Amore Criminale, puntata del 27 ottobre: la storia di Fatime e Senade Selmanaj

By on ottobre 26, 2014
foto de rossi amore criminale

Domani sera nuovo appuntamento con la brava e misurata Barbara De Rossi che ci narrerà ancora, con la consueta delicatezza ma grande realismo, degli episodi di violenza ai danni delle donne. Una puntata che si annuncia, come sempre, difficile da digerire per le emozioni suscitate da queste tragiche vicende, come quella di Lisa Puzzoli di cui si è parlato settimana scorsa.

Amore Criminale, puntata del 27 ottobre: la storia di Fatime e Senade Selmanaj posta alla nostra attenzione. Le due, madre e figlia di origini kosovare, si sono rifugiate in Italia, come altri stranieri in quel periodo, per fuggire dal loro Paese dopo lo scoppio della guerra. Un contesto culturale diverso, quindi, ma non per questo meno importante.

In Amore Criminale, puntata del 27 ottobre, vedremo dunque la storia di Fatime e Senade Selmanaj contro un uomo che il 16 ottobre 2013, a Pescina, in Abruzzo, metterà fine alla vita delle donne tendendo loro un agguato a colpi di pistola. Due morti, una storia terribile fatta di abusi. Ma cosa è successo veramente?

foto_de_rossi_amore_criminale_1

Senade, dopo anni passati nella più totale chiusura in se stessa, decide di confidarsi con la madre, raccontandole che, sin da quando è piccola, il padre abusa sessualmente, non solo di lei, ma anche dei fratelli e delle sorelle. Questo getta una grande ombra sulla vita tutto sommato tranquilla di Fatime che aiuta la figlia a denunciare Veli, questo il nome del marito, ai Carabinieri, nonostante abbia paura delle possibili ritorsioni da parte dell’uomo.

Allontanato da casa, l’“onore” del “capo famiglia” è presto violato e questo scatena in Veli la volontà di vendetta. La vicenda allora si conclude nel parcheggio di un supermercato, a Pescina, il 16 ottobre 2013, quando uccide a sangue freddo moglie e figlia a colpi di pistola. Gli ospiti in studio saranno l’attore Leo Gullotta, la psicologa Anna Costanza Baldry e poi Resmje e Fetah Selmanaj, sorella e fratello di Senade, vittime anche loro di un atroce destino.

About Manuel Lardelli

Nato nel 1996, giovane aspirante giornalista, frequenta il quinto anno del liceo linguistico. Le sue passioni sono la musica e la televisione; ama infatti Madonna e Kylie Minogue e si diletta a scrivere riguardo a ciò che succede davanti e dietro le quinte del piccolo schermo. Sogna una vita fatta di scadenze, corse, orari incerti, pezzi scritti, servizi montati e magari di apparire in video.

2 Comments

  1. Rossella

    ottobre 26, 2014 at 18:36

    Penso che questi programmi andrebbero inseriti in un contesto più ampio; a mio avviso oggigiorno si fa strada una forma di religione “negativa”, infatti ho molto apprezzato il lavoro su Leopardi perché ritengo che studiando il suo pensiero si possa venire a capo di molte convenzioni del nostro tempo… lo ritengo quasi un contemporaneo anche quando ribalta il significato dell’epigrafe tratta dal vangelo di San Giovanni “E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce” per lui e per noi le tenebre sono le concezioni religiose e spiritualistiche mentre la luce è la presa di coscienza della tragica condizione umana che scaturisce dalla ragione…ecco che la cronaca nera assume tutt’altro sapore. Ovviamente mi riferisco all’uso massiccio di questa materia, a quello spasmodico bisogno di scavare all’interno delle pieghe di un delitto; ma a proposito di scavare noto che il lavoro d’analisi mira sostanzialmente a stanare il fannullone e/o i vizi dell’essere umano… anche l’ostentazione della virtù diventa vizio, quindi se ci pensiamo anche il meccanismo che sostiene la filosofia della rete ci vede tutti più o meno vanitosi. Questo è pessimismo cosmico, la mobilitazione si è fatta globale.

  2. Pingback: Amore Criminale, 3 novembre: Adriana di Colandrea protagonista di una delle tre storie | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *