Melissa Satta come Barbara d’Urso: polvere di stelle e gioielli. Bracciale in arrivo?

By on novembre 20, 2014

Diamonds are a girl’s best friend” così cantava la bellissima attrice Marilyn Monroe nel 1949, ma nessun’altra frase fu mai così adatta nel corso del tempo, sono infatti tantissime le bellezze anche odierne che si lasciano affascinare dal mondo dei gioielli così tanto da diventarne testimonial consapevoli e non, molte delle protagoniste della tv hanno sempre in bella vista gioielli alla moda per rendere ancora più vistosa la propria bellezza, e per “consigliarli” al pubblico che le segue.

Melissa Satta questa mattina si è prestata ad una pubblicità molto particolare sul proprio blog (www.melissasatta.com), un vero e proprio spot per la nuova collezione di gioielli Swarovski, la collezione Stardust, ovvero Polvere di stelle. Che Melissa Satta stia pensando di seguire le orme di un’altra importante donna della televisione italiana? Barbara d’Urso potrebbe averla contagiata.

Barbara d’Urso, regina incontrastata della tv e delle edicole, registrando ascolti dai numeri imbattibili, da un po’ è testimonial per Orocash nei vari spot tv, mentre Melissa Satta nel suo blog regala una vera e propria campagna pubblicitaria online della nuova collezione Stardust di Swarovski, con tanto di fotografie (alcune potrete trovarle nella gallery di seguito). Chi lo sa, Melissa Satta potrebbe anche decidere di dedicarsi alla creazione di un bracciale o un gioiello da mettere in vendita.

foto_melissa_satta_collezione_stardust_swarovski

Barbara d’Urso e Melissa Satta sono solo alcune delle bellezze della televisione italiana che mantengono costantemente aggiornati i propri followers tramite i blog personali, e tra episodi di vita quotidiana e aneddoti da raccontare non manca appunto un po’ di pubblicità, magari camuffata da “consiglio” come è stato proprio per Melissa Satta che sul suo blog dedica alla nuova collezione Swarovski un post dal titolo “Stardust” in cui afferma di essere stata affascinata innanzitutto dal nome della collezione, che con i preziosi cristalli e i bellissimi colori offerti richiama proprio alla fatata “polvere di stelle“. Inoltre dichiara di apprezzare la creazione dello store in modo “sostenibile“, grazie al quale il team del famoso brand è riuscito a limitare il consumo delle risorse naturali e minimizzare i rifiuti favorendone il riciclaggio.

Vorreste anche voi un gioiello simile? Magari un bracciale creato proprio da Melissa Satta?

About Cristoforo Zambrano

Nato a Salerno il 17 Settembre 1990. Diplomato nel 2009 al Liceo Scientifico G. Da Procida di Salerno. Studente DaViMuS all'Università di Salerno in procinto di laurearsi, appassionato di musica, cinema, teatro e televisione, fermo sostenitore delle serie tv che mettono insieme tutti questi rami. Dalla vena critica molto accentuata.

3 Comments

  1. Rossella

    novembre 20, 2014 at 15:18

    Da quando grandi nomi del mondo dello spettacolo, della moda e del calcio hanno cominciato a cimentarsi in questo e in altri settori è cambiato radicalmente il nostro rapporto con il denaro.
    Un tempo l’oro e le pietre preziose rappresentavano una sorta di bene rifugio… poi c’era la bigiotteria (anche quella medio fine) ma il portagioie di tua madre non ti diceva niente… miravi alle chiavi della cassaforte per andare ad indagare, in gran segreto, tra quelli che ti sembravano gioielli veri.
    Da un po’ di anni a questa parte nella categoria gioielli trovi tutto e il contrario di tutto… anche pezzi d’acciaio che compri per centinaia di euro.
    Altro momento periodizzante è legato al lancio dell’utilitaria “griffata”… prima di quella stagione in media c’era un’automobile e mezza (?) per famiglia (il mezza fa molto sondaggista, ndr)… i neopatentati di solito guidavano quella del padre, in alcuni casi ne acquistavano una usata… praticamente un catorcio! Poi tutto è cambiato… certo, progressivamente quel filone si è estinto però il giovane è attratto dalle automobili… si tratta di un simbolo di emancipazione, con dieci euro di benzina nel serbatoio ti senti un padreterno! Così facendo è aumentata la spesa pro-capite, ma il punto è che non si distinguono più i vizi… quello diventa un bene di prima necessità!

  2. Pingback: Alessia Marcuzzi e i consigli di stile: la Capsule collection si prospetta un successo | LaNostraTv

  3. Pingback: Barbara d’Urso sponsorizza “Se lo desideri, accade”: le vendite non decollano? | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *