L’Oro di Scampia: il 10 febbraio, su Rai Uno, la storia di Gianni e Pino Maddaloni

By on febbraio 7, 2014
foto oro di scampia gianni e pino maddaloni

text-align: center”>

foto oro di scampia gianni e pino maddaloni

SCAMPIA SUL TETTO DEL MONDO. L’Oro di Scampia, film tv ispirato alla storia di Gianni e Pino Maddaloni, andrà in onda il 10 febbraio, in prima serata su Rai Uno. Un’altra interpretazione magistrale dell’ormai blasonato Beppe Fiorello che, dopo Domenico Modugno, torna sul piccolo schermo per farci commuovere con una nuova storia carica di significati ed emozione. Liberamente ispirato a “La mia storia sportiva” di Gianni Maddaloni, il film tv diretto da Marco Pontecorvo narra le vicende di un padre e un figlio, Enzo e Toni Capuano (nomi di fantasia, riferiti a Gianni e Pino Maddaloni), che da Scampia riescono ad arrivare sul tetto del mondo, aggiudicandosi la medaglia d’oro nel judo alle Olimpiadi di Sydney nel 2000. La storia di un padre che vuole fuggire dalla realtà di Scampia e, per questo, apre una palestra nella quale accoglie tutti i giovani del quartiere che vogliano avvicinarsi allo sport. Una sorta di romanzo di formazione, quello prodotto da Picomedia in collaborazione con Rai Fiction, nel quale non solo si esaltano il lavoro e la passione, ma anche il coraggio e la voglia di farcela con onestà, laddove questi valori sembrano ormai dimenticati.

anna-foglietta

L’OSTINAZIONE DI ENZO E LA PAURA DI TONI, IN UNA STORIA DI CORAGGIO E DETERMINZIONE SENZA EGUALI. Enzo e Toni sono un padre e un figlio che vivono nel quartiere di Scampia. Enzo è un infermiere con una grande passione per il judo e per il suo quartiere, tanto che decide di aprire una palestra per allenare i ragazzi del luogo. Il quartiere napoletano, governato dalla Camorra, non vede di buon occhio l’attività dell’uomo, che, peraltro, sottrae giovane manovalanza ai boss. Se l’ostinazione di Enzo di rimanere a Scampia è tanta, minima è quella di Toni, che vorrebbe andar via o arrendersi alla Camorra. Intanto, in palestra si prosegue con gli allenamenti e, tra gli allievi, emerge proprio Toni che, in breve tempo, si aggiudica il titolo nazionale. La camorra non si lascia sfuggire l’avvenimento e, in segno di vendetta, intraprende un’azione brutale nella quale perderà la vita Sasà, uno degli amici della sgangherata armata messa in piedi da Enzo in palestra. Amareggiato, Toni decide di lasciare Scampia e allenarsi al CONI, conquistando il titolo europeo. La vendetta della camorra non si fa attendere: la palestra di Enzo viene bruciata e Lupo (il partner di Enzo negli allenamenti) perderà la vita. È il momento, per Toni, di prendere una decisione: partire o restare? Il ragazzo deciderà di stare al fianco del padre per continuare ad allenarsi e vincere la loro battaglia morale contro la camorra. Si allenano in spiaggia, per strada, in campagna e alla fine, dopo tanto lavoro, giunge il risultato più atteso: la medaglia d’oro olimpica. Una medaglia carica di significati, di sudore, di violenza subita e di vogli di riscatto. Un riscatto cercato e ottenuto non fuggendo, ma restando lì, a Scampia, per lottare ogni giorno contro le tenebre della camorra senza arrendersi mai.

L’ORO DI SCAMPIA – IL CAST COMPLETO. Oltre a Enzo Capuano(Beppe Fiorello), nel cast anche, Teresa (Anna Foglietta), Toni Capuano (Gianluca Di Gennaro), Leda (Anna Bellezza), Sasà (Ciro Petrone), Vincenzo (Emanuele Vicorito), Carmine (Francesco Martino), Chiara (Francesca Liardo), Lello (Christian Parlati), Matteo (Manuel Parlati), Felice (Domenico Pinelli), Ciro (Davide Scafa), Michele (Salvio Simeoli), Nonna di Leda (Nunzia Schiano), Assessore Nicoletti (Anna Ammirati), Nicola (Gaetano Bruno), Franco Ricciardi, Vito (Ivan Granatino), Lupo (Salvatore Striano).

 

About Martina Dessì

Nata nel 1988, in un venerdì molto speciale… Dopo la maturità scientifica, conseguita a pieni voti, ha deciso di iscriversi al corso di laurea in Chimica. Non trascura la passione per la lettura, che nutre sin da bambina, divorando enormi quantità di libri. Quasi per caso, si trova ora ad inseguire il suo sogno, che sembrava ormai sopito, scrivere…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *