Paola Perego a Domenica In da ottobre: ora deve risollevare il dì festivo dopo i suoi flop

By on agosto 19, 2014

Logica. Meritocrazia. Sono due criteri di cui molte volte lamentiamo la mancanza nella nostra società. Così chi si appassiona al mezzo televisivo, ai meccanismi che lo regolano, a ciò che succede quando la telecamera è spenta, avrà notato sicuramente che esso ne è proprio lo specchio. Nitido, preciso. Fatto di mosse azzardate, raccomandazioni, guerre sotterranee e molto altro. 

Stupiscono però alcune scelte, come quella di scegliere come conduttrice de La Vita In Diretta Paola Perego, un suicidio annunciato, secondo molti, che fin dalle indiscrezioni trapelate si erano ribellati. Pareva una scelta insensata mettere a rischio un programma di grande successo, testarlo, ma così è stato.

Non stupisce più allora vedere la presentatrice lombarda a Domenica In, ancora una volta a sostituire Mara Venier, stavolta però dove ha fallito. Sorgono allora spontanee delle domande: perché ancora una collocazione prestigiosa? E come mai la Perego proprio non sembra funzionare? Riuscirà a salvare il programma domenicale? 

foto_paola_perego

Il perché di un’altra trasmissione storica affidatale è difficile da capire; potrebbe essere una “missione” più semplice in quanto, dopo il flop della Signora della Domenica, le aspettative per lo storico contenitore del dì festivo sono minime, allora perché non chiuderlo o rischiare con una conduttrice nuova che possa (r)innovare il programma? Anche perché bisogna ricordarsi che anche in Rai è arrivato il momento di fare dei tagli ai budget e bisognerebbe iniziare proprio dai rami secchi. Per i più maligni comunque il motivo è subito trovato: Paola è sposata con Lucio Presta, uno tra i più potenti agenti televisivi che può vantare nella sua scuderia artisti come Paolo Bonolis e Antonella Clerici. Certo, l’accusa di essere raccomandata la respinse al mittente dichiarando anche che venne addirittura punita dai direttori di rete solo per colpire lui.

Quello che è certo è il fatto che proprio non funzioni. Se a casa di Paola fu un mezzo insuccesso, salvato dalla rilevazione auditel che non calcola anteprime, La Vita In Diretta deve ripartire quest’anno con tutte le incertezze del caso, e questi sono gli insuccessi più recenti della conduttrice, a dimostrazione che nel daytime della prima rete nazionale non c’è spazio per lei. Come mai? La Perego non è il male maggiore, è sicuramente una conduttrice che ha fatto tanta esperienza, conducendo molti programmi storici, e sa comunque fare il suo lavoro. Ma volendosi forse ripulire dall’etichetta di trash acquisita a Mediaset, conduce in maniera robotica, senza anima, non aggiunge nulla di suo ed è distante dal pubblico, elementi indispensabili per quella particolare collocazione.

Dunque come andrà la sua Domenica In? Probabilmente male. Perché l’esisto della passata stagione televisiva ha dimostrato la disaffezione del pubblico nei suoi confronti, e ora, in un programma così debole, è molto difficile per lei riuscire a rifarsi. Comunque vada si spera che trovi la chiave per ridare smalto ad un programma stantio e, perché no, riesca ad avere un po’ di successo, forza Paola!

About Manuel Lardelli

Nato nel 1996, giovane aspirante giornalista, frequenta il quinto anno del liceo linguistico. Le sue passioni sono la musica e la televisione; ama infatti Madonna e Kylie Minogue e si diletta a scrivere riguardo a ciò che succede davanti e dietro le quinte del piccolo schermo. Sogna una vita fatta di scadenze, corse, orari incerti, pezzi scritti, servizi montati e magari di apparire in video.

4 Comments

  1. Pingback: Paola Perego rimpiange l’Africa: ferie finite per la conduttrice di Domenica In | LaNostraTv

  2. Pingback: Paola Perego si schiera contro il tumore ovarico: l’appello su Facebook | LaNostraTv

  3. Pingback: Paola Perego scalda i motori per Domenica In: la conduttrice si racconta sulle pagine di Gente | LaNostraTv

  4. Pingback: Paola Perego conduttrice bagnata, conduttrice (s)fortunata: Domenica In non decolla | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *