Alessandro Preziosi dopo il successo di Per amore del mio popolo racconta la sua esperienza e pensa al matrimonio

By on marzo 19, 2014
per-amore-del-mio-popolo

text-align: center”>don peppe diana

UN SUCCESSO ANNUNCIATO PER LA FICTION SU DON DIANA. Come era prevedibile la fiction Per amore del mio popolo, dedicata a Don Peppe Diana, il prete di Casal di Principe ucciso dalla camorra proprio a marzo di venti anni fa, la cui prima puntata è andata in onda ieri sera (la seconda e ultima sarà trasmessa stasera), ha fatto vincere a Rai 1 la gara degli ascolti per la serata del 18 marzo. La miniserie, interpretata da Alessandro Preziosi, ha conquistato 5.377.000 spettatori e il 20.05% di share battendo così tutti gli altri canali. E i numeri che la Rai si aspetta questa sera sono gli stessi.

HO URLATO PER DON DIANA. Così Alessandro Preziosi racconta la sua esperienza sulle pagine di Vanity Fair. Interpretare questo ruolo non è stato semplice per l’attore che ha dovuto vestire i panni di un uomo che ha fatto molto per la sua gente. Spesso, durante le riprese si chiedeva se interpretava l’uomo o il prete e alla fine ha scelto, come racconta al settimanale: “Ho scelto l’uomo, quello che forse vorrei essere, e che si muove in un tessuto sociale delicatissimo come quello campano. L’ho interpretato pensando a come avrebbe agito lui, come avrebbe parlato, con quale tono, quale forza”.

alessandro-preziosi-don-diana

LA DIFFICOLTÀ DI GIRARE A CASAL DI PRINCIPE. Non è stato semplice per Preziosi neanche girare a Casal di Principe, terra dei Casalesi. L’attore racconta quelle sette settimane sul set in un luogo dove bisogna dimenticarsi di essere attori e di “credere come uomo in quello che dici e fai”. E continua dicendo che la gente era felice che fossero là e ricordando un episodio accaduto durante le riprese: “C’è una scena in cui il figlio di un camorrista viene a cercare la sua ragazza che sta da me. Io lo fermo e lui mi fa: ‘Guardate che se non mi dite dov’è, io vi spiezzo ‘e cosce’. Don Diana deve rispondergli:  ‘Se provi un’altra volta a venire qua, io ti denuncio’. Il copione non prevedeva che fossi plateale, ma in piazza c’erano circa 700 persone e ho sentito che era più importante mandare quel messaggio a loro più che al pubblico della fiction. Ho letteralmente urlato quella frase perché la gente la potesse sentire e condividere. La piazza è rimasta in silenzio, colpita”.

E ORA VORREI SPOSARMI. Alessandro Preziosi, però, non parla soltanto di lavoro ma anche di amore e, in particolare, di matrimonio. E, naturalmente, si parla di Greta Carandini di cui molto teneramente dice: “È un amore importante. Mi ritengo fortunato ad averla incontrata. Non è scontato saper riconoscere il sottotraccia che conta, e bisognerebbe imparare a proteggere e curare ciò a cui tieni” e alla domanda se pensa al matrimonio risponde: “Il matrimonio è la cosa più concreta per due persone che decidono di trascorrere insieme tutta la vita, e mi piace anche la convivenza. La storia che la lontananza aiuta l’amore a durare più a lungo mi sembra un’invenzione. Anzi, vorrei una piccola apnea dal mio mestiere per approfondire la mia vita paterna, di fidanzato, mi piacerebbe avere una quotidianità più regolare”. Se ne facciano una ragione tutte le sue fan.

About Patrizia Gariffo

Ama scrivere e lo fa da sempre. Dopo la laurea in Lettere Classiche è diventata giornalista pubblicista e questo le ha permesso di avere diverse esperienze sia sulla stampa tradizionale che su quella online e le ha fatto apprezzare sempre di più questo lavoro. E' una persona molto riservata, non le piace mettersi in mostra, anche quando potrebbe farlo. Preferisce la sostanza all’apparenza e non sopporta gli opportunisti e chi si sente più di quello che in realtà vale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *