Pupo critica Fazio e Pagani per il Festival di Sanremo: “Io avrei fatto scelte diverse, inserendo brani dal respiro più popolare”

By on febbraio 8, 2014
Foto Pupo Enzo Ghinazzi

Foto Pupo Rai Uno” href=”http://www.lanostratv.it/wp-content/uploads/2014/02/Pupo-cantante-Rai-1.jpg”>Foto Pupo Enzo Ghinazzi

PUPO E LE POLEMICHE SU SANREMO 2014. Quando si tratta di esprimere un’opinione, Enzo Ghinazzi, noto a noi come Pupo, non si lascia prendere dalla timidezza. Infatti, il famoso cantante, anche questa volta, non ha esitato a dire schiettamente la sua riguardo una faccenda che, in questo periodo di attesa, scotta più che mai. Ebbene, da buon intenditore e veterano nel mondo della musica, il caro Pupo, in un’intervista a Il Tirreno ha mostrato tutto il suo dissenso nei confronti di coloro che sono stati designati nella scelta delle canzoni in gara del prossimo Festival di Sanremo. Senza troppi giri di parole, lui avrebbe fatto diversamente e, proprio per dirla tutta, non avrebbe mai coinvolto Fabio Fazio e Mauro Pagani che, in questo contesto, peccherebbero di imparzialità in quanto si lascerebbero troppo condizionare dai proprio gusti musicali. Queste le parole di Pupo: “Il mio è un giudizio ufficioso perché non ho ascoltato le canzoni, ma visti i nomi non credo che da questa edizione uscirà una canzone che potrà sostituire le vecchie hit italiane a livello internazionale. Io avrei fatto scelte diverse, inserendo brani dal respiro più popolare. Per fare il direttore artistico si deve partecipare alla costruzione delle canzoni, come facevano Baudo e Ravera, non Fazio e Pagani.” E poi, continuando, non ha negato il  suo grande desiderio di ritornare al Festival, non come cantante ma come conduttore…

enzo-ghinazzi-pupo-cd

PUPO CRITICA ANCHE I TALENT SHOW. La schiettezza di Pupo non è mancata neanche sul versante talent show, il genere televisivo più appezzato del momento. Nessun complimento per loro, semplicemente perché non crede che abbiano dei lati positivi: il cantante non li apprezza perché, a quanto pare, nel corso di questi anni, non hanno portato alla nascita di una vera e propria star internazionale, a causa della rapidità con la quale il tutto viene presentato al pubblico. Insomma, più che un modo per far emergere la musica, i talent show si sarebbero rivelati solo una mera corsa al successo che, secondo Pupo, avrebbe reso protagoniste numerose persone non all’altezza. Così si è espresso: “Credo che i ragazzi vadano rispettati di più, altrimenti si fanno complessi sbagliati. La velocità e l’esigenza della Tv vanno più a beneficio del prodotto televisivo stesso che non di chi promuove la musica. Si sentono canzoni subdole cantate da voci anche molto belle, come Mengoni o Emma, che però cantano cose improponibili a livello internazionale.” .

Restando in tema, non ha potuto fare a meno di commentare anche la sua recente esperienza nel programma condotto da Antonella Clerici,Ti lascio una canzone“, nel quale ricopre il ruolo di giurato. Nonostante lo scorso anno sia stato accusato di scarsa delicatezza per aver fatto piangere una bambina, il cantante, senza alcun pentimento, ha detto: “E poi la formula più morbida di quest’anno, con una giuria meno “cattiva” non mi convince; mi piaceva di più la vecchia formula, in cui i concorrenti venivano giudicati normalmente, non per umiliarli, ma per abituarli a qualcosa di meno finto; d’altronde la Tv è molto spesso al limite della finzione.“.

About Martina Morlè

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *