Striscia la notizia: paura per Jimmy Ghione aggredito alla Stazione Termini di Roma

By on ottobre 23, 2014

Il telegiornale ormai è diventato un trasmissione dove all’ordine del giorno, vengono comunicate ai cittadini tutte le truffe, i tagli da parte del Governo, gli sprechi economici, la malasanità, casi di cronoca nera, insomma tutta la feccia del mondo. Negli ultimi tempi, quasi nessuno ha più voglia di accendere la tv e tenersi aggiornati, fortunata che c’è il tg satirico di Canale 5, che riesce a mettere tutti d’accordo ed andare lì dove le autorità e la classe politica non arrivano. Rimettendoci, a volte, anche la pelle!

Proprio di poche ore fa, è giunta la notizia che l’inviato di Striscia la notizia, Jimmy Ghione è stato aggredito alla Stazione Termini di Roma da 4 malviventi tutti italiani. L’inviato storico del tg di Antonio Ricci, si trovava con la sua troupe a Roma, a Via Giolitti, una strada poco distante dalla Stazione Termini, per registrare un servizio, che andrà in onda questa sera su Canale 5 alle 20.40 .

Striscia la notizia, programma storico di Canale 5, iniziato da circa un mese con un iniziale cambio di staffetta dei conduttori, non è nuovo a questo tipo di situazioni. Jimmy Ghione aggredito alla stazione Termini di Roma, oltre a subire gravi lesioni, non è andata meglio ai suoi due operatori – registi. La dinamica dell’aggressione è stata più o meno questa. Un gruppo di uomini si sono avvicinati allla troupe intimando di spegnere le telecamere.

foto_jimmy_ghione

Dopo qualche istante di incertezza, nell’assecondare la richiesta dei 4 malviventi, i 3 giornalisti sono stati accerchiati e aggrediti da un gruppo di circa 8 – 10 persone. Non hanno risparmiato colpi alla testa, distrutto le telecamere e i cellulari, e per di più si sono impossessati anche delle chiavi dell’autovettura che aveva portato Jimmy Ghione e i due operatori-registi alla Stazione Termini.

Una volta scappati i tre aggressori, le 3 vittime si sono recate al Commissariato di Polizia di Viminale per denunciare quanto accaduto pochi istanti prima. Decisiva è sta la descrizione da parte di Jimmy Ghione e il suo staff riguardo i delinquenti.

La Sala Operativa della Questura, hanno effettuato dei controlli a tappeto della zona, e non lontano dal luogo dell’aggressione, i poliziotti sono riusciti ad individuare le 4 persone indicate nell’ identikit ottenuto dalle informazioni dell’inviato di Striscia la notizia. I malviventi, che hanno cercato di scappare, appena hanno visto la polizia, non hanno avuto scampo e sono stati raggiunti, fermati e controllati e riconosciuti dalle 3 vittime.

I 4 malviventi, di cui 3 romani e 1 napoletano, sono stati accompagnati presso gli Uffici del Commissariato. Le accuse a loro carico sono di violenza privata, danneggiamento e lesioni aggravate, mentre il 4° trovato con le chiavi dell’autoveicolo della produzione di Mediaset, è stato anche denunciato.

Per Jimmy Ghione e la sua troupe sono state necessarie delle cure mediche per le ferite riportate da tale aggressione con diversi giorni di prognosi. L’unico augurio da fare è per una pronta guarigione dello staff della redazione di Antonio Ricci, con l’auspicio, forse un po’ utopistico, che scene come quella di oggi non si ripetano mai più.

About Leila Cimarelli

Leila Cimarelli, nasce il 10 marzo 1990, originaria di Roma, nel 2000 si trasferisce con la famiglia a Salerno. Amante del cinema, del teatro e della televisione, da sempre. Diplomata nel 2009 all'Istituto Tecnico Commerciale "A.Genovesi" - Salerno, nel 2010 si iscrive alla facoltà di Discipline delle arti visive, della musica e dello spettacolo presso l' Università degli Studi di Salerno, laureandosi nel febbraio 2014. Ora è iscritta al corso di laurea magistrale di Editoria, Informazione e GiornalismoTelevisione dell’Università Roma Tre. Sogna un giorno, di poter lavorare nel mondo del giornalismo.

One Comment

  1. Pingback: Striscia la Notizia a braccetto con l’Unicef: la nobile iniziativa del TG Satirico | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *