The Voice Of Italy 2, quinta puntata: i migliori commenti della serata

By on aprile 9, 2014
coach-the-voice-of-italy-2

text-align: center”>the voice of italy rai 2

THE VOICE OF ITALY, QUINTA PUNTATA: J-AX RE DEGLI AFORISMI – Quinta puntata scoppiettante quella appena andata in onda di The Voice Of Italy, dove i quattro coach hanno finalmente completato le loro squadre e tutti sono pronti per accedere alla fatidica fase delle Battle. Noemi, J-Ax, Raffella Carrà e Piero Pelù anche questa sera hanno dato dal sottopalco il loro meglio, gettandosi in simpatici siparietti tra ironia e doppi sensi confermando quell’alchimia già dimostrata nelle puntate precedenti. A colpi di BellazziaTusseifforte e Devodireche, ad avere la meglio nell’originalità è il novellino J-Ax, ventata di freschezza per il programma, che non ha risparmiato aforismi da pescivendolo per accaparrarsi il piazzato sul palco di turno, ma anche gli altri tre non hanno certo risparmiato creatività (ed obiettività) nella scelta delle proprie leve. Per voi, abbiamo creato una piccola raccolta con i migliori commenti della puntata, godetevela tutta!

piero-pelu-the-voice

THE VOICE 2, J-AX vs MANIACA RAFFA – Ritmata e piena di voci interessanti, dopo aver premuto il pulsante I Want You i quattro coach (o tre, o due, a seconda dei casi) hanno dato ed offerto battaglia nella speranza/obbietto di attirare nella propria squadra i profili più interessanti passati per il palco; nel farlo, ogni mezzo (verbale) diventa lecito, ed è così che dalle loro bocche escono fuori assurdità ridicole o interessanti che tanto fanno bene allo spettacolo. Le più grosse le ha sparate J-Ax, che, convintissimo che “Dopo i lenti bisogna limonare“, ha urlato sangue per tirare sotto il suo “cappello usato dai pescatori nelle barche di tonno” le migliori voci di turno. Mentre la Carrà si è data della vecchia da sola “Perché io so’ tu’ nonna!“, di tutta risposta il vecchio rapper ha notato “Lo sguardo da maniaco al parco della Raffa” che cercava di intrappolare un giovincello finito da quelle parti!

J-AX TRA DOPPI SENSI E FRECCIATE “POLITICHE” – Sconvolto (ma forse no, visto che non s’è girato) dalla suadente esibizione di Benedetta Caretta (ex Io Canto), sempre J-Ax si è detto sicuro che “tra 9 mesi nasceranno bambini con la tua interpretazione“, e ne approfitta anche per lanciarsi in merchandising spicciolo proponendo “Magliette con scritto La mamma gode” sul filone sempre efficace dei doppisensi. Poi, nonostante dica di non badare ai tecnicismi, alla tonalità dei cantanti ci fa caso, e quando questi non mantengono le promesse… :

(Canti) Salirò, e non hai mantenuto la promessa: hai fatto la campagna elettorale!

PELU’ FA LA CACCIA AGLI EVASORI, J-AX AI BARATTOLI DI MIELE – Pelù, dal canto suo, fissato com’è con la provenienza geografica del cantante di turno, dopo aver dato ad un ragazzo dello “Scappato da rebibbia” si lancia in un efficace scambio di battute con un sammarinese con una sottile frecciata ad un particolare vizietto all’italiana…

Pelù: Ma lo hai il permesso di soggiorno?

Sammarinese: Sono cittadino italiano residente a San Marino

Pelù: Ancora peggio! EVASORE!! 

Tornando a J-Ax, che davvero ne ha dette di ogni, nei suoi aforismi, rivolgendosi ad una ragazza per comunicargli quanto abbia esagerato, ha coinvolto anche il mondo “culinario”:

Sei andata a prendere il miele e ti è caduto il barattolo in testa!

Carrà, J-ax, pelù… E Noemi? Beh, agguerrita più che mai, anche questa sera ha ha sfiorato punte di perfidia (ma sempre nei limiti del garbo) nello “stroncare” quanti si sono esibiti, forte di una taratura caratteriale che non si smentisce! Dite che sia lei la più antipatica dei quattro?

About Vito Tricarico

Nato nel cuore del sud nel 1993, diplomato da non molto come Tecnico della Gestione Aziendale. Curioso osservatore con la voglia di costruirsi ogni cosa con le proprie mani, dedica il proprio tempo a dilettarsi nella scrittura, nel disegno e dare seconda vita ad oggetti comuni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *