Fedez nel vortice delle polemiche: critiche a go-go per il giudice di X-Factor

By on ottobre 13, 2014
foto fedez

Giudice del talent show in onda su Sky Uno, multiplatino per l’album Sig. Brainwash – L’arte di accontentare, disco d’oro per l’ultima fatica musicale, Pop-Hoolista, solo ad una settimana dalla sua uscita, copertina per la rivista Rolling Stone … insomma tutti ingredienti per un periodo ricco di soddisfazioni. Eppure per il rapper italiano non esistono solo gioie e riconoscimenti ma, in questo stesso periodo, è stato travolto da una valanga di dissensi provenienti da figure di ogni campo dello spettacolo e non.

Chi si espone va incontro a complimenti e critiche; questo perchè nessuno è perfetto e nessuno può piacere a tutti. Lo sa bene Fedez che in questo periodo si trova nel vortice delle polemiche: critiche a go-go per il giudice di X-Factor. Recentemente il cantante è stato criticato per aver composto l’inno ufficiale per la manifestazione organizzata dal Movimento 5 Stelle; tant’è che alcuni politici del PD hanno richiesto la sua esclusione dal talent di cui attualmente il rapper è giudice.

Fedez, nel vortice delle polemiche, ha così risposto sul proprio profilo Facebook: “Io non sono a X-Factor per fare propaganda e mai l’ho fatta ma da cittadino ho le mie idee politiche e non ho nessun motivo per tenerle nascoste“. Il post di risposta pubblicato dal giudice è stato accompagnato da una foto che ha suscitato non poche polemiche e che potete vedere in gallery.

foto_del_post_di_fedez

Le critiche però non sono finite qui per il cantante di origini milanesi, infatti, stando a quanto pubblicato da RealityShow.blogosfere.it, l’ultimo dissenso arriverebbe dalla penna del critico del Corriere della Sera: Aldo Grasso. Quest’ultimo avrebbe affermato che la virtù principale del cantante sarebbe l’incoerenza e ha spiegato: “Va in tv ma critica chi la guarda [..] Puntare il dito sul marcio ma starci del tutto dentro: comodi, distaccati, divertiti“. Altra frecciatina lanciata dal giornalista, per sostenere la sua tesi sull’incoerenza di Fedez, riguarda il video di una sua famosa canzone dal titolo Alfonso Signorini (eroe nazionale): la canzone, sulla carta, prenderebbe in giro l’ex direttore del settimanale TV Sorrisi e Canzoni ma nel video compare lo stesso giornalista e questo, secondo Aldo Grasso, evidenzierebbe l’incoerenza del cantante.

Una piccola stoccata arriva anche dalla famosa blogger italiana, Selvaggia Lucarelli, che sul proprio profilo Twitter ha scritto: “Grande simpatia per il ragazzo ma prime pagine di giornali su Fedez che mi diventa improvvisamente maitre a penser mi pare troppo eh“.

Voi che dite: troppe critiche per il ragazzo?

About Alessandro Petroni

Nato a Roma il 19 Febbraio 1988, è laureato in Psicologia Clinica e laureando in Sessuologia e Psicologia della Devianza. E' un appassionato di televisione, musica, cinema e tutto ciò che gira attorno a queste forme d'arte, compreso il gossip. Amante dei reality e talent show, si diverte a criticare e scrivere sul mondo dello spettacolo sempre con professionalità.

3 Comments

  1. max

    ottobre 13, 2014 at 20:07

    la Lucarelli deve cominciare a farsi una vita sua e non criticare sempre qlla degli altri

  2. Rossella

    ottobre 13, 2014 at 21:50

    La posizione di Fedez mi sembra condivisibile nella misura in cui lui si è messo in discussione (mi pare sulle pagine della rivista diretta da Alfonso Signorini)… ha fatto delle dichiarazioni abbastanza provocatorie sul suo privato che non sono sembrate altrettanto interessanti. Non mi sono documentata, ma che io sappia non hanno fatto discutere. Infondo, da quello che ho capito, indirettamente metteva a nudo i limiti delle battaglie che oggi saranno a difesa dei diritti dei minori e domani a difesa di quelli delle minoranze… sta di fatto che puntualmente ogni festival è accompagnato dalla polemica di “rito” e quindi anche la democrazia è una sorta di rito o sbaglio?

  3. Pingback: Fedez contro Brunetta: il politico risponde, lui retweetta e poi ironizza | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *