Fabrizio Corona confessa nella prima intervista dal carcere: “Coi primi permessi vado a scuola a prendere Carlos”

By on marzo 24, 2014

foto fabrizio coronaFABRIZIO CORONA, PRIMA INTERVISTA DOPO 14 MESI DI CARCERE. Nuovo aggiornamento sulla situazione di Fabrizio Corona, che intervistato per la prima volta da il “Corriere della sera”, si racconta “in diretta” a cuore aperto, rivelando nuove dichiarazioni sconvolgenti, a partire dal fatto che l’ex Re dei paparazzi ammette “Sono sempre lo stesso, il dna non lo puoi cambiare.” ma aggiunge quanto al carcere “Mi ha fatto tornare con i piedi per terra.”.

FABRIZIO CORONA, UN UOMO NUOVO. Un Fabrizio Corona nuovo quindi che ammette i propri sbagli e gli errori commessi nel passato e che pensando al suo futuro a dispetto della sua vita passata fatta di eccessi, soldi, belle donne, motori e tanto altro, sembra davvero aver riscoperto il valore vero delle cose e soprattutto dei sentimenti, tanto che confessa:

La prima cosa che faccio quando esco è andare a prendere Carlos a scuola” quindi ammette “mi manca tantissimo mio figlio”, aggiungendo quando al carcere, che questa esperienza per quanto dura “Mi ha fatto scoprire il senso della realtà, insegnato a star bene con me stesso e messo nelle condizioni di proseguire nel migliore dei modi lungo la strada della vita quando tornerò libero.”.

IL CARCERE HA SALVATO FABRIZIO CORONA. Ebbene si, perchè Fabrizio Corona, da oltre quattordici mesi detenuto in carcere, dapprima a Busto Arsizio e poi ad Opera per scontare gli anni di pena ai quali è stato condannato, fa delle riflessioni personali sull’uomo che si considera oggi, dopo la condanna fin qui scontata e confessa:

“Il carcere mi ha salvato la vita.” quindi spiega “È riuscito a fermare un treno in corsa perenne da anni che ultimamente aveva perso sogni, equilibri e alzato troppo l’asticella del limite” quindi aggiunge “Sono migliorato, in tante cose. Sono più vero, più lucido e più uomo perché ho visto gente soffrire e morire, ho visto il tormento, la paura, lo sconforto, la vera solitudine e l’abbandono, ho capito cosa sono la cattiveria e la vera violenza. Tutto questo mi ha reso più forte.”

A FABRIZIO CORONA MANCANO LE EMOZIONI. E’ ancora arrabbiato Fabrizio Corona per la condanna inflittagli di 14 anni e due mesi – oggi ridottasi a sei anni ed undici mesi – e per gli errori commessi, tra gli altri come da sue parole “rifiutare un patteggiamento di 8 mesi per Vallettopoli” ma soprattutto gli mancano le emozioni quotidiane che la vita ti dà e gli manca infinitamente suo figlio Carlos, del quale confessa “quando lo vedrò mi renderò conto di quante cose ho buttato nella mia vita”. Eppure lui cerca vivere o per meglio dire di sopravvivere, facendo di tutto e di più per la comunità carceraria, come racconta:

“Faccio moltissimo” quindi speiga “ho inventato un portale innovativo per i detenuti, ho raccolto circa 70 mila euro per loro, ho scritto un libro, ho lavorato come portavitto e sono riuscito dal carcere a mandare avanti la mia azienda senza farla fallire e mi sono mantenuto in forma allenandomi per almeno un’ora al giorno.” e precisa “Ho sempre tenuto vivo il cervello e ho ripulito l’anima”.

About Michela Galli

Dal 2009 semplicemente ... blogger per caso ma mossa da una grande passione per la rete di internet ed un vero e proprio amore per la scrittura, che la portano tutti i santi giorni a scrivere, scrivere, scrivere ...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *