Elisabetta Canalis interroga i followers: “Armi in casa, giusto o sbagliato per voi?”

By on marzo 25, 2014

foto cartello armi elisabetta canalisELISABETTA CANALIS E’ TORNATA IN CALIFORNIA. Conclusi gli impegni che l’hanno vista protagonista nel Belpaese, Elisabetta Canalis è volata in California al fianco del fidanzato Brian Perri, col quale è felice e serena ormai da diverso tempo. E proprio d’oltre oceano, a dispetto dei numerosi scatti e delle selfie postati dall’ex velina, Elisabetta Canalis ha pubblicato un’insolita immagine del cartello di un suo vicino di casa, che annuncia la presenza di armi nell’abitazione per la difesa personale ed ha chiesto ai suoi followers di Instagram “Giusto o sbagliato per voi?”.

ELISABETTA CANALIS INTERROGA I FANS SULL’USO DELLE ARMI COME LEGITTIMA DIFESA. Elisabetta Canalis ha quindi per così dire interrogato i propri followers su un tema molto delicato come quello della sicurezza e delle armi come legittima difesa, spiegando:

“Violenza genera violenza qualcuno ha scritto.” quindi ha scritto “Moralmente è un concetto sacrosanto ma la vita reale dimostra che l’alternativo spesso è subirla”.

ELISABETTA CANALIS SPIEGA IL SUO PUNTO DI VISTA SULL’USO DELLE ARMI. Tante le risposte ricevute da Elisabetta Canalis, alle quali si è voluta aggiungere anche lei stessa, che ha fatto sapere di non sapere quale decisione prendere a riguardo ed ha quindi spiegato ai fans il suo punto di vista:

Se penso a quel gioielliere di viale Padova che per difendersi da un’aggressione di una rapina ha sparato uccidendo il rapinatore ed ha avuto 1000 processi mi viene da dire che sono d’accordo, come mi viene da essere d’accordo quando leggo di tutte quelle persone che vivono in case o ville in periferia e che vengono regolarmente legate, menate e derubate” e ha proseguito spiegando che d’altro canto “Se poi penso a quante volte da ragazzina mi sono infilata a casa dei vicini per giocare coi cani o solo per vedere il loro giardino e pensare che se mio figlio facesse lo stesso potrebbe venire sparato solo perché scambiato per un ladro allora ho qualche riserva.”.

ELISABETTA SI ALLENA AL POLIGONO. Una Elisabetta Canalis che confessa infine una verità fino ad oggi taciuta, ossia il fatto che da tempo lei si allena al poligono di tiro, benchè chiarisce di non possedere e di non voler acquistare una pistola:

“Da qualche anno vado ad allenandomi al poligono abbastanza regolarmente” quindi spiega “faccio autodifesa che prevede il disarmo il quale non può essere tot efficace se non si sa come usare l’arma stessa” e prosegue “mi è stato suggerito più volte di comprare un fucile o una pistola ma non l’ho fatto ne’ penso lo farò. Forse mi pentirò di questo ma non voglio essere causa di incidenti di questo genere e so che potrebbe succedere. Mio padre ha il porto d’armi ed ho sempre visto pistole a casa mia ma mio padre è una persona estremamente responsabile, infatti non le ha mai lasciate incustodite. Non so se io sarei così attenta.” ed aggiunge “Non so se tutti quelli che entrano in casa mia saranno persone affidabili e non me la sento di rischiare.”.

PER ELISABETTA CANALIS E’ INACCETTABILE LA CONDIZIONE DELLA LEGITTIMA DIFESA IN ITALIA. Una Elisabetta Canalis con mille dubbi e perplessità quindi che ha comunque deciso di affrontare un tema indubbiamente spinoso e delicato come quello dell’uso delle armi a difesa personale, sottolineando di considerare inaccettabile la condizione a riguardo, nel nostro paese:

“E’ inaccettabile che la legittima difesa in Italia sia così poco chiara o ridotta molto spesso ad un uso della difesa solo se si viene minacciati” mentre invece “La legge deve aiutarci a difenderci o in Italia continueremo ad essere un bersaglio troppo facile per ladri e stupratori e la gente si difenderà come può.”.

About Michela Galli

Dal 2009 semplicemente ... blogger per caso ma mossa da una grande passione per la rete di internet ed un vero e proprio amore per la scrittura, che la portano tutti i santi giorni a scrivere, scrivere, scrivere ...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *