Detto Fatto, 10 Dicembre 2014: confettura di cachi e castagne e frittata del ricordo

By on dicembre 10, 2014
foto frittata pasta e verdure

Oggi nella cucina di Caterina Balivo, nel pomeriggio targato Rai 2, abbiamo assistito ad una ricetta “svuotafrigo” con lo chef Ilario Vinciguerra: avete della pasta e verdure che vi avanzano e non sapete che farci? Il nostro chef ci ha dato una valida soluzione. Nella puntata odierna sono tornati anche Francesco e Antonio con i loro consigli per realizzare delle confetture perfette, buone e facili da preparare. Tutto pronto? Procediamo!

Prima idea culinaria di oggi a Detto Fatto: confettura di cachi e castagne. Dedichiamoci ad una confettura per volta; ingredienti per quella di cachi: 500 grammi di cachi molto maturi, 300 grammi di zucchero e 2 capsule di cardamomo. Iniziate con il lavare i cachi, pelarli e recuperare la polpa; unite quest’ultima con lo zucchero all’interno di una casseruola.

A parte tostate le capsule di cardamomo in una padella antiaderente; schiacciate nel mortaio i semini fino a ridurli in polvere. Ottenuta la polvere, aggiungetela al composto di frutta e zucchero e fate cuocere per 40 minuti a fuoco lento.

Ingredienti per la confettura di castagne: 500 grammi di castagne, 300 grammi di zucchero, scorza d’arancia e alloro. Incidete le castagne con un coltellino e tostatele (in una padella antiaderente o direttamente sul fuoco); prendete una pentola e versateci acqua, scorza di arancia e alloro portandola a bollore. Spelate le castagne tostate e mettetele nella pentola; fate cuocere per 15 minuti. Ora scolate il contenuto della pentola tenendo da parte 200 ml di acqua di cottura; tagliate grossolanamente le castagne e mettetele in una pentola con lo zucchero e l’acqua di cottura, lasciandole cuocere per circa 30 minuti. Non vi resta che mettere le vostre confetture nei barattoli sterilizzati: prima mettete la confettura di castagna calda e poi quella di cachiDetto fatto: avete ottenuto così le vostre confetture di cachi e castagne.

Seconda ricetta: frittata del ricordo con pasta e verdure avanzate. Ingredienti: 400 grammi di pasta avanzata, 100 grammi di scamorza affumicata, 100 grammi di grana, 4 uova, una zucchina, una carota, una patata, 2 cipollotti freschi, prezzemolo, sale e pepe quanto basta.

Il primo passaggio consiste nel tagliare a cubetti le verdure e sbollentarle in abbondante acqua salata; nel frattempo fate rosolare i cipollotti in una padella con olio extravergine d’oliva a fuoco moderato. Quando i cipolloti saranno quasi rosolati, aggiungete le verdure e fateli continuare a rosolare assieme. Prendete una bastardella capiente e metteteci dentro la pasta cotta avanzata con le verdure e i cipollotti rosolati; in un altro contenitore, sbattete con una forchetta le uova, il grana, sale e pepe. Ora aggiungete le uova alla pasta e mischiate il tutto; mettete la frittata all’interno di una padella antiaderente con un filo di olio extravergine d’oliva e schiacciatela bene. Fate cuocere prima a fuoco alto per permettere la formazione della crosticina e successivamente a fuoco moderato; ricordate di mettere il coperchio sulla padella. Non vi rimane che impiattare come in foto e avrete ottenuto la vostra frittata del ricordoDetto Fatto!

Consigli culinari: oltre ai tantissimi piatti preparati oggi a La prova del cuoco, potete prendere nota della ricetta fornitaci da Anna Moroni in Dolci dopo il Tiggì per preparare lo strudel oppure la ricetta preparata ieri dalla famiglia Fiasconaro di Detto Fatto: montagna di profiterole. Ci sono anche i fusilli con broccoli, pancetta e gorgonzola offerti da Tessa Gelisio in Cotto e mangiato … A voi la scelta! A domani.

About Alessandro Petroni

Nato a Roma il 19 Febbraio 1988, è laureato in Psicologia Clinica e laureando in Sessuologia e Psicologia della Devianza. E' un appassionato di televisione, musica, cinema e tutto ciò che gira attorno a queste forme d'arte, compreso il gossip. Amante dei reality e talent show, si diverte a criticare e scrivere sul mondo dello spettacolo sempre con professionalità.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *