Tu sì que vales: il freak show approda nel programma di Canale5

By on ottobre 25, 2014
foto logo Tu sì que vales

Inizio brillante per il talent show in prima serata. Quarto giudice della puntata è Paolo Bonolis, il quale non fa mancare la sua ironia mista alla capacità di riconoscere un talento: ottimo rappresentante del giudizio popolare (scopri chi sarà il quarto giudice nella prossima puntata). Non passa inosservata Belen Rodriguez, che appare in uno striminzito vestitino rosso; ma l’attenzione si sposta subito ad un concorrente speciale che lascia tutti con gli occhi fissi sullo schermo.

Sembra un inizio normale, quello del settimanale appuntamento con Tu sì que vales. Primo concorrente della serata: un ragazzo capace di indossare i jeans senza l’uso delle braccia. “Idea non originale” commenta Maria, pur apprezzando la performance. A pochi minuti dall’inizio della puntata, ecco che il freak show approda nel programma di Canale5.

Il suo nome è Eric Sprague, meglio conosciuto come The Lizardman o Uomo Lucertola.
L’uomo, di origine texana, è nato nel 1972 e vive ad Austine con la moglie Meghan e i suoi quattro furetti. Laureatosi in Filosofia, dopo tre anni di dottorato ha deciso di far diventare la sua vita una vera e propria opera d’arte. Grazie a lui, il freak show approda a Tu sì que vales.

foto_bonolis

I suoi numeri, suggestivi ed impressionanti, hanno destato diversi pareri in giuria, dove l’aspetto suscitava maggiore curiosità dell’esibizione in sé. Ci pensa Bonolis a chiudere la questione, affermando l’indiscutibile bravura dell’Uomo Lucertola e ricordando il successo del freak show in televisione (cita anche la nuova stagione di American horror story, da poco in onda su Fox).

Un potente inizio, seguito da esibizioni di diversa intensità: dal trash d’intrattenimento, all’arte di concorrenti che, tra talento e duro lavoro, hanno emozionato il pubblico di Canale5. Non è mancato il momento di “Avanti un altro“, in cui Bonolis ha letteralmente bloccato un’esibizione, così come non sono mancati momenti intensi. Non ci resta che aspettare il riscontro del pubblico.

About Giovanni Sicurello

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *