Quel nudo birichino di “Rodolfo Valentino”

By on aprile 8, 2014
Polemica sul nudo di Garko

text-align: center”>Polemica sul nudo di Garko

LA SAGA CONTINUA – Qualche giorno fa, circolava la notizia di un regista e di uno sceneggiatore imbufaliti. Si trattava rispettivamente di Alessio Inturri e di Teodosio Losito, che ventilavano l’idea di azioni contro Mediaset, rea di aver cancellato una scena di nudo integrale di Gabriel Garko nella mini-serie Rodolfo Valentino, in onda su Canale 5 il 16 e il 17 aprile. Potevano, però, mancare le dichiarazioni del diretto interessato? La domanda è retorica, la risposta altrettanto: no. Dario Gabriel Oliviero (questo il vero nome di Garko), si sarebbe preparato in modo estenuante per entrare nella parte, arrivando addirittura ad avere i crampi dal dolore alla fine delle lezioni di danza. I maligni direbbero che avrebbe anche potuto fare qualche lezione (senza arrivare ai crampi, per carità) di mobilità facciale ed espressività.

gabriel-garko-asia-argento

QUESTA CENSURA NON S’HA DA FARE – Al settimanale Oggi, Garko ha rivelato la propria opinione sulla presunta censura da parte di Mediaset.

“Quel nudo avveniva in un momento simbolico importante della storia, quello in cui Rodolfo Guglielmi si spoglia di tutto per diventare un nuovo uomo, il grande Rudy Valentino. […] Mi piacerebbe che Canale 5 ci ripensasse, ma temo non ci sia niente da fare”.

Il nudo in questione non sarebbe affatto strumentale, quindi. E quando gli chiedono se si senta un sex-symbol, dichiara perentorio:

“Sex symbol come lui [come Rodolfo Valentino; N.d.R.]? Non esageriamo. Lui era un divo, io quanto sento dei colleghi che parlano di se stessi in terza persona mi metto a ridere”.

Solito riserbo totale, poi, sulla sua vita privata (d’altra parte, è privata).

“Nella mia vita c’e’ una persona speciale, ma non voglio dire di piu’. Non e’ una donna di spettacolo e non vuole apparire. Ma mi rende felice, con lei sto bene”.

RODOLFO VALENTINO: SI RICONOSCERÀ IL MARCHIO ARES?– Come al solito, le fiction Ares (sul cui valore estetico lascio agli altri l’ardua sentenza) hanno la capacità di catturare una buona percentuale di pubblico generalista prevalentemente femminile, incentrandosi su aspetti quali passioni travolgenti (possibilmente a tinte melò), attori protagonisti (ed aspiranti tali) amati e fortemente riconoscibili, oltre che aspetti della quotidianità romanzati, possibilmente, secondo stilemi ottocenteschi. Per scoprire se questi elementi (un vero e proprio marchio di fabbrica) saranno presenti in Rodolfo Valentino (il dubbio, quasi, non sussiste), l’appuntamento è con la mini-serie in cui si vedranno gli aspetti più privati e meno mondani (?) di un attore di cinema muto presto diventato divo.

About White Gold

Nato in un soleggiato mercoledì del 1990, dopo la maturità linguistica e una Laurea binazionale in Lettere, sto studiando Comunicazione e Culture dei Media. L'interesse per il mezzo televisivo è soltanto uno dei motivi che mi spinge a scrivere per questo blog, oltre a farmi intraprendere alcune esperienze nello studio di casi di comunicazione sociale alla Rai.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *