La prova del cuoco, 8 dicembre 2014. Tutti i piatti dell’Immacolata

By on dicembre 8, 2014
foto la prova del cuoco antonella clerici

Gli inossidabili amici del cooking show di Rai1 non si fermano nemmeno oggi, 8 dicembre. La puntata è stata trasmessa regolarmente alle 12.20, subito dopo la recita dell’Angelus del Santo Padre. Il saggio Bigazzi ci conduce nel racconto del suo Natale, con occhio particolarmente critico al consumismo, che lui rifugge con tutte le sue forze. A rallegrare questa festività, ci ha pensato poi la sfoglina e ballerina Alessandra Spisni con le sue Stelle di Natale.

La prova del cuoco, 8 dicembre 2014. Tutti i piatti dell’Immacolata. Prima di conoscere le ricette con le quali potrete imbandire la vostra tavola natalizia, facciamo il consueto riepilogo delle pietanze presentate nei giorni scorsi. Partiamo dal fantastico Torrone tutti i frutti di Luca Montersino realizzato a Dolci dopo il Tiggì, per poi gustare gli gnocchi di patate al pesto del mini-chef di Detto Fatto, Federico Cappello.

La prova del cuoco, 8 dicembre 2014. Tutti i piatti dell’Immacolata. Nel proseguire il nostro viaggio lungo le trasmissioni culinarie della settimana appena trascorsa, facciamo tappa sulla puntata de La prova del cuoco di sabato, con le ricette della domenica, e su Cotto e Mangiato, nel corso del quale Tessa Gelisio ha preparato degli splendidi fagottini cioccolato e pere.

Stelle di Natale di Alessandra Spisni. Ingredienti per la sfoglia: 400 g di farina da sfoglia, 4 uova. Per il ripieno: 500 g di verza, 50 g di burro, 100 g di mozzarella tritata fine, 100 g di grana grattugiato, 1 uovo, noce moscata, sale grosso. Per il condimento: 150 g di prosciutto cotto affettato sottile, 200 g di zucca ferrarese, 3 cucchiai di olio extravergine di oliva, sale e pepe macinati. Prepariamo la sfoglia nella maniera classica, quindi stendiamo, quindi lasciamo asciugare con i bordi piegati verso l’interno. Nel frattempo, mettiamo a stufare la zucca con un filo d’olio e aggiustata di sale e pepe, cuocendo con il coperchio per circa 5 minuti. Sbollentiamo la verza, quindi spadelliamo con un po’ di burro. Una volta ammorbidita, frulliamo con la mortadella: questo sarà il ripieno delle nostre stelline. A questo punto, stendiamo la pasta e farciamo realizzando dei piccoli ciuffetti. Ricopriamo con il resto della pasta, chiudiamo bene per far fuoriuscire tutta l’aria e tagliamo con l’apposita formina da sfoglia. Lessiamo in acqua bollente e salata, quindi condiamo con la zucca stufata e abbondante prosciutto cotto.

Pizzette con polenta taragna di Andrea Mainardi. Ingredienti per la polenta: 200 g di farina per polenta, 1 L di acqua, 100 g di burro, 1 spicchio d’aglio, 5 foglie di salvia, 100 g di fontina, 100 g di casera, sale q.b. Inoltre: 200 mL di passata di pomodoro, 200 g di mozzarella, 50 g di olive taggiasche, 200 g di taleggio, 1 cipolla, 1 mazzetto di prezzemolo fresco, olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Facciamo bollire l’acqua salata e versiamo la polenta con la frusta, facciamo quindi cuocere per 40′. Facciamo sciogliere il burro con l’aglio e la salvia. Nel frattempo, tagliamo il formaggio a pezzetti e uniamo alla polenta insieme al burro fuso, privato dell’aglio e della salvia. Facciamo rosolare i funghi con le cipolle per circa 10′ e profumiamo con un po’ di prezzemolo fresco. Rosoliamo parte della polenta in padella perché si formi la crosticina, quindi aggiungiamo il pomodoro e la mozzarella. Nella restante, uniamo il taleggio e i funghi. Inforniamo le pizzette il tempo necessario per far sciogliere la mozzarella.

Tagliatelle funghi, speck e vino rosso di Antonella Clerici. Ingredienti: 320 g di tagliatelle all’uovo, 150 mL di vino rosso, 100 mL di brodo, 300 g di funghi misti, 2 cucchiai di farina, 60 g di speck affettato, olio e.v.o., un rametto di rosmarino, sale e pepe. Realizziamo la riduzione con il brodo e il vino. Tagliamo i funghi e cuociamo in padella con olio e sale. Uniamo la riduzione di vino e qualche ago di rosmarino. Cuociamo le tagliatelle in acqua salata, uniamo lo speck tagliato a pezzetti e aggiungiamo il condimento. Facciamo legare bene.

About Martina Dessì

Nata nel 1988, in un venerdì molto speciale… Dopo la maturità scientifica, conseguita a pieni voti, ha deciso di iscriversi al corso di laurea in Chimica. Non trascura la passione per la lettura, che nutre sin da bambina, divorando enormi quantità di libri. Quasi per caso, si trova ora ad inseguire il suo sogno, che sembrava ormai sopito, scrivere…

One Comment

  1. maria

    dicembre 9, 2014 at 03:00

    IL PROGRAM ANTONELLA LO SEGUE DA SEMPRE.CON ALCUNE AMICHE USAME ZAPPING
    E IMPOSSIBLI SEGUIRE BIGAZZI SIGNORE PRETENSIOZO PRENDE LA PAROLE A TUTTI SIAMO UN GRUPPO
    ZAPPIAMO? E PEGGIO E LA MORONI QUASI UGUALE LA DONNE CHE PENSA FARE TUTTO MEGLIO ANCHE LEI PRENDE SEMPRE LA PARLOLE ALLE INVITATI. E NOIA
    DI PUI A UNA VOICE INSSUPORTABILE CHUIDIAMO RAI1
    LE VERE CHEFS SONO PER BENE TRISTE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *