Anticipazioni Che Dio ci aiuti 3, 30 ottobre 2014: ecco cosa succederà nella sesta puntata

By on ottobre 27, 2014

Un successo inarrestabile, quello della fiction Rai in co-produzione con Lux Vide. La quinta puntata, andata in onda il 23 ottobre, ha incollato davanti al teleschermo ben 7 milioni di telespettatori. Un vero record per la serie tv capitanata da Suor Angela, cui presta il volto la bravissima ed eclettica Elena Sofia Ricci. Oltrepassato il giro di boa, siamo pronti ad assistere alla prossima serata, ambientata all’Angolo Divino. Cosa succederà?

Le anticipazioni di Che Dio ci aiuti 3 vedrà ci dicono che Margherita sarà la protagonista della sesta puntata. La giovane, appena rientrata in ospedale, non solo dovrà affrontare la malattia di un paziente in condizioni disperate, ma si scontrerà anche con il suo collega Carlo, entrambi in lizza per un prestigioso posto da ricercatore.

Prima di darvi le anticipazioni di Che Dio ci aiuti 3 e raccontarvi ciò che succederà nella sesta puntata in onda il 30 ottobre 2014, vi offriamo una serie di scatti di scena realizzati sul set di Fabriano, nuova location della fiction di Rai1. Pronti per scoprire cosa succederà nei prossimi due episodi, che saranno trasmessi il 30 ottobre 2014? Partiamo!

foto_che_dio_ci_aiuti_3_guido_suor_angela_suor_costanza

Anticipazioni Che Dio ci aiuti 3, 30 ottobre 2014 – “L’attesa”. Suor Angela è pronta ad aiutare Guido, che cerca di conquistare la fiducia di un docente universitario molto influente. Per poter fare una buona impressione su di lui, Suor Angela ritiene conveniente uno scambio d’identità tra Azzurra e Rosa, che non riescono proprio a immedesimarsi l’una nei panni dell’altra. Come vi abbiamo anticipato, Margherita vive con empatia la toccante storia di un suo paziente e allo stesso tempo cerca di scalzare Carlo dal posto di ricercatore, cui entrambi ambiscono. Nina è al settimo cielo e pensa di poter passare del tempo con Gregorio, ma un imprevisto distrugge i suoi piani.

Anticipazioni Che Dio ci aiuti 3, 30 ottobre 2014 – “L’amore che resta”. Dopo anni di lontananza, Achille rincontra Linda, un suo vecchio amore di gioventù. Suor Angela e Suor Costanza pensano però che quest’arrivo non sia del tutto casuale. Guido è sempre più geloso degli ex fidanzati di Rosa, mentre Azzurra lo ha completamente dimenticato e inizia ad accarezzare l’idea di poter andare a vivere con Dario. Mentre Nina è felicissima della sua storia con Gregorio, Alice sfoga la sua rabbia contro Mattia, in maniera del tutto ingiustificata. Intanto, Margherita pensa a un modo conveniente per sbarazzarsi di Carlo… Per non perdere il filo della storia, ecco cos’è accaduto nella quinta puntata di Che Dio ci aiuti 3.

About Martina Dessì

Nata nel 1988, in un venerdì molto speciale… Dopo la maturità scientifica, conseguita a pieni voti, ha deciso di iscriversi al corso di laurea in Chimica. Non trascura la passione per la lettura, che nutre sin da bambina, divorando enormi quantità di libri. Quasi per caso, si trova ora ad inseguire il suo sogno, che sembrava ormai sopito, scrivere…

3 Comments

  1. Rossella

    ottobre 27, 2014 at 21:48

    Il Papa ieri all’Angelus tra le altre cose ha affermato “Non possiamo più separare la vita religiosa, la vita di pietà dal servizio ai fratelli, a quei fratelli concreti che noi incontriamo.” Badiamo bene: concreti… queste fiction sono molto ambiziose, di fatto sintetizzano l’indicazione del Pontefice, però questo le rende materiale incandescente. Il punto è che in questi soggetti i posteri vedranno l’Italia di oggi, ma ci sono responsabilità anche verso i contemporanei. Siamo sicuri di riuscire ad individuare con chiarezza il periodo storico? Quando si parla dei messaggi di Medjugorje c’è sempre qualcuno che pone questo quesito. In realtà a me sembra l’ultimo dei problemi dal momento che realisticamente potrebbero andare bene per qualunque periodo storico: a scandire il tempo è l’eternità, una dimensione che travalica l’umana percezione del tempo e dello spazio; posto che l’autorità ecclesiastica non si è ancora pronunciata dico che per assurdo potrei spiegarmi razionalmente la mancanza di coordinate spaziotemporali.
    A lasciarmi perplessa in queste fiction è la costruzione della storia d’amore… i due protagonisti non hanno i timori dei ragazzi di oggi, non si preoccupano del fatto che un’eventuale débâcle potrebbe diventare un fatto di dominio pubblico… non hanno paura di fallire! In altri format trovo questo richiamo all’attualità, in ogni caso anche quando si richiama la precarietà delle relazioni sembra tutto molto surreale, quasi fiabesco… in realtà le notizie battute dalle varie agenzie lasciano intuire che esiste un’Italia sommersa.

  2. Pingback: Romeo e Giulietta, ancora mistero per la messa in onda della fiction di Canale5 | LaNostraTv

  3. Pingback: Che Dio ci aiuti 3, 6 novembre 2014: Azzurra si trasferisce da Dario | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *