Dolci dopo il Tiggì 30 ottobre 2014: le strepitose girandole al cioccolato di Guido Castagna

By on ottobre 30, 2014
foto Dolci dopo il Tiggì

Dopo la strepitosa puntata odierna de La prova del cuoco, dove chef, concorrenti e maestre di cucina hanno stupìto i telespettatori proponendo loro tante meravigliose ricette, tra cui le splendide “fave dei morti” di Anna Moroni, biscotti meravigliosi da provare subito, una nuova golosa creazione ha atteso gli spettatori più ghiotti, nel classico appuntamento con i dessert pomeridiani di Antonella Clerici.

Nella puntata odierna di Dolci dopo il Tiggì, con un’Antonella Clerici messa in K.O. dal colpo della strega che ha condotto la trasmissione stando seduta, Vincenzo e Donato sono stati seguiti da Anna Moroni e Guido Castagna nella preparazione delle favolose girandole di cioccolato. E per restare in tema “dolce”, scopri qui la ricetta del buonissimo dolce di Castelbuono servito ieri a Detto Fatto, su Rai2.

La ricetta di Dolci dopo il Tiggì di oggi, giovedì 30 ottobre 2014, ossia le deliziose girandole al cioccolato presentate da Anna Moroni e Guido Castagna e preparate dai concorrenti Vincenzo Monaco e Donato Policelli, è illustrata dettagliatamente nella gallery e descritta di seguito.

foto_girandole_01.A

Fino a ieri il punteggio dei due sfidanti di Dolci dopo il Tiggì era di 2 a 1 a favore di Donato, che con la preparazione dei meravigliosi croissant è riuscito a sorpassare il campione in carica, mentre oggi ha vinto Vincenzo raggiungendo così il pareggio. Durante la preparazione di queste splendide girandole di cioccolato abbiamo imparato che il rotolo va messo su un panno inumidito con acqua.

Sfoglia la ricchissima gallery fotografica per vedere le schede con le dosi precise di tutti gli ingredienti e le immagini relative a tutti i passaggi della preparazione di queste girandole al cioccolato favolose!

Ecco la ricetta: montare i rossi d’uovo con lo zucchero, incorporandovi poi le chiare montate a neve e la miscela di polveri setacciate, ossia cacao, maizena e farina. Mescolare il tutto con molta delicatezza, con il classico movimento dal basso verso l’alto. Foderare una teglia con carta forno e spalmarvi sopra il composto preparato, cuocendo per circa 12-15 minuti alla temperatura di 160-170 gradi, assicurandosi che rimanga soffice e che non secchi.

Nel frattempo realizzare la crema gianduia: fondere a bagnomaria i gianduiotti. Con la frusta a mano, unire il cioccolato sciolto alla crema pasticcera, alla quale incorporare successivamente anche la panna montata. Porre il composto in frigo per farlo riposare.

Preparare le nocciole sabbiose: scaldare zucchero e acqua in una padella. Raggiunto il bollore, buttarvi dentro le nocciole e mescolare (lo zucchero si deve attaccare alle nocciole). Al termine della preparazione, lasciarle raffreddare e poi tritarle.

Comporre il dolce: stendere un panno inumidito, sul quale spargere lo zucchero semolato. Sovrapporvi il pan di Spagna e togliere la carta forno. Spalmare la crema gianduia sul pan di Spagna, arrotolare con l’aiuto del panno e mettere in frigorifero per far indurire il tutto. Successivamente affettare, glassare le girandole con gianduia sciolto e spolverarle con un po’ di granella di nocciole sabbiose.

Al termine della preparazione, a decorare le girandole al cioccolato è stato Cesare Marretti, che ha amalgamato in una bacinella 50 grammi di chiare d’uovo con 100 grammi di zucchero a velo, 50 grammi di farina e 50 grammi di burro. Ha poi diviso il composto in due parti, aggiungendo ad una delle due parti 10 grammi di cacao in polvere. Ha mixato (separatamente) entrambi i composti e con quello bianco ha realizzato delle forme circolari su carta silpak, utilizzando le dita. Il composto nero lo ha invece inserito in un piccolo sac a poche, usandolo per disegnare sulle cialde delle forme a piacere (cuori, stelle, fiori ecc.). Ha infine cotto le cialde in forno statico per circa 8-10 minuti a 160-170 gradi (fin quando sono diventate dorate).

Goditi anche uno squisito piatto salato! Clicca qui per assaporare il meraviglioso tortino di broccoli e toma di capra preparato oggi da Tessa Gelisio a Cotto e Mangiato. Buonissimo!

About Emanuele Fiocca

Nato a Soveria Mannelli (Catanzaro) il 7 Luglio 1987, è un calabrese doc. Attratto dalla televisione fin da bambino, ha maturato negli anni esperienze in diversi programmi della RAI come Uno Mattina in Famiglia, Mezzogiorno in Famiglia, Alle Falde del Kilimangiaro, L'Arena e Domenica In, affiancando la passione per il piccolo schermo a quella per la scienza, che ha sempre caratterizzato il suo percorso di studi. Caporedattore de LaNostraTv dal 2014 al 2017, è il Responsabile Editoriale del sito.

One Comment

  1. valentina

    novembre 19, 2014 at 18:46

    Buonee

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *