Maurizio Crozza e la donazione agli alluvionati di Genova: scatta la polemica

By on ottobre 14, 2014

Ogni promessa è un debito!” Questo ci insegnano i genitori quando siamo piccoli e pendiamo dalle loro labbra ma, con lo sviluppo, ognuno di noi fa ciò che vuole con il bagaglio di consigli e valori accumulati nella fanciullezza e si vengono così a creare due differenti tipi di persone: coloro che mettono in atto questi consigli e coloro che invece fanno ciò che più gli conviene. Il conduttore del Paese delle Meraviglie in onda su La7 sembrerebbe appartenere alla prima categoria perchè …

Abbiamo deciso, insieme a La7, di devolvere l’incasso di questa serata per gli aiuti agli alluvionati di Genova” così Maurizio Crozza ha aperto la puntata di venerdì scorso, 10 ottobre, del suo programma Crozza nel Paese delle Meraviglie in onda sulla rete guidata da Cairo. Poche ore fa è arrivata la conferma tramite social: la donazione agli alluvionati di Genova è stata effettuata ma è scattata subito la polemica.

Quando si fa beneficenza e la si palesa, una domanda nasce spontanea: è bene dirlo o no? E’ bene dire quanto si dona oppure è meglio tenerlo nascosto? Lo sa bene Luciana Littizzetto che questa estate è stata protagonista di una polemica riguardo i famosi “soli” 100 euro donati per l’Ice Bucket Challenge; da oggi lo sa bene però anche Maurizio Crozza perchè la sua donazione agli alluvionati di Genova ha fatto scattare la polemica.

foto_crozza_nel_paese_delle_meraviglie

Ciao concittadini, un piccolo contributo, come promesso, da me, dalla produzione di “Crozza nel Paese delle Meraviglie” e da La7. Spero che tutti i genovesi colpiti dall’alluvione si riprendano al più presto. Un grande abbraccio, Mauri” questo il post pubblicato dal conduttore sulla sua pagina ufficiale di Facebook assieme alla foto (che è possibile vedere nella nostra gallery) che attesta il bonifico correttamente eseguito a favore del Comune di Genova. La cifra donata? 10 000 euro. E’ proprio quest’ultima, ossia la somma della donazione, ad aver suscitato tanto clamore (oserei dire per nulla), infatti alcuni commenti rilasciati dagli utenti, direttamente sotto la foto, rimproverano al comico di aver sbagliato a pubblicare la cifra e addirittura c’è chi sostiene che sia soltanto la solita campagna pubblicitaria. A ragion del vero però c’è da dire che sono molti di più, invece, i commenti positivi che sostengono il gesto effettuato da Crozza e dalla rete televisiva.

Ora, noi redattori dobbiamo sempre limitarci a dare informazioni, notizie ed essere sempre imparziali nel farlo, ma delle volte,come in questa occasione, io personalmente non ci riesco e per non rischiare di andare oltre la regola, mi limito a dire solamente: è possibile che siamo arrivati a contestare persino le donazioni di beneficenza?

About Alessandro Petroni

Nato a Roma il 19 Febbraio 1988, è laureato in Psicologia Clinica e laureando in Sessuologia e Psicologia della Devianza. E' un appassionato di televisione, musica, cinema e tutto ciò che gira attorno a queste forme d'arte, compreso il gossip. Amante dei reality e talent show, si diverte a criticare e scrivere sul mondo dello spettacolo sempre con professionalità.

3 Comments

  1. paperinp

    agosto 9, 2015 at 23:24

    Non ci posso credere. Co tutti i soldi Che c’ha ! Solo 10000 Euro! Questa é una vergogna! E piu prende in giro gli approfittatori politici. SIETE TUTTI UGUALI! TRA COMICI E POLITICI SI SALVI CHI PUó!

    • paperinp

      agosto 9, 2015 at 23:30

      MA POI LE PAGHERÀ LE TASSE ??? PROPONGO UN CONTROLLO IN CASA CROZZA. E LA SMETTESSE DI PRONUNCIARE SEMPRE “NOI”QUANDO SI METTE DALLA PARTE DEL MEDIO ITALIANO SENZA SOLDI ! LUI I SOLDI CE L’Ha.DOVREBBE METTERSI DALLA PARTE DI QUELLI CHE DENUNCIA CON LE SUE BATTUTE ! NON SEI UNO I NOI, MA UNO DI LORO CHE CI PRENDE PER IL C..O ,

      • paperinp

        agosto 10, 2015 at 00:01

        E poi scrivere addirittura un libro perché lui l’ha tradita ! Poverina deve essersi sentita ferita tanto da doversi scaricare scrivendo un libro in cui dice che suo marito é un deficiente. Ma da che mondo venite ! Non certo dalla realtà degli uomini e delle donne di questo mondo in cui la gente si affanna a lavorà e certo non ha il tempo né la voglia di stare appresso alle cazzate come voi ricchi perdigiorno. Ma andate a lavorà razza di imbecilli senza fascino. Per fortuna il fascino resta attaccato a quei poveracci che tutti i giorni combattono per la sopravvivenza perché sanno loro, “noi” cos’é la vita !

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *