Il coraggio di Lea: una fiction ricorda Lea Garofalo, simbolo della lotta alla ‘ndrangheta

By on giugno 24, 2014
foto lea garofalo

text-align: center”>foto lea garofalo

IL CORAGGIO DI LEALea Garofalo sarà protagonista di una fiction diretta da Marco Tullio Giordana e prodotta da Rai Fiction in collaborazione con la Bibi Film. L’annuncio è stato dato proprio dal direttore Eleonora Andreatta, che ha tenuto a sottolineare l’importanza di realizzare un prodotto che racconti  la storia di una donna diventata simbolo della lotta alla ‘ndrangheta.

“Marco Tullio Giordana e Monica Zapelli saranno gli sceneggiatori della fiction che sarà girata in estate per essere trasmessa dalla Rai nella prossima stagione televisiva, non prima di un anno – ha dichiarato Andreatta -. Al momento sono aperti i casting per scegliere il volto di Lea Garofalo. La fiction racconterà la storia di due donne, madre e figlia, che faranno di tutto per contrastare il modo di vivere mafioso della loro famiglia. Una storia di drammi e speranze”.

 

foto-lea-garofalo

Ma chi è Lea Garofalo? Una donna comune, calabrese, che nel 2002 ottiene la protezione perché ha deciso di diventare la testimone chiave contro le vicende tragiche che hanno sconvolto la sua famiglia. Una famiglia che da generazioni era un vero e proprio clan malavitoso. Alla fine degli anni Novanta la polizia riesce a smantellare il clan Garofalo. Dopo l’uccisione di suo fratello Floriano avvenuta dopo l’assoluzione dello stesso, Lea denuncia le attività di traffico di stupefacenti della famiglia Cosco, in cui compare anche l’ex compagno Carlo. La donna accusa platealmente il cognato dell’omicidio, finendo nel programma di protezione che solo quattro anni dopo le viene revocato. Dopo numerosi tentativi di essere riammessa nel programma, Lea rinuncia e torna in Calabria. Carlo Cosco spedisce un uomo per rapirla, ma l’agguato viene neutralizzato dall’intervento della figlia della donna, Denise. Ma Lea non riesce a sfuggire a un secondo rapimento, nel corso del quale viene torturata e brutalmente uccisa. Nel 2012 ha termine il processo contro Cosco e i suoi uomini, tutti condannati per sequestro e omicidio. Testimone chiave è stata Denise.

Lea Garofalo, simbolo della lotta alla ‘ndrangheta, viene ricordata ogni anno dall’associazione Libera e dalla città di San Fruttuoso, dove è stata trovata morta. Ora la Rai le dedicherà una miniserie in due puntate.

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *