Selvaggia Lucarelli: dopo la diatriba con Barbara d’Urso, arriva la doccia fredda

By on agosto 21, 2014

Avvertenze: non superare la dose giornaliera consigliata”: non parliamo però della tipica frase che troviamo sul retro delle confezioni di medicinale, bensì è la frase che dovrebbe apparire sullo schermo di pc e cellulari a tutti gli utenti, famosi e non, che hanno la passione di seguire abitualmente il blog e la pagina facebook di Selvaggia Lucarelli, irriverente e sarcastica, e queste caratteristiche rappresentano croce e delizia del suo carattere.

Tappa obbligata per chi si considera “vip” è quella di vedere il proprio nome pubblicato in bacheca dalla blogger Selvaggia Lucarelli, autrice di post e commenti non sempre positivi, e  che spesso lasciano quel retrogusto amaro nella bocca dei personaggi a cui rivolge la sua dose di critiche quotidiane. Amaro che però è risultato ancor più sgradevole alla timoniera di Pomeriggio Cinque  Barbara d’Urso.

Con l’inizio dell’estate, oltre la temperatura, a surriscaldarsi particolarmente è stata Barbara d’Urso in seguito alle parole della blogger che, ospite nel programma Reputescion in onda su Rai3, condotto da Andrea Stanzi, la definivano una “arruffapopoli”, dichiarazione che ha scatenato l’ira della conduttrice di Pomeriggio Cinque fino al punto di querelare Selvaggia Lucarelli. L’estate però non è ancora finita, e una bella doccia fredda è attesa per la blogger più temuta del web.

foto_lucarelli_dichiarazione_reputescion

Archiviata la querela della conduttrice di Pomeriggio Cinque Barbara d’Urso che rivedremo presto in onda, per  Selvaggia Lucarelli è arrivato il momento di un’altra doccia fredda, ma stavolta una vera e propria “secchiata” d’acqua gelata, che diventa un vero e proprio auto gavettone. La notizia in sé può far sorridere come può lasciare perplessi, ma il web in questi giorni è letteralmente allagato visto il numero di video che mostrano personaggi famosi vittime di gelidi gavettoni.

L’apparente stranezza di questo gesto è in realtà la maschera divertente di un’iniziativa benefica degna di nota che prende il nome di ALS Ice Bucket Challenge. Questa iniziativa prevede un semplicissimo gesto come quello di diventare “vittima” di un gavettone gelido, nata per gioco il 15 luglio col golfista americano Chris Kennedy che riceve questa “sfida” da un amico. Da gioco virale l’Ice Bucket Challenge è diventato il simbolo della lotta contro la SLA, e quale modo migliore per raccogliere fondi contro questa malattia se non con un gioco? Le regole sono semplici, accettare la sfida, sottoporsi alla prova dell’acqua ghiacciata e nominare altre vittime che dovranno sottoporsi alla stessa sfida, ed infine ma non meno importante donare la cifra di 100 dollari.

Come la blogger Selvaggia Lucarelli sono stati innumerevoli i personaggi dello spettacolo ad aderire a questa iniziativa partita dall’America, è difficile infatti contare i video diffusi sui social che presentano l’hastag #ALSIceBuchetChallenge, tra i più divertenti e famosi dall’America abbiamo quelli che vedono nel ruolo di vittima importanti nomi come quello dell’ex presidente George W. Bush, l’ideatore di Facebook Mark Zuckerberg, tantissimi anche i cantanti come Demi Lovato, Lady Gaga, il cast di Glee, e l’Italia non è certamente da meno, come Selvaggia Lucarelli hanno aderito all’iniziativa anche Laura Pausini, Marco Mengoni, gli ex Amici di Maria De Filippi, Fiorella Mannoia, Fiorello, Andrea Bocelli, Valentino Rossi e tanti altri.

Donare è un gesto d’amore, e farlo col sorriso può facilitare a combattere malattie come la SLA.

About Cristoforo Zambrano

Nato a Salerno il 17 Settembre 1990. Diplomato nel 2009 al Liceo Scientifico G. Da Procida di Salerno. Studente DaViMuS all'Università di Salerno in procinto di laurearsi, appassionato di musica, cinema, teatro e televisione, fermo sostenitore delle serie tv che mettono insieme tutti questi rami. Dalla vena critica molto accentuata.

One Comment

  1. Pingback: Rita Dalla Chiesa, una doccia fredda anche per lei: “ora però voglio donare” | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *