E ASTUCCI PULITI E CASSETTIERA IN ORDINE – Se c’è un vantaggio nel vivere nella parte (presunta) ricca del mondo, è sicuramente quello di poter garantire ai nostri figli un’istruzione sicura e di qualità medio alta (almeno nei primi anni delle elementari), garantita dallo Stato ed accessibile a chiunque. Tra compiti, lezioni, disegni e attività di vario genere, molti sono gli accessori che passano quotidianamente per le mani dei piccoli di casa, oggetti che però non sono esenti da polvere e sporco, e la cui pulizia, seppur non quotidiana, deve avvenire con una certa cura e costanza. Oggi a Detto Fatto, le maghe del pulito Titty e Flavia hanno indicato valide soluzioni per la pulizia di zaini e astucci scolastici, consigli che tornano utili anche per la pulizia di borse e borselli, suggerendo anche un interessante escamotage per invogliare i nostri bambini a rimettere in ordine le loro cassettiere. Ecco come fare.

Un interessante consiglio per rinnovare le pareti delle camerette dei più piccoli (ma non solo)? CLICCA QUI

lavare-trousse

PULIZIA DI ZAINI E ASTUCCI SCOLASTICI – Fedeli servitori dei bambini, sempre posati sulle spalle, affrancano ai più piccoli la fatica di trasportare reggendoli con le mani libri, quaderni, ed accessori di ogni genere utili tra i banchi di scuola. Pulire gli zaini scolastici, e non solo quelli, diventa un gioco da ragazzi preparando una miscela “miracolosa” che ci evita di farli passare ogni volta per l’oblò della lavatrice. In una bacinella, misceliamo insieme 300 ml di acqua con 2 cucchiai di bicarbonato e 1 cucchiaio di aceto bianco (davvero miracoloso, CLICCA QUI per scoprirne i mille impieghi possibili). Preparata la miscela, immergiamoci dentro lo zaino da lavare strofinando con più forza sulle eventuali macchie ostinate presenti; la stessa miscela ci viene in aiuto nella pulizia degli astucci di stoffa.

PULIRE ASTUCCI E TROUSSE IN PLASTICA – Se l’astuccio utilizzato dai nostri figli è invece di plastica, a questo punto ci viene in aiuto del comunissimo latte detergente da strofinare sopra avvalendosi dell’aiuto di un batuffolo di cotone; la stessa operazione la si può adoperare per la pulizia di borse in plastica ed ecopelle. Rimanendo in tema plastica, ma allontanandoci per un attimo dal mondo dei bambini, Titty e Flavia suggeriscono un’altra miscela per pulire la trousse dei trucchi (accessorio di sicuro non nelle mani dei più piccoli); in 500 ml di acqua, versiamo un cucchiaio di aceto bianco ed un cucchiaio di sapone di marsiglia in scaglie, miscela da strofinare sula superficie della trousse con uno spazzolino per unghie.

CASSETTIERA IN ORDINE CON FOTO E DISEGNI – I bambini che gironzolano per casa sono un tantino pigri e non amano rimettere in ordine la loro biancheria? Piuttosto che costringerli, cosa che si rivela puntualmente controproducente, cerchiamo di invogliarli a farlo trasformando la noiosa attività in un gioco. Innanzitutto, diamogli in mano una fotocamera o un cellulare e facciamogli scattare una foto per ogni tipologia di capo di abbigliamento (maglie, pantaloni, felpe, ecc…); per rendere il tutto più divertente, possiamo mettergli tra le mani un foglio e dei colori facendoglieli disegnare. Stampate le foto, o completati i disegni, scegliamo con i bambini come disporre i capi all’interno della cassettiera e attacchiamo, inseme a loro, le foto scattate o i disegni realizzati sui cassetti in corrispondenza della disposizione scelta; per attaccare le foto è consigliabile utilizzare del masking tape, particolare tipo di scotch che non danneggia le superfici. Utilizziamo questo semplice escamotage per invogliarli a riempire la loro cassettiera seguendo correttamente le immagini applicate sopra.

Per tutti gli altri tutorial di Detto Fatto continuate a seguirci su LaNostraTv.it!

About Vito Tricarico

Nato nel cuore del sud nel 1993, diplomato da non molto come Tecnico della Gestione Aziendale. Curioso osservatore con la voglia di costruirsi ogni cosa con le proprie mani, dedica il proprio tempo a dilettarsi nella scrittura, nel disegno e dare seconda vita ad oggetti comuni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *