Fiction Taodue 2015: da Papa Francesco ai Corleonesi, Pietro Valsecchi alla conquista degli Usa

By on settembre 18, 2014

La Taodue di PietroValsecchi sbarca sui mercati esteri e lo fa con due prodotti di stampo decisamente opposto, una fiction su Papa Francesco e una saga mafiosa (l’ennesima) dedicata alla storia dei Corleonesi. Presentato i nuovi progetti al Roma Fiction Fest in corso nella Capitale, Valsecchi ha annunciato la svolta internazionale che contraddistingue i prodotti Taodue in arrivo nel 2015.

Dopo l’esperienza sul campo con oltre “mille ore di televisione” prodotte in Italia con decine di titoli di successo, la Taodue va alla conquista delle tv oltreoceano con progetti molto ambiziosi e di ampio respiro. Su tutti, il film dedicato a Papa Bergoglio, eletto dalla rivista Times personaggio dell’anno 2013. Un film che si preannuncia uno degli eventi internazionali più attesi della prossima stagione.

Si intitola Call me Francesco, The Pope, la pellicola diretta da un maestro del cinema italiano come Daniele Lucchetti che viaggerà su un doppio binario, quello del cinema e quello della tv. “Un gigante del nostro tempo“: così Valsecchi ha definito Papa Francesco presentando il biopic girato in Argentina, con  Rodrigo De La Serna nei panni del Pontefice. 

foto_fiction_ultimo

Dopo aver segnato il panorama dell’industria televisiva di questi ultimi vent’anni, con produzioni spesso anche stroncate dalla critica (come Pupetta Maresca), la Taodue assicura che punterà tutto sulla qualità. Oltre al film-fiction sul Papa, l’altro filone di prodotti con cui Valsecchi va alla conquista del mercato americano è rappresentato due serie di stampo criminal.

C’era una volta la mafia, diretta da Giovanni Veronesi, è una grande saga familiare che muove dal binomio mafia e giustizia, ambientata negli Stati Uniti degli anni ’30: un topic che fa sempre presa sul pubblico statunitense. Poi c’è la fiction dedicata alla storia criminale dei Corleonesi di Totò Riina e Bernardo Provenzano, una sorta di  Capo dei Capi rivista e corretta per il mercato americano, che porterà la firma prestigiosa del premio Oscar Pietro Scalia.

Per restare in tema di mafia e giustizia, la Taodue ha annunciato anche una miniserie sul controverso personaggio di Tommaso Buscetta, primo grande pentito del Clan di Cosa Nostra convinto dal magistrato Giovanni Falcone a testimoniare nel Maxi Processo alla mafia che scardinò la cupola della più grossa e sanguinaria organizzazione criminale al mondo. La sceneggiatura di questa fiction girata tra Italia, Sud America e Stati Uniti, sarà affidata tra gli altri allo scrittore antimafia, giornalista e parlamentare Claudio Fava, che ha firmato già l’ottimo Il clan dei camorristi, ispirato all’ascesa dei Casalesi a Casal di Principe.

Per il mercato italiano, oltre alla già annunciata fiction sul caso di Yara Gambirasio dal titolo Ignoto 1, che vedrà la consulenza della giornalista Fiorenza Sarzanini, nel 2015 arriverà anche la nuova saga dedicata al capitano Ultimo alle prese con i narcos messicani. E poi ancora, due nuovi polizieschi, un giallo con protagonisti Fabrizio Bentivoglio e Claudia Pandolfi (Romanzo Siciliano) e la mini-serie in quattro puntate Il bosco con Giulia Michelini e Claudio Gioè.

Infine, per gli appassionati di Distretto di Polizia, un gradito ritorno sul piccolo schermo: con la fiction Squadra Mobile si rivede l’amatissimo personaggio dell’ispettore Roberto Ardenzi interpretato da Giorgio Tirabassi, affiancato nel cast da Daniele Liotti e Antonio Catania. senza dimenticare il set della settima stagione di Squadra Antimafia, che vedrà protagonista ancora l’ispettore Mimmo Calcaterra, alias Marco Bocci.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *