Il ritorno di Ulisse non ha chiuso in bellezza: superato di nuovo da “Il Segreto”

By on dicembre 22, 2014
Foto Il ritorno di Ulisse

E siamo arrivati all’ultima puntata de Il ritorno di Ulisse, andata in onda ieri sera su Rai 1. Purtroppo la coproduzione europea che avrebbe dovuto incollare ai teleschermi milioni di telespettatori non è stata all’altezza delle aspettative. Il ritorno di Ulisse, infatti, non ha mai collezionato successi in termini di Auditel, facendo sempre superare Rai 1 da Canale 5.

E anche l’ultima puntata non è stata all’altezza ed è stata battuta dalla concorrenza. Nemmeno il finale ha incuriosito il pubblico italiano. Il ritorno di Ulisse ha collezionato molti meno telespettatori de Il segreto su Canale 5 che, nonostante il piccolo calo, ha avuto 3.806.000 di persone che lo hanno seguito ottenendo il 16.07 % di share. Mentre la fiction con Alessio Boni ha avuto solo 2.738.000 spettatori e uno share di 11.38 %. Numeri poco più bassi rispetto alla terza puntata. Dispiace dirlo ma Il ritorno di Ulisse è stata un’occasione mancata per raccontare una bellissima storia.

Ma come è finita questa originalissima versione dell’Odissea di Omero? Come vi avevamo anticipato l’epilogo de Il ritorno di Ulisse è stato alquanto azzardato: Ulisse è morto, lasciando il trono a Telemaco. Un finale che non è piaciuto a molti evidentemente. Ripercorriamo insieme gli avvenimenti dell’ultima puntata de Il ritorno di Ulisse.

Avevamo lasciato Ulisse intenzionato a far sposare Telemaco con Nausicaa, mentre Clea era stata costretta a lasciare Itaca, dopo che il Re aveva condannato a morte tutte le schiave troiane. Adesso le nozze vengono celebrate e Clea (Karina Testa), ritornata ad Itaca di nascosto, vi assiste.

Durante il banchetto di nozze un oracolo degli dei interpretato da Tiosco (Frederic Quiring) rivela un cattivo presagio che riguarda Ulisse (Alessio Boni) e la sua morte. Il Re, quindi, è sempre più sicuro che a volerlo uccidere sia Telemaco (Niels Shneider). La sua ossessione diventa insopportabile da sostenere per tutti, anche per Penelope (Caterina Murino) che lo ama profondamente ma non può accettare che Ulisse creda che Telemaco sia un traditore.

Nel frattempo ad Itaca è tornata la tranquillità perchè Telemaco e Orione (Salim Kechiouche), con cui Clea ha cominciato una relazione, hanno concordato una tregua e deciso di combattere insieme contro Sparta per impedire a Menelao di impadronirsi del Regno. Ulisse, però, convinto che suo figlio trami con Orione contro di lui, uccide quest’ultimo.

Un gesto insensato che allontana ancora di più padre e figlio, tanto che Ulisse caccia Telemaco da Itaca. Quell’uomo, ormai, non è più suo padre nè il valoroso e saggio Re di Itaca. Accade, poi, l’inevitabile: Telemaco e Clea riprendono ad amarsi sotto gli occhi sofferenti di Nausicaa (Capucine Delaby), che non può far altro che accettare che l’amore abbia avuto la meglio sul suo matrimonio combinato.

Nel frattempo l’Assemblea degli uomini liberi viene sciolta da Ulisse, che da Re si è trasformato in tiranno. Gli uomini più saggi di Itaca, allora, appoggiati dall’esercito, chiedono a Telemaco di spodestare Ulisse e di ucciderlo. Il Principe però non può uccidere il padre e lo fa imprigionare, scatenando la sua ira.

La principessa feacia, nonostante Telemaco non la ami e la tradisca, fa un grande gesto d’amore per il suo sposo e per Itaca. Nausicaa viene uccisa da Menelao, dopo essersi offerta a lui in cambio della salvezza dell’Isola.

Il re spartano, deciso a conquistare il Regno di Ulisse, non dà altra scelta a Telemaco se non quella di combattere. L’esercito straniero naturalmente ha la meglio, perchè più addestrato e preparato alla guerra. A questo punto Itaca sembra non avere più speranza di salvezza e che l’unico destino per il Regno sia cadere nelle mani di Menelao. Ma non sarà così.

Torna Ulisse, l’unico in grado di salvare Itaca. Il Re, così, sfida a duello Menelao e lo batte ma anche lui perde la vita. Itaca non avrà più il suo Re ma Telemaco si è dimostrato un guerriero valoroso e un uomo saggio, degno di diventarlo. Così Penelope incorona il figlio che insieme alla sua Clea, incoronata Regina, garantirà tanti anni felici e di pace al suo Regno.

About Patrizia Gariffo

Ama scrivere e lo fa da sempre. Dopo la laurea in Lettere Classiche è diventata giornalista pubblicista e questo le ha permesso di avere diverse esperienze sia sulla stampa tradizionale che su quella online e le ha fatto apprezzare sempre di più questo lavoro. E' una persona molto riservata, non le piace mettersi in mostra, anche quando potrebbe farlo. Preferisce la sostanza all’apparenza e non sopporta gli opportunisti e chi si sente più di quello che in realtà vale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *