Amore Criminale, 3 novembre: Adriana di Colandrea protagonista di una delle tre storie

By on novembre 2, 2014
foto barbara de rossi

Amanti della cronaca nera ben fatta, delle docu-fiction che ricostruiscono gli avvenimenti in maniera realistica ma senza l’elemento morboso attraverso una narrazione e una conduzione garbata, mai sopra le righe, domani sera torna il programma che senz’altro fa per voi; soprattutto se vi interessa capire i meccanismi di alcune vicende e ricavarne degli insegnamenti utili, in particolare per le donne.

Amore Criminale, 3 novembre: Adriana Di Colandrea protagonista di una delle tre storie. Sarà infatti una puntata ricca quella di domani sera che partirà con Veronica De Laurentiis. A lei il compito di introdurre la prima esperienza di violenza, simile alla sua.

Ascolteremo dunque la testimonianza di una donna che cerca ora di ricostruirsi, con determinazione, una vita. Perché? Su di lei è pesata una relazione fatta di violenze fisiche e psicologiche ma fortunatamente ha potuto raccontarlo in prima persona.

Nella puntata di Amore Criminale, 3 novembre, Adriana Di Colandrea sarà protagonista di una delle tre storie, la seconda. Anche lei, nonostante un passato di sofferenza, può considerarsi fortunata perché sopravvissuta ad un destino che poteva apparire segnato. Giovane donna di Napoli, sposa Pasquale quando ha solo 19 anni e lo segue ad Ostia dove lavora. L’uomo è molto più grande di lei e la costringe a vivere segregata in casa per dedicarsi solo a lui, umiliandola e picchiandola ripetutamente. Un vortice di violenza lungo oltre dieci anni che si interrompe quando, all’ennesimo pestaggio, è costretta al ricovero in ospedale e, per amore suo e del bambino che nel frattempo ha dato alla luce, decide di separarsi e denunciare.

La terza storia è quella di Alice Acquarone. La donna dopo 20 anni di matrimonio si separa ma sogna ancora l’amore. Sfortunatamente però incontra Alain, uomo problematico, senza un lavoro fisso, con dipendenza da psicofarmaci e sostanze stupefacenti come hashish. I figli della donna sono contro la relazione, si rendono infatti conto che il compagno è diventato ossessivo nei confronti della madre e per questo il rapporto con essa si deteriora. Tutto ciò spinge Alice, che non vuole rinunciare all’affetto dei suoi cari, a lasciare Alain incontrando però, a sua insaputa, la morte.

Ospite in studio, con Barbara de Rossi, sarà l’attore Massimo Olcese che leggerà un estratto della deposizione di Adriana al processo contro il marito. Amore Criminale torna domani 3 novembre, quindi, con 3 storie dopo che settimana scorsa abbiamo conosciuto quella di Fatime e Senade.

About Manuel Lardelli

Nato nel 1996, giovane aspirante giornalista, frequenta il quinto anno del liceo linguistico. Le sue passioni sono la musica e la televisione; ama infatti Madonna e Kylie Minogue e si diletta a scrivere riguardo a ciò che succede davanti e dietro le quinte del piccolo schermo. Sogna una vita fatta di scadenze, corse, orari incerti, pezzi scritti, servizi montati e magari di apparire in video.

4 Comments

  1. Rossella

    novembre 2, 2014 at 12:53

    Questi programmi finiscono per diventare una sorta di propaganda per la società dei singol. Per leggerle in una maniera che a me sembra corretta dovresti pensare alle coppie in cui lui e lei appartengono a correnti politiche agli antipodi… dopo anni in cui ci dicevano- non esistono più la destra e la sinistra! – ecco cominciare la nuova saga degli amori bipartisan… il punto è che nella convivenza se uno la pensa in un certo modo t’indigna, sapendolo evitate di parlare di determinati argomenti… però a monte ci deve essere un grande amore! Poi c’è chi non è interessato alla politica, ma anche in questi casi le idee potrebbero non coincidere… anzi non coincideranno! In televisione sembra tutta una telenovela… purtroppo (per fortuna dico io) la vita reale è fatta di caratteri, di brutti caratteri, di pessimi caratteri… ma sta alla persona capire se l’altro ha una buona indole e se ha delle lacune nella personalità! Oggi purtroppo è così e per come la vedo io non ha senso sbattere in prima pagina gli amori bipartisan perché la gente si potrebbe confondere le idee! Non si possono cambiare le persone… peraltro in alcune regioni d’Italia (mi riferisco al mezzogiorno) ci sono realtà familiari fondate su valori di destra e il confronto con un’altra mentalità si rivela devastante… sembra da ridere, però l’impostazione della vita è completamente diversa e ti arriva addosso come una secchiata di catrame!

    • marina

      novembre 2, 2014 at 17:40

      Gentile Rossella, io invece credo che programmi come Amore Criminale debbano essere visti da tutte le donne, in particolare proprio quelle che hanno la fortuna di aver incontrato il compagno giusto, perche’ senza la solidarietà complessiva dell’universo femminile, a sostegno di quelle donne più fragili che hanno incrociato uomini violenti, non sarà possibile scardinare la mentalità di tanti maschi ignoranti , possessivi e gelosi, con patologie di persecuzione, che considerano le loro compagne di razza inferiore.
      Amore Criminale mi ha aperto un mondo che facevo finta di non voler conoscere perchè non mi riguardava, sono divorziata da anni ma in maniera serena.
      L’informazione ed il coinvolgimento, la sensibilizzazione verso queste problematiche, da parte delle donne, sono fondamentali,…ho un figlia adolescente e con lei ho voluto affrontare questo argomento, infatti guarda con me il programma…Le favole sono quelle che ci raccontano da bambine…
      Siamo state nascoste per troppo tempo , finalmente possiamo uscire allo scoperto.
      E se la” televisione” ci puo’ aiutare, ancora meglio.
      Un cordiale saluto

  2. Pingback: Amore Criminale, 10 novembre: la storia di Sabrina Blotti | LaNostraTv

  3. Pierpaolo

    novembre 11, 2014 at 18:54

    Mahh!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *