Mondo senza fine, stasera su La7 la serie tratta dal romanzo di Ken Follett

By on febbraio 2, 2014
Merthin, protagonista di Mondo senza fine

text-align: justify”>Merthin, protagonista di Mondo senza fineSTASERA SU LA7 IL PRIMO DI QUATTRO APPUNTAMENTI CON LA SERIE CANADESE. Arriva stasera alle 21.10 in prima TV in chiaro Mondo senza fine, la serie tv tratta dall’omonimo best seller di Ken Follett. La serie, sceneggiata da John Pielmeier e diretta da Michael Caton-Jones, è stata prodotta da Ridley e il defunto Tony Scott, poco prima della sua scomparsa nel 2012. Nel cast Tom Weston-Jones, Charlotte Riley e la Miranda di Sex and the City, Cynthia Nixon. La serie, composta di otto episodi che saranno trasmessi da La7 in quattro serate, rappresenta il sequel de I pilastri della terra, serie del 2010 tratta anch’essa dal romanzo omonimo di Follett.

DOVE ERAVAMO RIMASTI CON I PILASTRI DELLA TERRA. Ne I pilastri della terra, ambientato nel XII secolo, viene rappresentata la guerra civile scatenata dalla morte senza eredi maschi di Enrico I. Il dividersi della nobiltà tra la principessa Matilde e il nipote di Enrico, Stefano, cela la rivalità tra due famiglie, gli Shiring e gli Hamleigh: quando Stefano viene incoronato re dall’arcivescovo di Canterbury, in conte Bartholomew di Shiring viene denunciato come traditore dagli Hamleigh, che così si vendicano dell’affronto subito dal loro rampollo, William, rifiutato dalla giovane Aliena di Shiring. Arrestato il conte, Aliena e suo fratello Richard sono costretti a scappare. Alle sventure di casa Shiring si intrecciano quelle dell’uomo del popolo Tom, che vive di stenti dopo aver perso il lavoro come costruttore della nuova casa di William Hamleigh. Nel corso del suo girovagare, la famiglia di Tom viene presa sotto l’ala protettrice del Priore di Kingsbridge, Philip, che assegna a Tom il compito di ricostruire la propria chiesa, distrutta da un incendio; la costruzione della cattedrale verrà proseguita dal figliastro di Tom, Jack, ragazzo timido e con immense doti artistiche, di cui Aliena si innamorerà. Sposatasi con Alfred solo per riconquistare la posizione perduta dalla propria famiglia, nell’ultima puntata riuscirà finalmente a ricongiungersi con Jack.

cynthia_nixon_petronilla

MONDO SENZA FINE: LE AVVENTURE DEI DISCENDENTI DI TOM E JACK. In questa seconda miniserie, il racconto riprende a Kingsbridge nel Trecento, seguendo l’intrecciarsi delle vicende relative al trono d’Inghilterra e delle avventure dei discendenti di Tom e Jack. È il 1327 quando la Regina Isabella sconfigge in battaglia suo marito Re Edoardo II, che viene arrestato e deposto in favore di suo figlio, Edoardo III. Col consenso della Regina, sir Roland diviene il nuovo Conte di Shiring e prende a servizio Merthin e Ralph, i figli di sir Gerald, il Conte da lui deposto. Nel frattempo, al Priorato di Kingsbridge arrivano un cavaliere ferito, Thomas Langley, che sembra nascondere un segreto a proposito della Regina, e il nipote del Priore, Godwyn, che spinto da sua madre Petronilla (Cynthia Nixon) deve intraprendere gli studi di medicina. Dopo aver ottenuto ciò che voleva per il figlio, Petronilla s’insinua in casa di suo fratello, ne avvelena la moglie e dà in sposa la figlia, Caris, a un ricco costruttore. Intanto, grazie a una lettera arrivata da Thomas Langley, Re Edoardo III scopre le trame della Regina e fa impiccare il suo amante, Roger Mortimer, per l’assassinio di Edoardo II. La Regina giura a se stessa che tutta Kingsbridge pagherà caro per quanto accaduto. Nella seconda parte della puntata di stasera seguiremo la difficile vita matrimoniale di Caris che, nel tentativo di procurare lavoro al buon amico Merthin, viene picchiata e cacciata di casa dal marito, mentre a Londra Re Edoardo III prende il potere.

TRA FICTION E STORIA. La serie, che inserisce le fittizie vicende di Kingsbridge nel contesto storico dell’Inghilterra del Trecento, disegna un insieme di personaggi e circostanze verosimili entro la cornice di eventi realmente accaduti quali la deposizione di Edoardo II, la Guerra dei cento anni tra Inghilterra e Francia, la peste nera, la persecuzione della stregoneria e l’ascesa della classe borghese.  «È una saga dominata dal tema del cambiamento» aveva detto Ken Follett all’uscita di Mondo Senza fine. Una saga che, dal punto di vista dell’autore britannico, comparso in un cameo nel settimo episodio de I pilastri della terra, riflette l’ossessione del Novecento per il cambiamento, un’ossessione che da sempre muove la storia. Da un lato Merthin e Caris, i buoni, che aspirano al cambiamento, dall’altro Petronilla e Godwyn, i cattivi, che si accontentano del presente: chi vincerà?

About MartinaCervino

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *